Forum: Segnalazioni

2 gennaio 2004

Non tutti sanno che...(2)

Cluster bombs
Autore: nontuttisanno@lycos.it

# AIUTA L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE, RISPEDISCI QUESTA NOTIZIA A TUTTI I TUOI CONTATTI. I NOSTRI CANALI DI DIFFUSIONE SIETE VOI! #

-------------------------

NON TUTTI SANNO CHE...(2)

- Il 12 dicembre 2003 l'organizzazione statunitense 'Human rights watch' (Hrw: 'Osservatorio sui diritti umani') ha pubblicato un rapporto intitolato 'Off Target: The Conduct of the War and Civilian Casualties in Iraq' ('Fuori bersaglio: La gestione della guerra e le vittime civili in Iraq'), nel quale illustra gli effetti delle 'cluster bombs' usate dalle truppe angloamericane durante la guerra in Iraq.
Le cluster bombs, dette anche 'bombe a grappolo' o 'bombe a frammentazione', sono bombe che al momento dell'impatto liberano sull'area circostante 202 minibombe. Queste minibombe dovrebbero in teoria esplodere subito, ma in pratica ne rimane sempre un 5 per cento inesploso; di fatto, quindi, esse diventano equivalenti alle mine antiuomo, e la loro estrema pericolosita' e' dovuta anche al loro colore giallo, che attrae particolarmente l'attenzione dei bambini.
Secondo Hrw, dal 20 marzo al 9 aprile 2003 sono state usate complessivamente circa 13.000 cluster bombs - 10.782 dalle forze americane e 2.170 dalle forze britanniche - per un totale di circa 2 milioni di minibombe. Hrw calcola che durante l'invasione le cluster bombs abbiano ucciso o ferito piu' di mille iracheni, e che molti altri abbiano in seguito continuato a morire o a restare mutilati a causa degli ordigni inesplosi. Le zone piu' colpite dalle bombe a frammentazione sono quelle centrali di Hilla, Najaf e Nassiriya, dove tra marzo e aprile Hrw ha registrato 2.279 vittime tra i civili, di cui 678 morti e 1.601 feriti. Il 90 per cento dei pazienti curati nell'ospedale di Hilla, secondo il direttore, erano feriti da cluster bomb. (http://www.hrw.org/reports/2003/usa1203/)

- Gli Stati Uniti, insieme a Cina, Russia, Turchia, Egitto e Finlandia, non hanno mai firmato (http://www.manitese.it/mensile/298/mine3.htm) la 'Convenzione per la messa al bando dell'uso, lo stoccaggio, la produzione ed il trasferimento delle mine antipersona e per la loro distruzione', sottoscritta ad Ottawa da 127 Stati il 3 dicembre 1997 (http://www.onuitalia.it/peacekeeping/mine.html).

DOMANDA: Che cos'e' un'arma di distruzione di massa?

-------------------------

# AIUTA L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE, RISPEDISCI QUESTA NOTIZIA A TUTTI I TUOI CONTATTI. I NOSTRI CANALI DI DIFFUSIONE SIETE VOI! #

Per inoltrare questo messaggio a tutti i tuoi amici copia il testo ed incollalo su un messaggio nuovo, cosi' eviterai che gli altri siano costretti a leggere la mail con gli antipatici >>>.
Se vieni a conoscenza di notizie importanti trascurate dai grandi media e vuoi segnalarcele puoi farlo scrivendoci all'indirizzo: nontuttisanno@lycos.it .
Non dimenticare di indicare le fonti, che noi controlleremo prima di inviare le informazioni ad altri.
Grazie per l'aiuto!!

Prossimi appuntamenti

PeaceLink News

Archivio pubblico

Dal sito

  • Ecodidattica
    Video per conoscere e studiare esempi concreti di ecosostenibilità urbana

    Friburgo e il suo ecoquartiere di Vauban

    La città tedesca di Friburgo è considerata un modello di sostenibilità ambientale e Vauban è il quartiere nel quale sono bandite le automobili. La gente usa la bicicletta e la vita quotidiana di questa città rispetta i criteri fondamentali dell'ecologia
    12 dicembre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Coordinamento Staffette Podistiche 2 agosto 1980 organizza la staffetta "Per non dimenticare"

    La strage di Piazza Fontana

    12 DICEMBRE 2018 – 49° Anniversario della Strage di Piazza Fontana
    11 dicembre 2018 - Laura Tussi
  • Migranti
    Dure critiche di Amnesty International al governo italiano

    "Crociata del ministro dell’Interno nei confronti di rifugiati e migranti"

    A settanta anni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, Amnesty International rileva una gestione "repressiva" dei migranti e di un "linguaggio istituzionale incattivito". E accusa il “massiccio ricorso” di alcuni candidati e partiti a “stereotipi e linguaggio razzista e xenofobo"
    10 dicembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Progetto SILECC in Puglia

    In difesa delle piante d'olivo

    Sperimentato un protocollo scientifico per il controllo del complesso del disseccamento rapido dell’olivo (CoDiRO)
    10 dicembre 2018
  • Taranto Sociale
    La bufala raccontata negli anni Ottanta: "La portaerei non entra nel mar Piccolo"

    La portaerei Cavour entra nel Mar Piccolo di Taranto per manutenzione

    Negli anni Ottanta l'ala "migliorista" del PCI sostenne la necessità di una nuova base navale in mar Grande perché altrimenti l'ammiraglia della flotta non avrebbe avuto la manutenzione nell'Arsenale Militare in mar Piccolo
    10 dicembre 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.3 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)