Motore di ricerca
testata casa della pace
  • Riparare le tende per ripartire sui sentieri di Isaia (don Tonino Bello)

31 dicembre alla CASA PER LA PACE

NON PUOI PARTECIPARE ALLA MARCIA DI MOLFETTA, ma
ti sta a cuore “Vincere l’indifferenza e conquistare la Pace”?
17 dicembre 2015

Se pensi anche tu che ci si possa sedere a tavola tra diversi, e che il peggior nemico della solidarietà sia l'indifferenza, se vuoi aderire idealmente ai valori che animeranno la Marcia per la Pace che Pax Christi, ormai da decenni, promuove e anima la notte del 31 dicembre, se anche concretamente vuoi unirti nel sostenere il progetto di Pace che la Marcia finanzierà con il ricavato delle offerte dei partecipanti,

allora VIENI IL 31 DICEMBRE ALLA CASA PER LA PACE!

Saremo tanti e diversi, con il desiderio di incontrarci, di fare festa, di pensare con tenace speranza al nuovo anno, di immaginare per noi stessi e per il mondo un futuro nutrito di vicinanza e di solidarietà a chi soffre, di unirci idealmente e concretamente ai pacifisti in marcia a Molfetta destinando, come loro, il ricavato della nostra serata alla C.A.S.A. Comunità di accoglienza e recupero per tossicodipendenti fondata da don Tonino Bello a Ruvo di Puglia.

OGNUNO PORTI CIBO BUONO DA CONDIVIDERE e € 10 A TESTA (grandi e piccini) DA LASCIARE A PAX CHRISTI.
POSSIBILITA' DI GRIGLIARE ALL'APERTO... ci sono fuochisti?!

GRADITA MUSICA E MUSICISTI, GIOCHI PER GRANDI E PICCINI, LUCI E CANDELE, e soprattutto DESIDERIO DI FARE FESTA CON GLI AMICI e anche DI CONOSCERE PERSONE NUOVE!

RIFERIMENTI PER PARTECIPARE ALL'ORGANIZZAZIONE

PRENOTAZIONI: ALESSANDRA 3429143193
CIBO: MICHELE 3458306553
GIOCHI: SONIA e MARCO 3479121375
MUSICA: LORENZO

Capodanno alla Casa per la Pace

“Vinci l’indifferenza e conquista la pace” è il titolo del Messaggio di papa Francesco per la 49ª Giornata mondiale della pace, che si celebrerà il prossimo 1° gennaio. Come di consueto, da 48 anni, nella sera del 31 dicembre la Chiesa italiana propone una modalità alternativa per vivere l’ultimo giorno dell’anno, con la marcia nazionale per la Pace che quest’anno avrà luogo a Molfetta (Bari).
Organizzata dall’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro, Caritas Italiana, Pax Christi, Azione Cattolica Italiana, la marcia avrà luogo quest’anno nella diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, nell’anno in cui ha fatto un passo avanti il processo di beatificazione di don Tonino Bello che ne fu vescovo, a 23 anni dalla memorabile marcia da lui guidata a Molfetta, appena tornato da Sarajevo e a pochi mesi dalla sua morte.
“L’indifferenza nei confronti delle piaghe del nostro tempo – si legge nella nota della Sala Stampa che presenta il tema – è una delle cause principali della mancanza di pace nel mondo. L’indifferenza oggi è spesso legata a diverse forme d’individualismo che producono isolamento, ignoranza, egoismo e, dunque, disimpegno. L’aumento delle informazioni non significa di per sé aumento di attenzione ai problemi, se non è accompagnato da un’apertura delle coscienze in senso solidale; e a tal fine è indispensabile il contributo che possono dare, oltre alle famiglie, gli insegnanti, tutti i formatori, gli operatori culturali e dei media, gli intellettuali e gli artisti. L’indifferenza si può vincere solo affrontando insieme questa sfida”. “La pace – prosegue la nota – va conquistata: non è un bene che si ottiene senza sforzi, senza conversione, senza creatività e confronto. Si tratta di sensibilizzare e formare al senso di responsabilità riguardo a gravissime questioni che affliggono la famiglia umana, quali il fondamentalismo e i suoi massacri, le persecuzioni a causa della fede e dell’etnia, le violazioni della libertà e dei diritti dei popoli, lo sfruttamento e la schiavizzazione delle persone, la corruzione e il crimine organizzato, le guerre e il dramma dei rifugiati e dei migranti forzati”.

Note

https://www.facebook.com/events/938206246234626/

ultimi articoli

  • LA CASA IN FESTA

    LA CASA IN FESTA

    La tua festa diventa occasione di solidarietà e di condivisione.
  • LA NONVIOLENZA COME CONVIVIALITA’ DELLE DIFFERENZE
    Laboratorio sulla gestione delle diversità e dei conflitti FIRENZE 7 – 8 APRILE 2018

    LA NONVIOLENZA COME CONVIVIALITA’ DELLE DIFFERENZE

    Alfredo Panerai, insegnante e facilitatore di gruppi e Pio Castagna, formatore alla nonviolenza. conducono il laboratorio
    9 febbraio 2018
  • Aggiornamenti

    SOSPESI i percorsi VISITARE Firenze COSTRUIRE PACE

    9 gennaio 2018 - Casa per la pace
  • UN'ALTRA DIFESA E' POSSIBILE
Difendiamoci, sì, ma da chi e come?
    EDITORIALE COMUNE

    UN'ALTRA DIFESA E' POSSIBILE Difendiamoci, sì, ma da chi e come?

    In occasione del 15 dicembre (quarantacinquesimo anniversario dell'approvazione della prima Legge italiana di riconoscimento dell'obiezione di coscienza al servizio militare e istitutiva del servizio civile, la n. 772 del 15.12.1972), viene diffuso questo editoriale comune della Campagna "Un'altra difesa è possibile" sottoscritto da Direttori di diverse riviste e che sarà pubblicato su molti siti che sostengono la proposta di una Legge per la Difesa civile non armata e nonviolenta.
    15 dicembre 2017

Note

https://www.facebook.com/events/938206246234626/

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.7