Casablanca

RSS logo

Sostieni Casablanca

Per abbonarsi a Casablanca:

Ordinario 30 € Sostenitore 50 €

Pagamento tramite:
- Carta di credito / Paypal

- Bonifico bancario intestato a: Graziella Rapisarda - Banca popolare italiana, Catania. Cc. 183088 Abi 5164 Cab 16903


Redazione

GraziellaProto - direttore editoriale
graziella@sanlibero.it

Riccardo Orioles - direttore responsabile
ricc@sanlibero.it

Lillo Venezia - vice direttore
lillo@sanlibero.it

Lucio Tomarchio - tecnologie
lucio@sanlibero.it

Collaboratori: Mauro Biani, Carlo Gubitosa, Luca Salici.

Appuntamenti

    Si ringrazia per l'ospitalita' l'associazione PeaceLink

    Ultimo Numero

      SanLibero in pillole

      • E' morto un prete

        27 gennaio 2008 - Riccardo Orioles

        E' morto un prete a Catania, che si chiamava padre Greco. Non è una notizia importante e fuori dal suo quartiere non l'ha saputo nessuno. Eppure, in giovinezza, era stato un uomo importante: uscito dal seminario (il migliore allievo) era “un giovane promettente” ed era rapidamente diventato coadiutore del vescovo. Io di carriere dei preti non me ne intendo ma dev'essere qualcosa del tipo segretario della Fgci, e poi segretario di federazione, comitato centrale, onorevole e infine, se tutto va bene, ministro. Comunque lui dopo un anno si ribellò. Che cazzo - disse a se stesso - io sono un prete. E il prete non sta in ufficio, sta fra la gente.

      In evidenza

        Altri sud

        4 Articoli
        • Il muro del Mediterraneo comincia a Tangeri

          La storia di Mohamed non è eccezionale. Vive a Madrid, frequenta i corsi di istruzione, ha amici, una casa, una vita "normale". Ma è un essere umano di serie B. Non ha la pelle bianca, è un immigrato. Perciò si dispone di lui a secondo dell’umore. A volte lo si tollera, a volte lo si afferra e lo si caccia via. Migliaia di adolescenti vengono triturati così, in un meccanismo disumano che comincia a Tangeri e finisce chissà dove
        • Jigeen, la donna Goorum, l’uomo Adduna, il mondo

          Aminata non porta una gonna ma un ser, non va in chiesa ma nella piccola moschea del quartiere. Ha diciannove anni e due figlie, la più piccola di sei mesi. Compra vestiti simil-griffati alla bancarella, guarda la soap alla tv, vive in una piccolissima casa. Le piace la moda moderna. Non ha lavoro. Una delle tante ragazze di uno dei tanti sud. Cronaca senza pretese di una giornata qualunque, una delle sue giornate, così tanto per
        • Storia di emigranti a Milano

          Storia di emigranti a Milano

          Scappi dalla Sicilia per andare a vivere a Milano. Dovte trovi un mondo che non sapevi: i piatti del ristorante da lavare, l’amica che ti aiuta a far richieste di lavoro, il cuoco del Bangladesh e quello egiziano...Un’altra umanità. Che ora è diventata anche la tua.
        • L’Argentina che non dimentica L’amico degli assassini cacciato dal Parlamento

          Sulle strade di Buenos Aires ci sono molte mattonelle irregolari. Sono le lapidi che ricordano i desaparecidos. Su quelle lapidi si è fermata la marcia di Luis Abelardo Patti, eletto deputato con 400mila voti. Un sopravvissuto lo ha riconosciuto come uno dei suoi torturatori. E la carriera politica di Patti è finita lì. Ci vorrebbe una legge per evitare che i collaborazionisti si riciclino nelle istituzioni. Ma, dall’altra parte del mondo, può bastare anche un sussulto di memoria. Da noi, invece...
        Bottom bar di Casablanca - TESTO DA DEFINIRE - Portale realizzato con PhPeace 2.6.44 Privacy - Accessibilita - Web standards -