Motore di ricerca

La parola ai lettori

Luglio 2006

La parola ai lettori


"E si fece buio su tutta la terra" testimonia l'evangelista. Il Cielo volle essere partecipe del dramma di quell'uomo, il Creato com-patì il suo Creatore. Questo straordinario versetto mi è tornato alla mente durante la Via Crucis di oggi, quando, poco prima dell'inizio, è iniziato a piovere. Una pioggia fitta e insistente che sembrava volesse rovinare tutto. Ed invece, mentre ci apprestavamo ad entrare al cimitero, vediamo le nubi fuggir via e giungere un caldo e luminoso sole. Improvvisamente, nei colori e nei suoni, quel che trasmetteva tristezza emanava gioia. Così come quel giorno di tantissimi anni fa, anche oggi, Madre Natura ha voluto esser protagonista. Una Madre che non è insensibile e fredda matrigna, come molti pensano. Madre, invece, vicina, calorosa ed amorosa, compartecipe dei destini del Creato. Non asfittica cornice di un quadro da cui è estranea. Ma intenso poema d'amore vergato giorno dopo giorno da un Innamorato. Un Innamorato mai stanco d'amare, dolce e passionale, che ogni giorno dona con fantasia nuovi lirici versi. Si nascondono tra i rami del melo, soffiano delicati tra i petali delle margherite in un giardino colorato e profumato. Commuovono svelando il loro tesoro di dolcezza e tenerezza. Non serve cercare nulla, basta lasciar andare, aprire, anzi spalancare, i cancelli del cuore. E tutto arriverà, a passi delicati, davanti a noi. Possiamo rimanere indifferenti, non vedere, non sentire, ma saremo noi a deciderlo. C'è un cuore che pulsa ininterrotto, sono le nostre orecchie a porgersi lontano dalle sue soavi note ...

ciranovagabondo