Ecodidattica

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    La "storia dell'ambiente"

    15 agosto 2016 - Giorgio Nebbia

     La "storia dell'ambiente"

    Un terzo gruppo di interessi storici riguarda la "storia dell'ambiente" che qui sarà considerata nel senso della parola anglosassone "environmentalism", distinta dalla storia della conservazione della natura, a cui sembra più giusto associare il termine anglosassone "conservation". Non c'è bisogno di dire quanto siano labili i confini fra i due settori e i relativi studi. L'esame degli scritti in questo campo (20)(21)(22)(23)(24) mi pare che conduca ad una specie di storia della geografia e del paesaggio, con intrecci con la storia dell'agricoltura, dei boschi (25) e dell'uso del territorio.

    Da interessi e osservazioni geografici è partito lo studio di G.P. Marsh (1801-1882) ("Man and nature", 1864, 1872, 1874) sugli effetti dell'azione umana nel modificare l'ambiente e la natura, studio ben noto nei paesi anglosassoni e che ha contribuito a sollevare l'attenzione sulle alterazioni antropiche dell'ambiente. In Italia il campo è dominato da studiosi come Emilio Sereni (26), Lucio Gambi (27)(28), Alberto Caracciolo (29)(30).

    Numerose ricerche hanno mostrato (31)(32)(33)(34) che molte società del passato hanno prestato attenzione alla conservazione della natura, soprattutto dei boschi e alla regolazione del corso dei fiumi, alla difesa contro frane a alluvioni.

    Nella storia dell'ambiente rientra la storia dell'analisi degli ecosistemi urbani. Molti studiosi, soprattutto di estrazione urbanistica, hanno riconosciuto il carattere di "ecosistema artificiale" delle città. Mentre esistono delle storie di "ecologi urbani" come Patrick Geddes (1854-1932) e Lewis Mumford (1895-1990), ritengo che ci sia ancora molto da esplorare nell'evoluzione di questo interessante territorio di incontro di varie culture: naturalistica, urbanistica, sociologica.

    Penso che si possa far rientrare in questo capitolo anche la storia della conservazione dei beni storici e culturali, il tema che in Italia ha visto in prima fila Italia Nostra e studiosi e scrittori come Antonio Cederna (1920-1996).

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies