Buone Nuove

RSS logo

Mailing-list Buone Nuove

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Buone Nuove

...

    Internet

    Cellulari: al via indagine su costi ricariche

    una petizione on-line mette in moto l'Anti-Trust
    12 giugno 2006 - Olivier Turquet
    Fonte: Computer Discount http://www.computerdiscount.it - 07 giugno 2006

    L'Autorità delle Comunicazioni e l'Antitrust avvieranno un'indagine congiunta sui costi di ricarica dei telefoni cellulari. E' stato firmato ieri infatti il protocollo di intesa che permetterà alle due Authority di "operare congiuntamente" sulla delicata questione delle ricariche. Nell’indagine - che dovrebbe concludersi tra un paio di mesi - confluiranno i risultati degli accertamenti avviati già all’inizio del maggio scorso dall’Autorità per approfondire la tematica in questione, anche tenendo conto dell’esperienza di alcuni Paesi europei. Le due Autorità metteranno a disposizione l’una dell’altra le rispettive informazioni nell’ottica di una fattiva collaborazione istituzionale al fine di tutelare gli interessi dei consumatori e salvaguardare le condizioni di concorrenza e di sviluppo del mercato della telefonia mobile
    L'indagine nasce dalla denuncia di Andrea D'Ambra, 22 anni di Ischia, studente alla facoltà di Scienze Politiche alla Federico II di Napoli, che con la sua petizione (www.aboliamoli.eu) ha raccolto oltre 300,000 firme indirizzate alla Commissione Europea. "Proprio oggi - ha affermato in una nota lo stesso D'Ambra - ho inviato a Bruxelles le prime 300,000 firme. Dopo la mia denuncia la Commissione Europea ha svolto un ottimo lavoro, interessando le Autorità Italiane e facendo sì che l'Antitrust e l'Agcom avviassero l'indagine congiunta."
    Prosegua D'Ambra: "Restiamo fiduciosi nel lavoro che svolgeranno le due Authority Italiane e soprattutto la Commissione Europea che resta sempre vigile. I costi di ricarica sono un'anomalia tutta italiana e vanno aboliti al piu' presto! Questo cartello messo in atto dalle compagnie telefoniche deve finire. Il riferimento dell'AGCOM ad alcuni paesi Europei ci fa ben sperare: attendiamo con ansia i risultati di quest'indagine congiunta. Il successo finora ottenuto da questa petizione dimostra che basta un po' di volontà ed anche un semplice cittadino può mandare avanti una battaglia contro Golia."

    Note:

    il link alla petizione http://www.aboliamoli.eu

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy