Motore di ricerca

Il culto di Sant'Antonio

Dicembre 2006

Sant'Antonio


L’Associazione socio Culturale Sportiva “Sant’Antonio Abate” è nata il 16 gennaio del 2003 con lo scopo di interessarsi delle condizioni sociali e culturali degli abitanti che risiedono nelle contrade circostanti la Chiesa sita in Vidorni di Casalbordino, e compie la sua opera grazie agli interventi di volontariato dei soci ed alle offerte e donazioni che riesce a raccogliere. Il territorio che la piccola Chiesa accomuna si trova a cavallo tra il comprensorio di Vasto e quello di Lanciano, è racchiuso tra i comuni di Casalbordino, Atessa e Paglieta, ed è suddiviso in numerose contrade denominate Vidorni, Piana Cerracchio, Mandrelle, Satrino, Piana d’Alloro, Piana Iannace, Solagna e Boragna Lunga, San Martino, Coste D’Annunzio ed altre. Queste, pur trovandosi a distanze non notevoli dai centri abitati, sono sempre state conosciute da tutti come dei lontani luoghi di confine ed è forse per questo che nell’animo degli abitanti si è sempre avvertito un certo malcontento dovuto dal sentirsi sempre un po’ trascurati, se non addirittura dimenticati dagli altri. Le famiglie di queste contrade, pur essendo vicine e in gran parte imparentate fra loro, si ritrovano ad essere divise da tradizioni diverse, per posizione geografica (appartenendo spesso a comuni differenti) o per tradizione familiare che sia, ma, contemporaneamente, sono unite dallo stesso senso di distacco e dalla stessa lontananza morale che avvertono nei confronti delle reciproche amministrazioni comunali e dagli abitanti del centro urbano di appartenenza. Nel 1966, per mano dei residenti di questi luoghi e con l’aiuto dell’allora parroco di Casalbordino Don Fiorino, è iniziata la costruzione della chiesetta di Sant’Antonio Abate, che si è protratta fino a tutto il 1967, permettendone l’inaugurazione con l’organizzazione della prima festa il 30 aprile 1968. Una Chiesa, questa, che, quasi a simboleggiare la circostanza di confine e lo stato d’animo dei parrocchiani, si è scoperto solo da poco essere stata costruita sulla linea di confine tra il comune di Casalbordino e quello di Atessa. L’Associazione, nell’intento di unire sempre di più le famiglie del territorio, preservare le loro tradizioni e la loro cultura, nonché farsi portavoce dei loro problemi sociali, organizza incontri di vario genere: feste, cene, gite, corsi di musica e quant’altro possa suscitare interesse o comunque risultare utile a migliorare lo spirito di solidarietà. La festa dell’1 e 2 giugno è la manifestazione più importante tra tutte le attività organizzate. Infatti, nonostante il 17 gennaio venga eseguita una rappresentazione canoro-teatrale de “Lu Sand’Andonje”, si rimandano a queste date i festeggiamenti di rito in onore del Santo protettore, affinché tutti vi possano partecipare, sperando in belle giornate di sole. Associazione Sant’Antonio Abate