Motore di ricerca

La mia nuova vita in Italia

Natale 2017

cartina India

Sono Don Joseph Arul Sahayam della Diocesi di Tuticorin, che si trova nel sud-est dello stato del Tamil Nadu, nell'India meridionale. La popolazione totale di cattolici è di 450.000 (16,3%). La lingua principale parlata dal nostro popolo è il Tamil. La maggior parte della gente dipende dal mare e dall'agricoltura per il proprio sostentamento. I cattolici di quest'area risalgono al tempo di San Francesco Saverio, che trascorse gran parte della sua vita missionaria in questa zona. Tuticorin fu fondata come Diocesi nel 1923 da Papa Pio XI. I Patroni della nostra diocesi sono San Francesco Saverio e Santa Teresa di Gesù Bambino.
Sono nato a Thattaarmadam, un piccolo villaggio in cui vivono 300 famiglie cattoliche. Sono stato ordinato sacerdote il 24 Aprile 2004. Sono felice di essere stato il primo sacerdote del mio villaggio. Nei miei 13 anni di sacerdozio ho svolto il ministero pastorale in parrocchie e in un'istituzione. Dopo la mia ordinazione nell'anno 2004, ho servito due parrocchie come assistente parroco: nella Chiesa del Cuore Immacolato di Maria a Sathankulam e nella Basilica di Nostra Signora della Neve a Tuticorin. Sono stato parroco per 4 anni nella Chiesa della Madonna Assunta, una parrocchia missionaria. Dopo 6 anni di ministero pastorale, sono stato nominato direttore della Societàdi Servizi Sociali di Vallioor, un'organizzazione sociale diocesana, e ho svolto questo servizio per 6 anni. In questi anni, grazie a Dio,che mi ha dato forza e guida, ho maturato una esperienza molto buona sia nel campo pastorale che sociale.
È stato un periodo molto importante quello trascorso con la gente nei villaggi. La loro forte fede in Dio, nonostante la povertà e la condizione vulnerabile, mi ha sempre più impegnato nel mio ministero. Successivamente, la mia missioneè stata rivolta all'organizzazione sociale: ho lavorato per 6 anni con i bambini orfani, vulnerabili, emarginati e poveri. Il grido del bisogno quotidiano della loro vita, come abiti, riparo e istruzione, ha avuto un grande impatto su di me. C'erano 150 bambini con diverse brutte storie. È stato emozionantestare con loro e prendersi cura di loro. I sogni delle ragazze povere delle compagne si stanno realizzando perchè sono riuscito a creare opportunità di lavoro per il loro sostentamento. Per le cattive condizioni di vita, queste ragazze non sono in grado di raggiungere l'istruzione superiore, e allora abbiamo organizzato corsi a breve termine di computer, assistenza sanitaria, corsi di formazione per le imprese di piccole dimensioni. Le condizioni e lo status sociale delle donne di questi villaggi sono molto critiche, e allora è stato necessario organizzarle in piccolo gruppi, dando loro consapevolezza in materia di salute, rapporti sociali, politica e creando opportunità per avviare un programma di sostentamento per migliorare le loro condizioni e aprire la strada alla loro autosostenibilità o sostenibilità.
Dopo tutto questo,il Signore mi ha mandato a vivereuna nuova esperienza pastorale in un'atmosfera diversa e in un altro Paese. Il mio Vescovo mi ha dato l'opportunità di svolgere il mio ministero pastorale nella diocesi di Chieti-Vasto, in cui già si praticava il programma di gemellaggio di sacerdoti della diocesi di Tuticorin.
Sono arrivato in Italia ricco queste esperienze e ora voglio cogliere la bella opportunità che mi è stata datae sono sicuro che sarà per me un grande apprendimento per il mio servizio nel regno di Dio. Ho cominciato la nuova esperienza nella parrocchia di San Marco a Vasto, dove sono rimasto per 4 mesi. Ho avuto modo di apprezzare ed applaudire il grande servizio di volontariato di molte persone nelle parrocchie sia di Vasto e ora di Casalbordino, che svolgono attività di catechismo, liturgia, servizi sociali. Ho notato che gli anziani hanno una forte fede in Dio e partecipano numerosi ai servizi liturgici come la Messa quotidiana, il Rosario, la Novena. E c’è anche una grande attenzione per i bambini: avere cura di loro e seguirli nella loro crescita spiritualeè molto importante affinché possano diventare cristiani convinti e felici.
Da 15 giorni sono diventato vice parroco nella parrocchia S.S Salvatore di Casalbordino e posso dire che la mia vita è molto piacevole. Sto vivendo una bella esperienza con Don Silvio che e’ molto gentile con me ed è un buon pastore. I suoi servizi liturgici hanno avuto un grande impatto su di me. Egli è amabile con tutta la creazione, i suoi carismi spaziano e abbracciano tutto e tutti. Non solo si cura della parrocchia in generale, ma si adopera senza risparmio per aiutare i poveri, i disabili, le persone sole, i carcerati. Ascolta tutti e per tutti ha parole di conforto e quasi sempre soluzioni ai loro problemi. Spero che il mio servizio in questa parrocchia mi darà la possibilità di crescere e imparare molte cose per arricchireil mio bagaglio di conoscenze e, allo stesso tempo, aiutare questa comunità.
Possano questo Natale e il Nuovo Anno essere una nuova alba per la vita di tutti i Casalesi.
Auguro a tutti voi BUON NATALE e PROSPERO NUOVO ANNO 2018 e vi assicuro la mia preghiera.
Con amore in CRISTO GESU’
Don Arul