M.I.R.

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Gallerie Fotografiche

comunicato del MIR francese sulla guerra in Mali

Mali : Non è possibile distruggere la guerra con la guerra

pubblichiamo la traduzione di un comunicato approvato dal MIR francese in occasione dell'intervento in Mali. In allegato il testo originale
28 gennaio 2013 - Paolo Candelari

Il Movimento Internazionale della Riconciliazione, sezione francese, non può avallare la guerra su grande scala che la Francia ha intrapreso nel Sahel.

 

Annunciato da mesi, l'intervento nel Mali sembrava inevitabile. Purtroppo, questo impegno militare della Francia ratifica una inversione delle priorità internazionali e regionali enunciate nelle risoluzioni degli organismi internazionali.

 

Per il MIR, queste risoluzioni, che avevano privilegiato la ricerca di una soluzione politica e il sostegno strategico alla ricostruzione globale del paese, rimangono la sola via ancora accettabile.

 

In ogni caso, nessuna guerra potrà far cessare uno stato di guerra e di violenza. Se la liberazione del nord del Mali è un imperativo, non potrà realizzarsi senza il dialogo, senza la riconciliazione e senza una rifondazione politica del paese. Al contrario, l'intervento delle truppe straniere minaccia di sprofondare il paese in una grave crisi politica e umanitaria.

 

Tanto più che la Francia ha una enorme responsabilità in ciò che sta accadendo. La Francia ha appoggiato le politiche liberiste che, dagli anni 80, hanno destrutturato il paese con la crisi del debito e le politiche di aggiustamento strutturale comportanti un aumento della miseria.

La Francia ha diretto l'intervento in Libia, che ha prodotto un afflusso nel Mali e nella regione di combattenti superarmati....

La Francia ha ampiamente sostenuto il regime corrotto del presidente che aveva interessi finanziari nei vari traffici dal nord del paese organizzati da contrabbandieri e dagli islamisti.

Il MIR è preoccupato vedendo aggravarsi l'insicurezza, che genera una crisi ancora più importante, che vedrà una radicalizzazione delle comunità etniche, che darà luogo a uno sviluppo del terrorismo e della cattura di ostaggi...

Ciò che è appena accaduto in Algeria è il segno che questo conflitto rischia di trascinare l'insieme della regione in un conflitto multiforme, destabilizzante ben al di là dell'Africa occidentale.

 

Al MIR preme ricordare che c'è una incapacità assoluta della violenza a ristabilire il diritto. Come non è possibile lavorare per la giustizia per mezzo degli effetti deleteri dell'omicidio.

Il MIR ha imparato dal pastore Martin Luther King che: «Nulla, se non una tragica volontà di morte, ci impedisce di rimettere ordine nelle nostre priorità affinché la ricerca della pace prevalga sul continuare ad andar dietro alla guerra. Niente ci impedisce di rimodellare una situazione dura ed ostinata con le nostre mani omicide, fino a plasmarla in forma di fraternità. (…)  La guerra non è una soluzione». Come Martin Luther King, noi pensiamo che tutti noi dobbiamo scartare la guerra e ogni soluzione violenta.

La priorità è cercare di eliminare la povertà e l'ingiustizia. Infatti, è proprio questo il terreno fertile su cui le forze chiamate “jihadiste” [della “guerra santa”] crescono e si sviluppano.

 

 

Contact : Secrétariat MIR France mirfr@club-internet.fr

Allegati

  • versione originale in francese (118 Kb - Formato pdf)
    PDF logoIl documento è in formato PDF, un formato universale: può essere letto da ogni computer con il lettore gratuito "Acrobat Reader". Per salvare il documento cliccare sul link del titolo con il tasto destro del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto con nome" (PC), oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere "Salva collegamento come" (Mac).