Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

    Interrogazione parlamentare sul Tireless

    29 novembre 2000

    Interrogazione a risposta scritta

    SEMENZATO. - Al Ministro della Difesa. - Premesso:

    - che il 12 maggio scorso un'avaria al largo della Sicilia ha indotto il sottomarino nucleare britannico Tireless a chiedere l'autorizzazione a dirigersi verso un porto italiano;

    - che in seguito al rifiuto delle autorità italiane di concedere il permesso il sottomarino ha infine attraccato a Gibilterra, suscitando notevole preoccupazione nella popolazione locale e nelle autorità spagnole;

    - che il guasto che ha provocato la fuoriuscita in mare del liquido di raffreddamento del reattore, sembra essere dovuto a un difetto strutturale relativo a diversi reattori montati a bordo di sottomarini inglesi in seguito richiamati per controlli e riparazioni;

    - che tali sottomarini hanno ricominciato ad operare dopo pochissimi mesi, facendo sorgere nelle associazioni ambientaliste che si sono occupate del caso molti dubbi circa la serietà dei controlli effettuati, che potrebbe essere stata fortemente condizionata dall'esigenza della marina britannica di continuare ad assicurare il pattugliamento delle acque del Mediterraneo;

    considerato

    - che l'incidente accaduto al Tireless avrebbe potuto innescare la fusione del nocciolo del reattore, con conseguenze imprevedibili;

    - che i controlli a cui sono stati sottoposti i sottomarini britannici non sembrano offrire sufficienti garanzie del fatto che episodi come quelli dell'avaria del Tireless non si ripetano;

    - che l'Italia è tenuta a rispettare "il principio di precauzione" contenuto nella Dichiarazione di Rio de Janeiro del giugno 1992;

    si chiede di sapere

    - quali provvedimenti intenda adottare il Ministro in indirizzo per impedire che eventuali avarie ai sottomarini nucleari britannici all'interno delle acque territoriali italiane possano causare danni alle popolazioni e all'ambiente e se non ritenga opportuno in questo quadro (così come già fatto dal Governo spagnolo) disporre che i sottomarini nucleari che intendano transitare nelle acque territoriali siano tenuti a rendere noti alle autorità competenti i piani di emergenza degli stessi.

    Sen. Stefano Semenzato

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)