Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Il romanzo nero delle materie prime - Commercio iniquo - di Jean-Pierre Boris (Apogeo)

17 dicembre 2005

Dalla Costa d'Avorio al Vietnam, passando per Guatemala e Birmania: un
viaggio nella storia di alcuni fra i principali produttori di materie prime
(cacao, caffe', riso, pepe, cotone), per capire le tendenze e le modalita'
della globalizzazione.
Ci sono regioni che dipendono completamente da una particolare coltura (come
la Costa d'Avorio dal cacao, per esempio): controllare quella coltura
significa controllare un'intera nazione. E non e' tutto bianco e nero come
vorrebbe la mitologia che attribuisce ogni responsabilita' ai paesi
sviluppati, alle loro grandi imprese e agli enti finanziari internazionali.
Certo, la deregolamentazione dei mercati pone problemi enormi alle economie
piu' deboli e alle amministrazioni meno preparate, ma incompetenza,
prevaricazione, corruzione dei dirigenti, assenza di coesione nazionale o
regionale provocano altrettanto spesso danni irreparabili. Tutto questo
emerge dalle pagine di Jean-Pierre Boris, come morale di un racconto che ha
l'impatto di un romanzo "nero" - un romanzo per la vivacita' della scrittura,
ma "noir" per la durezza delle vicende che racconta (a riprova che la realta'
supera spesso la fantasia) - fondato su una documentazione ricca e
aggiornata. Jean-Pierre Boris e' giornalista e caporedattore di Radio France
Internationale, per conto della quale conduce, da parecchi anni, una rubrica
quotidiana intitolata "Cronaca delle materie prime" (Chronique des matieres
premieres), sulle problematiche geopolitiche della globalizzazione.

Aurelia Costa
Ufficio stampa Apogeo srl
Socio Unico Giangiacomo Feltrinelli Editore srl
Via Natale Battaglia 12
20127 Milano
tel. 02/28998325
fax 02/26116334
www.apogeoeditore.com

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)