Motore di ricerca
testata casa della pace
  • Riparare le tende per ripartire sui sentieri di Isaia (don Tonino Bello)
dal 28 luglio al 2 agosto

ritornano i bambini SAHRAWI alla CASA PER LA PACE

Il piccolo gruppo di bambine e bambini Sahrawi ritornano ospitati alla Casa per la Pace, insieme ai loro accompagnatori e alle famiglie del Comitato Selma.
21 luglio 2016

La parola al Comitato Selma, che da molti anni nel territorio di Impruneta e Greve fa giungere nelle famiglie i bambini e le bambine Sahrawi:

PICCOLI AMBASCIATORI DI PACE
Progetto Accoglienza dei bambini Saharawi

Ogni anno vengono accolti in Italia per 2 mesi circa 300 minori Saharawi Il progetto è nazionale ed è approvato dal Ministero degli Esteri . Ogni associazione provvede a pagare le spese di viaggio e per l’accoglienza del gruppo di 10 bambini accompagnati da un adulto Saharawi, anche dividendo il periodo dei due mesi con altre associazioni.

Fin dal 1994 ogni anno, nel periodo estivo, accogliamo un gruppo di bambini Saharawi e li sistemiamo presso famiglie della zona, perchè l'accoglienza in famiglia è un arricchimento sia per i bambini sia per le famiglie. Durante il giorno organizziamo attività di gruppo con giochi, visite a parchi e momenti di socializzzaione con i nostri bambini.

FINALITA'

1) Consentire ai bambini Sahrawi accolti in Italia:
• un’apertura sul mondo esterno e su una cultura nuova e diversa;
• un'estate di riposo e svago e un clima più favorevole;
• un controllo accurato dello stato di salute (esteso anche ai loro accompagnatori
•attività ricreative, culturali, sportive e artistiche.

2) Favorire la conoscenza della realtà dell’infanzia sahrawi da parte:
• delle istituzioni e della società civile;
• dell’opinione pubblica e del mondo dell’informazione.

3) Promuovere atti concreti nei confronti dei diritti del popolo sahrawi.

Per individuare, anno per anno, i bambini che parteciperanno al progetto, abbiamo, insieme alla comunità Saharawi, stabilito i seguenti criteri:

• Non aver già precedentemente usufruito della vacanza;
• Avere problemi di salute, con particolare riferimento alla celiachia;
• Provenire dai campi profughi di Tindouf e da famiglie maggiormente bisognose;
•Avere ottenuto buoni risoltati a scuola.
Bimbi Sahrawi

E' insieme a loro e agli amici dell'Associazione per l'Amicizia Italo Palestinese che VENERDI 29 LUGLIO presso la Casa per la Pace vivremo una serata di festa, ralegrata dai bravi musicisti di ITALIKA che ci regaleranno le magiche note della TARANTA e della musica popolare del Sud!

Note

http://www.comitatoselma.it/index.html

https://www.facebook.com/ItalicaPDM/?fref=ts

ultimi articoli

  • LA CASA IN FESTA

    LA CASA IN FESTA

    La tua festa diventa occasione di solidarietà e di condivisione.
  • LA NONVIOLENZA COME CONVIVIALITA’ DELLE DIFFERENZE
    Laboratorio sulla gestione delle diversità e dei conflitti FIRENZE 7 – 8 APRILE 2018

    LA NONVIOLENZA COME CONVIVIALITA’ DELLE DIFFERENZE

    Alfredo Panerai, insegnante e facilitatore di gruppi e Pio Castagna, formatore alla nonviolenza. conducono il laboratorio
    9 febbraio 2018
  • Aggiornamenti

    SOSPESI i percorsi VISITARE Firenze COSTRUIRE PACE

    9 gennaio 2018 - Casa per la pace
  • UN'ALTRA DIFESA E' POSSIBILE
Difendiamoci, sì, ma da chi e come?
    EDITORIALE COMUNE

    UN'ALTRA DIFESA E' POSSIBILE Difendiamoci, sì, ma da chi e come?

    In occasione del 15 dicembre (quarantacinquesimo anniversario dell'approvazione della prima Legge italiana di riconoscimento dell'obiezione di coscienza al servizio militare e istitutiva del servizio civile, la n. 772 del 15.12.1972), viene diffuso questo editoriale comune della Campagna "Un'altra difesa è possibile" sottoscritto da Direttori di diverse riviste e che sarà pubblicato su molti siti che sostengono la proposta di una Legge per la Difesa civile non armata e nonviolenta.
    15 dicembre 2017

Note

http://www.comitatoselma.it/index.html

https://www.facebook.com/ItalicaPDM/?fref=ts

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.7