Diritto in rete

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Copie digitali dei film: Cappato interroga la commissione europea

Bruxelles: interrogazione alla Commissione europea sulla compaibilità del decreto Utbani con la normativa UE.
13 aprile 2004 - Marco Cappato

Marco Cappato, Deputato europeo radicale della Lista Bonino, ha presentato stamane la seguente interrogazione parlamentare:

"Il Consiglio dei Ministri italiano ha adottato lo scorso 22 marzo un decreto legge "recante interventi urgenti in materia di beni ed attività culturali".
L'art. 1 del decreto legge summenzionato definisce alcune "misure di contrasto alla diffusione telematica abusiva d'opere cinematografiche e assimilate". In particolare il decreto prevede la punibilità di chi "diffonde al pubblico per via telematica, anche mediante programmi di condivisione di file tra utenti, un'opera cinematografica o assimilata protetta dal diritto d'autore, o parte di essa, mediante reti e connessioni di qualsiasi genere;"
Il decreto introduce inoltre l'obbligo in capo ai fornitori di connettività e di servizi di "comunicare alle Autorità di polizia le informazioni in proprio possesso utili all'individuazione dei gestori dei siti e degli autori delle condotte segnalate" e a "porre in essere tutte le misure dirette ad impedire l'accesso ai siti o a rimuovere i contenuti segnalati".

Considerando che tali misure creano disarmonie e differenti condizioni per gli operatori europei del settore, non ritiene la Commissione che il governo italiano dovesse notificare il summenzionato decreto legge, ai sensi della direttiva 98/34?
L'art. 1 del decreto legge appare contrastare con alcune disposizioni della normativa comunitaria, segnatamente la direttiva 2000/31. Ritiene la Commissione che il governo italiano dovesse procedere alla notifica preventiva al fine di verificare un'eventuale incompatibilità con la normativa europea?
Ritiene la Commissione che la mancata notifica, sia per ragioni di tipo procedurale che di tipo sostanziale, comporti l'obbligo per il governo italiano di ritirare il summenzionato decreto e di notificarlo quindi alla Commissione prima di una sua nuova approvazione?
Ritiene infine la Commissione che, in presenza di una mancata notifica delle misure previste all'art 1, le disposizioni ivi contenute non siano applicabili?"

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy