Ecuador

I soldi del debito estero per riparare le strade

il neo-presidente Correa chiede ai militari di aiutare lo sviluppo sociale
3 marzo 2007
Fonte: Misna http://www.misna.org - 01 marzo 2007

"“La volontà politica di questo governo è che le forze armate in tempo di pace si dedichino con decisione allo sviluppo sociale ed economico del paese. È tempo che l’'Ecuador approfitti delle proprie potenzialità, in particolare delle sue risorse umane”" così il presidente socialdemocratico Rafael Correa si è rivolto ai vertici militari incaricando il Corpo degli ingegneri dell'’Esercito di provvedere alla ristrutturazione della rete viaria nazionale deteriorata e parzialmente incompleta “per mancanza di fondi o negligenza di consorzi privati”. Le operazioni, che interesseranno anche i principali porti, i ponti e le strade secondarie, saranno finanziati dal cosiddetto ‘"Fondo di risparmio e contingenza"’, concepito inizialmente per pagare il debito estero che ammonta attualmente a 18 miliardi di dollari. “"Non mi legheranno le mani. Useremo i 600 milioni di dollari del Fondo per le infrastrutture produttive, come c hiedono gli ecuadoriani. Il Corpo degli ingegneri avrà le risorse necessarie per ricostruire, in onestà e professionalità, il paese”" ha sottolineato Correa. Gli ha fatto eco il comandante in capo dell’Esercito, generale Guillermo Vásconez, secondo cui “la politica di difesa non può che essere legata al progresso e allo sviluppo”. Correa ha insistito nel dare priorità “agli investimenti sociali prima che ai creditori,” non escludendo la possibilità di una moratoria del debito.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)