Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

    Adottiamo un cane per educare i nostri bambini

    Perché non provare a portare i bambini, invece che al solito giro al centro commerciale, in un rifugio per animali, adottando così un cane, andando a trovarlo quando possibile (tanto poi l’abitudine viene da sé), e portandolo un po’ a spasso?
    6 agosto 2004 - Oscar Grazioli
    Fonte: www.libero.it
    5.08.04

    La e mail che mi invia Diana C. è talmente interessante da indurmi a proporla all’attenzione dei lettori. Ne riporto alcune frasi. “Ogni tanto vado a far passeggiare qualche cane prigioniero in un canile non lontano da casa. Mi piace e devo dire, molto egoisticamente, che è anche una buona occasione per fare ginnastica in compagnia e all’aperto (specie portando a spasso i cani di grossa taglia molto agitati!). Pensavo allora, a tutte le mamme e ai papà assillati dai loro bambini che vorrebbero un cane, ma che non possono permettersi di tenerlo a casa. A tutti farei una proposta, non nuova ma su cui si riflette ancora poco e che non è certo d’uso per noi italiani. Perché non provare a portare i bambini, invece che al solito giro al centro commerciale, in un rifugio per animali, adottando così un cane, andando a trovarlo quando possibile (tanto poi l’abitudine viene da sé), e portandolo un po’ a spasso?
    L’animale si affeziona comunque a tutta la famiglia e sarebbe un modo per fare un regalo immenso ai bambini ed anche al cane. Basta davvero poco ed è una bella esperienza. Ognuno può chiedere al Comune quale è il canile più vicino. Certamente andare a trovare un cane di tanto in tanto non lo toglie definitivamente dalla gabbia e non ti riempie la vita come tenerlo a casa giorno e notte, ma sicuramente un modo per far sì che la vita di ogni animale sia meno grigia, e per consentire che i canili diventino dei luoghi aperti e non succeda più che, nel silenzio e nell’indifferenza, si trasformino in lager”.

    Brava. La proposta non sarà una novità assoluta ma posso garantire, per esperienza e frequentazione di canili e ricoveri vari per animali, che questo è uno “sport” pochissimo praticato e pochissimo pubblicizzato, tanto che i ministeri competenti dovrebbero, a mio avviso, proporlo attraverso spot televisivi inviati durante la fascia protetta, quando li vedono tutti, bambini, genitori e nonni. Certo, vanno più di moda le adozioni a distanza. Una manciata di euro su un bollettino postale e si è adottato un cane o un gatto, magari distante mille chilometri. La coscienza è a posto fino a quando si scopre che magari il canile non è mai esistito e il gattile era in mano a gente di pochi scrupoli. Certo, ci sono volontari (onore al merito) che frequentano i canili portando a spasso qualche randagio e aiutando in modo ragguardevole chi li gestisce.
    Quello di Diana è un atto di grande generosità nei confronti dei cani, è un gesto di rara sensibilità e soprattutto è un momento di straordinaria educazione nei confronti di bambini cui verrebbe negata la possibilità di crescere assieme ad un fratello peloso, con la coda e quattro zampe. Ce ne fossero di genitori come Diana. Siamo sempre più orgogliosi dei nostri lettori.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy