Il mito vuoto di Michael Jackson

26 giugno 2009 - Francesco Comina

Michael Jackson

La parabola ascendente/discendente di Michael Jackson: figlio suburbano alla ricerca di fama, talento della musica e del ballo, interprete di un universo, divo oceanico, prodotto prelibato dell'industria del successo, svuotato di umanità, diventato fenomeno, orpello, cosa, marchio, defraudato di una identità, ossessionato dal mai ancora, defraudato dal troppo, annichilito dall'effimero, incapsulato dal nulla. Ha creato e ha distrutto. È morto di eternità.

Ultimo numero

Nell'era della globalizzazione
NOVEMBRE 2017

Nell'era della globalizzazione

Tutto diventa globale e il “pensiero unico” occidentale si materializza
come intreccio di poteri e forme di dominio…
Nell’arena globale, le multinazionali ricoprono il vuoto lasciato
dallo Stato-nazione e questo è il più grave danno
per ogni sforzo di democrazia.
Noam Chomsky
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.6