Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace

Paesaggi Kosovari, 1998-2018

Progetto PRO.ME.T.E.O.
Libro di Gianmarco Pisa. Recensione di Laura Tussi. Edizioni Multimage
20 settembre 2019

Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace

Paesaggi Kosovari - Recensione

Paesaggi Kosovari, 1998-2018.

Lo studio di Gianmarco Pisa, dal titolo "Paesaggi Kosovari, 1998-2018. Il patrimonio culturale come risorsa di progresso e opportunità per la pace", sviluppa ampie riflessioni che costituiscono il risultato dell’evoluzione del processo e del percorso culturale del progetto Pro.me.t.e.o., in relazione alle opportunità e alle potenzialità di promuovere e potenziare inediti progetti di sviluppo sociale ed economico nei Balcani, in particolare nel Kosovo, a partire dagli indiscutibili e imprescindibili patrimoni storici e culturali che appartengono al Genius Loci di quelle geografie.

A partire dalla vicenda jugoslava, lo studio di Gianmarco Pisa indaga, anche nel più complesso scenario europeo e mediterraneo, il valore dei patrimoni culturali, il senso e il significato degli itinerari storici e le prospettive di rigenerazione delle memorie e della costruzione della "pace con giustizia".

Il progetto Pro.me.t.e.o mette a fuoco lo scenario dei patrimoni culturali, i luoghi della memoria e le memorie collettive e condivise, al fine della trasformazione nonviolenta e costruttiva del conflitto nel Kosovo. Nella cover del libro, risalta il Monumento alla Fratellanza e all’Unità del 1961, celebrazione del principio, proprio della Jugoslavia Socialista, della fratellanza e unità tra i popoli, situato a Prishtina in Kosovo.

Lo studio indaga la Memoria e i Balcani negli spazi del concreto e dell’immaginario collettivo, nella contraddizione balcanica delle prospettive storiche e delle dimensioni memoriali, dove il Kosovo viene analizzato nel panorama regionale e internazionale per l’impostazione delle politiche generali per il patrimonio culturale che costituiscono occasioni al fine di superare lo stereotipo e costruire innovative ed opportunità.

In modalità molto articolate e dettagliate, lo studio traccia e descrive un itinerario a Prishtina per la rigenerazione delle memorie e la stratificazione delle epoche e un percorso itinerante a Mitrovica dove si affrontano il dissidio e la reciprocità nei rapporti tra Serbi e Albanesi e, infine, un viaggio a Prizren, dalla sorprendente bellezza laica e religiosa. Da questi percorsi progettuali si evince l’opportunità costituita dal patrimonio culturale e da un innovativo "approccio integrato" per lo sviluppo sostenibile in Kosovo che vive in equilibri precari tra contraddizioni economiche e potenzialità di sviluppo nel retroterra sociale delle speranze della riconciliazione nonviolenta, che si proietta dalla Storia alla Memoria, in un ponte tra il passato e l'attualità.

Come postfazione al compendio, un ricordo di Alberto L'Abate (1931- 2017) una delle più importanti figure della ricerca per la pace nel nostro Paese, il cui pensiero molto si è soffermato sui temi della prevenzione della violenza e del progetto costruttivo, nello svolgimento della sua riflessione più matura. Nel nostro tempo, le guerre sono diventate, nella terminologia più diffusa, "guerre umanitarie", "guerre per la democrazia", "guerre per i diritti", in un modo subdolo e ipocrita per mascherare i motivi e gli interessi reali che stanno dietro ai sanguinosi conflitti che le maggiori potenze continuano a imporre in tutto il mondo.

Questo si è verificato non solo all’epoca della guerra in Iraq nel 1991, ma anche durante la guerra del Kosovo (1998-99) che poteva essere evitata, con soluzioni diplomatiche. Ma non si è potuto evitare il conflitto perché Stati Uniti e NATO avevano deciso di muovere guerra per i loro interessi. Lo stesso discorso possiamo constatare rispetto alla proliferazione degli armamenti, non solo per la diffusione delle armi tradizionali e convenzionali, ma soprattutto per gli ordigni nucleari che ci possono condurre verso il baratro irreversibile di un'apocalisse nucleare e verso quindi la cancellazione della nostra civiltà.

Anche se contro questa direzione, la società civile si è imposta, ratificando il Trattato ONU del 7 Luglio 2017 per il disarmo nucleare universale e per l'abolizione degli ordigni nucleari, che è valso a tutti noi attivisti il Premio Nobel per la Pace con ICAN.

Articoli correlati

  • "Riace. Musica per l'Umanità" con intervista a Mimmo Lucano per ANPI Borgomanero
    Migranti
    Con ANPI Borgomanero per il libero scambio di pensieri, parole, musica, libri per l'Umanità

    "Riace. Musica per l'Umanità" con intervista a Mimmo Lucano per ANPI Borgomanero

    Una rivoluzione culturale in una importante cittadina come Borgomanero che ha dato una ottima risposta partecipativa di libero pensiero, con i libri, con l’antifascismo militante contro ogni barbarie e oscurantismi imperanti. Con il messaggio inedito del Presidente di PeaceLink Alessandro Marescotti
    14 ottobre 2019 - Laura Tussi
  • PeaceLink For Future
    PeaceLink
    Seminario formativo sulla cittadinanza attiva

    PeaceLink For Future

    Pace, ecologia e solidarietà e cittadinanza digitale. Come fare giornalismo dal basso per dare voce alla società civile. Incontro nazionale di PeaceLink il 9 e 10 novembre. In questa pagina web trovate il form per registrarsi online.
  • Radio Popolare con Mimmo Lucano e "Riace, Musica per l'Umanità"
    Pace
    Spot di Radio Popolare per l'evento con Mimmo Lucano a Milano

    Radio Popolare con Mimmo Lucano e "Riace, Musica per l'Umanità"

    Radio Popolare promuove l'evento con Mimmo Lucano a Milano per la presentazione del Libro "Riace, Musica per l'Umanità" Mimesis Edizioni, a sostegno della Fondazione Riace - E' stato il vento
    12 ottobre 2019 - Laura Tussi
  • "Riace, Musica per l’Umanità" al Centro Studi Sereno Regis di Torino
    Storia della Pace
    Presentazione al Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile

    "Riace, Musica per l’Umanità" al Centro Studi Sereno Regis di Torino

    Una presentazione in pubblico al Festival della Nonviolenza e della Resistenza Civile molto partecipata e sentita sull’onda del ricordo di un carissimo maestro di vita come Nanni Salio, grande attivista e ecopacifista, già presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino.
    11 ottobre 2019 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)