Motore di ricerca

Ciao Malita, un giorno ci rivedremo dove non soffriremo e tutto sarà giusto

Mentre il giornale stava andando in stampa, siamo stati raggiunti dalla terribile notizia dell’incidente d’auto che ha strappato alla vita una giovanissima ragazza di Casalbordino. La vogliamo salutare con queste struggenti parole. Sono momenti nei quali tutta una vita scorre negli occhi, moltissimi ricordi. Un atto d’amore è conservarli nel cuore, permettendole di continuare a vivere accanto a noi. Senza perdere la tenerezza, perché la crudeltà del dolore non può cancellare tutta una vita.
Natale 2009

Lunga e diritta correva la strada
l’auto veloce correva
la dolce estate era già cominciata
vicino lui sorrideva
vicino lui sorrideva.
Forte la mano teneva il volante
forte il motore cantava
non lo sapevi che c’era la morte
quel giorno che ti aspettava
quel giorno che ti aspettava
non lo sapevi ma cosa hai provato
quando la strada è impazzita
quando la macchina è uscita di lato
e sopra un’altra è finita
e sopra un’altra è finita.
Non lo sapevi ma cosa hai sentito
quando lo schianto ti ha uccisa
quando anche il cielo di sopra è crollato
quando la vita è fuggita
quando la vita è fuggita.
Vorrei sapere a cosa è servito
vivere, amare, soffrire
spendere tutti i tuoi giorni passati
se così presto hai dovuto partire
se presto hai dovuto partire.
Voglio però ricordarti com’eri
pensare che ancora vivi
voglio pensare che ancora mi ascolti
e come allora sorridi
che come allora sorridi…

(Francesco Guccini)