Editoriale

  • Come i cafoni di Fontamara
    Taranto, il governo attuale continua a far funzionare impianti dell'ILVA posti sotto sequestro penale prospettando per di più un aumento della produzione e promettendo un impossibile taglio delle emissioni complessive

    Come i cafoni di Fontamara

    Il ministro Costa mi appare come il don Circostanza di Ignazio Silone, detto «l'amico del popolo», che riesce a convincere i cafoni che si lasciavano al podestà i tre quarti dell'acqua del ruscello (che serviva ai contadini per irrigare) e ai fontamaresi i tre quarti dell'acqua rimanente: «Così gli uni e gli altri avranno tre quarti, cioè, un po' di più della metà», concluse don Circostanza, dando poi a intendere che la sua proposta danneggiava enormemente il podestà. Nel nostro caso Arcelor Mittal.
    18 settembre 2018 - Alessandro Marescotti

Gli articoli di PeaceLink

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

Vignette

Vignette per la Pace

I Dossier di PeaceLink

  • Modello Gand a Taranto? Gli indiani di Arcelor Mittal inquinano anche in Belgio
    L'impatto sui bambini

    Modello Gand a Taranto? Gli indiani di Arcelor Mittal inquinano anche in Belgio

    Oltre il 60% di PM emesso nell’area di Gand è originato dall’acciaieria di Arcelor Mittal
    15 febbraio 2017 - Stefano Valentino
  • Il disastro ambientale dell’ILVA di Taranto e la violazione dei Diritti Umani
    Report a cura di FIDH (Federazione Internazionale dei Diritti Umani), Unione forense per la tutela dei diritti umani, HRIC (Human Rights International Corner) e PeaceLink

    Il disastro ambientale dell’ILVA di Taranto e la violazione dei Diritti Umani

    Il testo integrale del rapporto presentato a Roma il 13 aprile 2018 nella sede della Federazione Nazionale Stampa Italiana
    14 aprile 2018 - Alessandro Marescotti
  • Gandhi: "Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo"
    A 70 anni dalla morte di Gandhi

    Gandhi: "Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo"

    Con lui gli sconfitti vinsero e anche noi oggi possiamo fare lo stesso, tutti insieme
    31 gennaio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Elenco delle maggiori campagne pacifiste e nonviolente

    Elenco delle maggiori campagne pacifiste e nonviolente

    15 marzo 2018 - Laura Tussi
  • La truffa (on-line) corre sulla rete

    La truffa (on-line) corre sulla rete

    Furti d'account, finte partite IVA, siti di e-commerce fantasma: acquistare oggi su internet può essere una operaziona ad alto rischio se non ci si attiene scrupolosamente ad alcune rigorose ma semplici buone pratiche. Perché se poi la truffa arriva, allora inizia un vero e proprio calvario che nella maggior parte dei casi si conclude con la perdita del proprio danaro ed un inevitabile stress psicologico.
    6 gennaio 2013 - Vittorio Moccia
  • Per un nuovo Paradigma Rifiuti: cosa fare
    A chi conviene accumulare ancora rifiuti nelle strade? Sicuramente a coloro che sui rifiuti vogliono speculare sia in termini economici che politici.

    Per un nuovo Paradigma Rifiuti: cosa fare

    Dopo anni di discussioni, elaborazioni e lotte la Campania rischia di essere di nuovo coinvolta in un periodo di emergenza rifiuti. Tutto ciò mentre le lobby della combustione, con studiata strategia, stanno invadendo il Paese di inceneritori e di impianti inquinanti. Questo dossier vuole invece dimostrare che un altro mondo è possibile.
    22 luglio 2010 - Coordinamento Regionale Rifiuti della Campania
  • Dossier Uranio Impoverito

    Inviato da PeaceLink al Parlamento Europeo
    16 gennaio 2001 - Carlo Gubitosa e Francesco Iannuzzelli
  • Non toccate quelle polveri!
    Il dossier presentato nella conferenza stampa e spiegato a Radio PeaceLink

    Non toccate quelle polveri!

    Le precauzioni sanitarie che dovrebbero essere conosciute a Taranto e adottate dai cittadini.
    14 settembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • F-35
    La Relazione speciale della Corte dei Conti e la cupa posizione dei sindacati confederali

    F-35

    Verranno finanziati con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Dossier benzo(a)pirene

    Tratta della natura cancerogena e genotossica del benzo(a)pirene e della salute dei bambini. A cui si aggiunge la parte su come è cambiata la normativa con il dlgs 155/2010
    2 febbraio 2011 - PeaceLink
Motore di ricerca

PeaceLink News

...

