Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

"Arrivederci amore, ciao" un film di Michele Soavi

Tutto appare "pesante" in questo film di Soavi, tratto dall'omonimo libro di Massimo Carlotto; tutto, persino le parole della canzone di Caterina Caselli che, suppongo invece, appartenesse negli anni 60, a quel genere di musica definita "leggera".
10 maggio 2007

Non sembrano essere esistiti, prima, ideali ne' sogni, ne' ribellioni, ne' utopie. E se mai sono esistiti, dopo, non ne e' rimasta alcuna traccia. Cosi' come non ci sono, poi, paure o cedimenti e, ancor meno, il bisogno di riparare, risarcire, riscattarsi. C'e' solo la voglia, e la possibilita' offerta dal Codice Penale, di ottenere la riabilitazione e di tornare ad essere, o meglio diventare, una persona "normale". Per ottenere questo, Giorgio, il protagonista del film, e' disposto a tutto.

Giorgio e' un ex terrorista di sinistra, che e' fuggito dall'Italia per evitare l'ergastolo e si e' rifugiato nel centro America in un avamposto di guerriglieri. Dopo la caduta del muro di Berlino decide di tornare in Europa; resta per un breve periodo di tempo a Parigi poi si mette in contatto con l'Organizzazione dei fuoriusciti e chiede il loro aiuto per rientrare in Italia.
La prassi per il rientro prevede la consegna di Giorgio alla giustizia e l'eventuale revisione del processo.

Giorgio incontra un vicequestore piu' sporco di lui che inizialmente lo ricatta e poi sara' suo complice in una vera e propria lotta armata.

Scontata una minima pena in carcere, il Codice Penale, prevede cinque anni di buona condotta per ottenere le riabilitazione.

Giorgio vuole la riabilitazione a tutti i costi; e la otterra'.
A pagare il caro prezzo della sua riabilitazione non sara' lui, bensi' tutti coloro che si troveranno sulla sua strada, cattivi o buoni, colpevoli o innocenti, consapevoli o no! Intanto Caterina Caselli canta: "si muore un po' per poter vivere..."; e sono gli altri a morire per permettere a Giorgio di vivere! Ed e' come se anche una piccola parte di noi spettatori, morisse nel guardare il film domandandosi: ma furono davvero cosi' i "protagonisti" di quegli anni di piombo?

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)