Motore di ricerca

Grazie Signore ...

Settembre 2008

Siamo alla fine del tempo estivo. Ci si prepara a riprendere il consueto ritmo di vita, il lavoro, gli impegni, la scuola, le attività pastorali mai interrotte e tutto il via vai di cose che accompagna il nostro quotidiano. Guardo con fiducia ed entusiasmo a quanto dovremo ancora, con l’aiuto di Dio, fare insieme, a quanto dobbiamo potenziare e a quanto dobbiamo cercare di testimoniare con un coraggio e una forza più intensi. Ma lo sguardo del mio cuore è rivolto anche a quanto abbiamo vissuto, condiviso e portato avanti insieme, specialmente a pochi giorni dal compimento dei cinque anni di ministero sacerdotale in questa comunità e a quattordici anni dall’ordinazione. Vorrei che da ogni cuore sgorgasse una preghiera di gratitudine e di lode a Dio per quanto ci dona e dà la grazia di realizzare, e una invocazione di misericordia per tutte le manchevolezze e le inadempienze.

Grazie Signore per il dono della Fede che
mi permette di sapere che ci sei e che mi
ami, grazie per il dono della chiamata
sacerdotale e per il tempo offertomi per
dare compimento a tale chiamata,
grazie per quanti mi hai dato la grazia di
incontrare lungo il cammino,
grazie per i volti, per i sorrisi, le lacrime,
le speranze, le gioie, le sofferenze e i
dolori che mi hai dato la grazia di leggere
in tanti cuori e di condividere con tante
vite dandomi così la possibilità di
conoscere la grandezza della vita e del
cuore di ogni uomo.
Grazie perché mi dai la gioia di
trascorrere questo tempo del mio servizio
a Te nella chiesa in questa terra benedetta
dalla Tua SS.ma Madre, Regina dei
Miracoli.
Grazie, mio Dio per i giorni di luce e per i
giorni di buio,
per i giorni di Grazia e i giorni di
debolezza,
per le sconfitte e per le vittorie,
per le tristezze e per le speranze,
per le accoglienze e per i rifiuti,
per le benedizioni e per i giudizi negativi,
grazie perché tutto mi dà la certezza che
solo il Tuo AMORE non passa mai, resta
per sempre.
Ovunque Tu mi vuoi Signore e per
qualunque cosa mi vuoi non posso che
dirTi: ECCOMI, mentre vivo nell’attesa
trepidante che Tu come sole radioso sorga
all’orizzonte del mio cammino per
avvolgermi per sempre con lo splendore
della Tua luce e la pienezza del Tuo
Amore.