L'altro editoriale

LIBRI

Gallerie Fotografiche

Forum: Segnalazioni

5 ottobre 2004

Settembre secondo in classifica per le morti in Ir

Oltre 1.000 morti americani in Iraq.Rumsfeld si appella alla "difesa della libertà"
Autore: Noemi di Leonardo
Fonte: Robert Burns - 11.10.2004 - Associated Press

traduzione Noemi di Leonardo
Lunedì 4 ottobre, Washington – Settembre è il secondo della lista per il numero di morti americani in Iraq, facendo salire a circa 500 il numero di perdite dalla fine di marzo.
Il Pentagono ha annunciato domenica sera che due soldati sono morti la settimana scorsa per le ferite riportate ed un altro è stato ucciso da una bomba il 30 settembre: sono 80 i morti nel mese di settembre, erano stati 65 ad agosto e 80 in maggio.
Il mese peggiore per le truppe americane è stato aprile, quando i morti sono stati 135. Qualcuno sperava che la violenza sarebbe diminuita dopo l’insediamento del governo iracheno il 28 giugno, ma il numero dei morti è cresciuto costantemente da allora.
42 militari americani sono morti in giugno e 54 in luglio.
In risposta al Consiglio per le Relazioni Estere, il segretario alla difesa Donald H. Rumsfeld ha dichiarato che i morti nell’esercito americano sono stati oltre 1.000, dall’11 settembre 2001. Non ha specificato il numero dei morti in Iraq, ma ha detto “si tratta di difendere la libertà” per questo le truppe americane combattono in Iraq come in Afghanistan.
“Le perdite, la violenza, le auto – bomba, gli obiettivi devono rimanere fissi” ha dichiarato “questa è la fotografia del nostro mondo se gli estremisti dovessero prevalere”.
Nell’annuncio di domenica sera, il Pentagono ha dichiarato che Allen Nolan, un riservista dell’Ohio, è morto domenica a Fort Sam, a Houston nel Texas, per le ferite riportate il 18 settembre, a Balad in Iraq, quando il suo veicolo è esploso su una bomba.
Nolan, 38 anni, era un riservista della 660° compagnia di Trasporto a Zanesville in Ohio. Il sergente Mike A. Dennie, 31 anni, di Fayetteville, N.C., è morto venerdì per un incidente con il suo mezzo avvenuto in Iraq. Dennie era nel 106° battaglione di Kitzinger, Germania.
Il totale dei morti americani (esattamente 1.058) include 3 civili del Dipartimento della Difesa: 917 sono morti da quando il presidente Bush ha ordinato di inasprire i combattimenti il 1° marzo 2003.
-----------
Sept. Is 2nd-Deadliest 2004 Month in Iraq
By Robert Burns
The Associated Press
Monday 04 October 2004
Washington - September was the second-deadliest month of the year for U.S. forces in Iraq and brought to nearly 500 the number who have died since the insurgency escalated in late March.
The Pentagon announced Sunday evening that two soldiers died late last week of injuries suffered earlier in the month, and another was killed Sept. 30 by a roadside bomb. That brought the month's death toll to 80, up from 65 in August and equal to the 80 who died in May.
The worst month of the year for U.S. troops in Iraq was April when 135 died in a wave of insurgent attacks. Some had hoped the violence would decrease after an interim Iraqi government was given sovereignty June 28, but the death toll has risen steadily since then.
Forty-two U.S. military deaths were recorded in June and 54 in July.
In remarks Monday to the Council on Foreign Relations in New York, Defense Secretary Donald H. Rumsfeld said the U.S. military death toll since the terrorist attacks of Sept. 11, 2001 exceeds 1,000. He did not specify the number of deaths in Iraq, but said "it is in freedom's defense" that U.S. troops are fighting there as well as in Afghanistan.
"Amid the losses, the ugliness, the car bombings, the beheadings, the task is to remain steadfast," he said in remarks prepared for delivery. "Picture the kind of world we would have if the extremists were to prevail."
In its Sunday evening announcements, the Pentagon said Spc. Allen Nolan, an Army Reserve soldier from Marietta, Ohio, died Saturday at Fort Sam Houston, Texas, of injuries sustained Sept. 18 in Balad, Iraq, when his vehicle hit a roadside bomb and then came under small arms fire. Nolan, 38, was with the Army Reserve's 660th Transportation Company at Zanesville, Ohio.
Army Staff Sgt. Mike A. Dennie, 31, of Fayetteville, N.C., died Friday in Balad from injuries sustained Sept. 22 in Baghdad when the driver of his vehicle pulled off the road and lost control, causing it to roll over. Dennie was with the 106th Finance Battalion from Kitzingen, Germany.
As of Monday, the U.S. military death toll since the Iraq invasion began in March 2003 stood at 1,058, the Pentagon says. The total includes three Defense Department civilians. Of the total, 917 have died since President Bush declared major combat operations over May 1, 2003.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)