Motore di ricerca

Vangelo senza confini

L'estate del MGM SS Salvatore pro Bolivia

Novembre 2009

MGM

“Buona sera a tutti voi e soprattutto grazie per essere qui, per questa serata a favore della Bolivia, un’iniziativa promossa dal MGM insieme alla “Compagnia teatrale Casalese” diretta dal Prof. Giovanni Tiberio”
Iniziava così la presentazione di una delle tre attività a sostegno del progetto Guarderia.
“Il MGM è una delle opere della Chiesa cattolica per le Missioni che ha come finalità il coinvolgimento degli adolescenti e dei giovani all’unica missione universale della Chiesa: annunciare il Vangelo fino agli estremi confini della terra. Quest’apertura missionaria, specifica per i giovani, da una parte diventa occasione per entrare in contatto con la ricchezza culturale dei popoli a cui si porta il vangelo, dall’altra possibilità di cogliere le difficoltà nel loro sviluppo sociale.
Gesù confermava la sua parola con le opere e questo da sempre è lo stile della Chiesa istituita per continuare la sua opera. In quest’ottica il MGM di Casalbordino ha sostenuto – negli ultimi tre anni, da quando è stato voluto da don Silvio - progetti legati alla promozione dei bambini dell’Asia, dell’Africa, dell’Oceania, così anche quest’anno propone attività a sostegno dell’ America Latina, in particolare della Bolivia per la realizzazione della “Guarderia”, una casa per bambini piccoli (l’equivalente del nostro Nido …) dove possano trascorrere parte della loro giornata, nella città di Cochabamba nella zona 21 septiembre, una zona periferica a sud, in continua crescita perché le famiglie dell’altopiano cercano sussistenza vicino alla città.. La Guarderia fondamentalmente è di aiuto alle mamme di questi bambini che grazie ad una suora italiana, Suor Bruna Pierobon hanno messo su una cooperativa dal nome: “Gruppo “Artesanal” di mamme.
Cosi hanno detto di loro, queste mamme:
“Il nostro gruppo è solidale con gli altri. Il lavoro ci unisce e ci aiuta a migliorare la nostra vita familiare e noi non vogliamo perdere quelle tradizioni e conoscenze che ci sono state trasmesse dalle nostre mamme e dalle nostre nonne. Ci impegniamo ad essere sincere tra noi, a cercare di conoscerci e accettarci con rispetto.
Il nostro lavoro di artigianato è una ricchezza che vogliamo valorizzare e proteggere per il nostro futuro di donne boliviane. La realizzazione del lavoro di artigianato è una opportunità per non uscire dalla nostra terra, lasciare soli i figli e non seguirli nel loro studio e nei loro giochi. Le necessità aumentano giorno dopo giorno e per poter garantire una vita serena e un po’ di sicurezza economica abbiamo bisogno di lavorare.
Chiediamo un contributo economico per iniziare questa attività artigianale di tessitura di borse, portamonete, piccoli tappeti e altro ….cominciando con un piccolo capitale.
Siamo un gruppo di quasi trenta mamme desiderose di cambiare degnamente la nostra vita familiare e sociale. Ci impegniamo a rispettare quanto abbiamo deciso e ad essere capaci anche di aiutarci nelle difficoltà. Speriamo in una risposta positiva.

popolo con flautista

Il Prof Giovanni Tiberio da tempo mi aveva espresso il suo desiderio di collaborare alle nostre iniziative e di farlo proprio con la Compagnia teatrale casalese e cosi è nata l’idea di questa serata. Grazie sinceramente a lui e a tutte le persone della sua compagnia, per la disponibilità a consacrare parte del loro tempo per questo progetto. Grazie, perché lavorando insieme ci si sente sostenuti nel tendere ad una giusta causa che non sempre è così facilmente condivisa. Grazie perché davvero l’unione fa la forza…nel raccogliere frutti più abbondanti.
Sr Bruna Pierobon presentandoci questo progetto di aiuto, iniziava così la lettera, in un invito a saper condividere le attese dei meno fortunati :
Martin Luther King diceva: “quando a sognare si è in molti, il sogno diventa realtà”

LE ALTRE DUE ATTIVITA’ DI TIPO CULTURALE PER LA CONOSCENZA DI ALCUNI ASPETTI DELLA BOLIVIA E DI ALTRI PAESI DELL’ AMERICA LATINA, SONO STATE LA MOSTRA FOTOGRAFICA SULLA COLTIVAZIONE DEL CAFFE’ E DEL CACAO AFFIANCATA DALLA VENDITA DEI PRODOTTI PROVENIENTI DA QUESTI PAESI E LO SPETTACOLO DEL GRUPPO MESSICANO QUETZALCOATL , FIRE AND PERCUSSION (Dai contrasti del buio e della luce, del rumore e del suono, della natura e dell'uomo nasce la vita, seguendo il ritmo primigenio del respiro e del battito del cuore. Il battito si fa percussione, energia che si sprigiona come una pulsazione attraverso le proposte di questi artisti messicani che riescono ad esprimere la forza della propria terra e il legame con le radici di una cultura che non ha la nostra lingua, ricercando un linguaggio universale fatto di forme e suoni.)
Rosanna

Da: Bruna Pierobon
Inviato: mer 09/09/2009 19.59
A: rosannamoretti at alice.it
Oggetto: grazie
Carissimi amiche ed amici,
non conosco i vostri volti, però conosco la vostra generosità ed il vostro desiderio di essere dentro alla realtà della nostra missione.
GRAZIE per la fiducia dataci nel credere al nostro servizio in terra di Bolivia.
La missione è una risposta al nostro battesimo e per questo tutti dobbiamo essere missionari dove la provvidenza ci invia.
Mille GRAZIE per la vostra generosa offerta di euro 3.000,00 a favore della Guarderia.
Sono rientrata in Bolvia da quasi un mese e non mi sembra di essere mai stata assente.
Gli impegni sono tanti, ma vale la pena viverli bene.
UN GRAZIE di cuore a tutti i collaboratori e alla comunità di Casalbordino.
Una preghiera reciproca

Mi impegno a rimanere in contatto con voi.
Un saluto a tutti e GRAZIE di cuore.
Brunahermana