Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

    Italia in guerra

    Marina italiana per le campagne di guerra USA in Africa

    Tour estivo in Africa orientale per la fregata “Scirocco” della Marina militare italiana. Dal 14 al 20 agosto, l’unità ha sostato nel porto di Dar Es Salaam in Tanzania, per condurre un corso di addestramento a favore di una cinquantina di ufficiali tanzaniani. E cresce intanto il ruolo dell'Italia all'interno dei piani interventisti Usa nel continente africano
    23 agosto 2012 - Antonio Mazzeo

    Tour estivo in Africa orientale per la fregata “Scirocco” della Marina militare italiana. Dal 14 al 20 agosto, l’unità della classe Maestrale con 225 uomini di equipaggio, svariati sistemi missilistici e due elicotteri AB-212 ha sostato nel porto di Dar Es Salaam in Tanzania, per condurre un corso di addestramento a favore di una cinquantina di ufficiali tanzaniani. Le attività, svolte in parte a bordo dell’unità e in parte nella locale Scuola navale, sono state finalizzate a migliorare la conoscenza dei militari africani nel settore della navigazione e della condotta d’imbarcazioni, della “difesa passiva”, della “proliferazione degli ordigni esplosivi improvvisati” e del pronto soccorso. Al corso hanno partecipato pure due ufficiali della marina di Gibuti, il piccolissimo stato del Corno d’Africa che ospita la maggiore installazione da guerra delle forze armate Usa nel continente africano.

    Il comunicato emesso dallo Stato maggiore della Marina militare italiana spiega che la missione in Tanzania rientra nel progetto Africa Partnership Station “che ha lo scopo di rafforzare i rapporti di collaborazione con alcuni Paesi africani, attraverso molteplici attività di supporto e formazione, dirette ad incrementare e sviluppare le capacità operative nel campo della Difesa e della Sicurezza marittima”. Nella nota, gli ammiragli omettono però di ricordare che l’Africa Partnership Station (APS) è uno dei programmi chiave di AFRICOM, il Comando Usa per le operazioni in Africa. Sotto la direzione dell’U.S. Naval Forces Europe-Africa (NAVAF), il comando navale con sede a Napoli, l’APS ha preso il via nel 2008 nel Golfo di Guinea per poi estendersi a tutti mari del continente africano. Attualmente coinvolge più di una trentina di paesi del continente nero, dell’Europa e dell’America latina con il principale obiettivo di “favorire lo sviluppo delle nazioni africane nel campo della sicurezza marittima e del contrasto al fenomeno del terrorismo internazionale, della pirateria, del traffico di droga e di altre attività criminali”.

    Sempre secondo gli strateghi di U.S. AFRICOM, l’Africa Partnership Station si è “progressivamente evoluto da una serie di visite di unità navali statunitensi nei porti africani ad un insieme di operazioni addestrative regionali a terra e in mare”. L’APS, aggiungono i militari, “s’ispira sul principio che una reale sicurezza marittima beneficerà tutte le nazioni e contribuirà allo sviluppo e alla prosperità economica e contribuirà a fare da deterrente alle violente ideologie estremiste nel continente”. Ancora uno strumento da guerra dunque per assicurare la penetrazione politica, militare e finanziaria nordatlantica in Africa sotto la direzione di Washington.

    Attualmente i principali elementi operativi di APS includono l’Africa Maritime Law Enforcement Program (AMLEP), una missione condotta congiuntamente da U.S. Naval Forces Europe-Africa NAVAF – Napoli, dal Comando atlantico della Guardia coste degli Stati Uniti e da diverse marine militari e guardiacoste africane e da una serie di esercitazioni multilaterali annuali denominate “Express” (Obangame Express, Saharan Express, Cutlass Express e Phoenix Express). L’ultima edizione di Phoenix Express (E12), in particolare, si è tenuta nel maggio 2012 nelle acque del mar Ionio e del Mediterraneo orientale e ha visto la partecipazione delle marine militari di Algeria, Croazia, Egitto, Grecia, Italia, Libia, Marocco, Spagna, Tunisia, Turchia e Stati Uniti d’America. L’esercitazione è stata supervisionata dalla Task Force 68 della VI Flotta, dal 1st Fleet Anti-terrorism Security Team del Corpo dei Marines schierato sulla fregata missilistica “USS Simpson” e da altri reparti specializzati Usa inviati per l’occasione presso il NATO Maritime Interdiction Operations Center di Souda Bay, nell’isola di Creta.

    “L’esercitazione marittima multinazionale PE12 con le forze navali del sud Europa e del nord Africa è stata voluta per accrescere la cooperazione tra le nazioni partecipanti e migliorare la sicurezza nell’area mediterranea”, ha spiegato il Comando di U.S. NAVAF. “Le attività di addestramento hanno incluso procedure di abbordaggio, l’utilizzo corretto di armi e munizioni, la raccolta e l’elaborazione d’informazioni e intelligence, il rifornimento in mare, la ricerca e il soccorso, le operazioni di elicotteri”.

    Per il 2013, AFRICOM prevede d’incrementare ulteriormente le iniziative e i paesi partner di Africa Partnership Station. Secondo quanto deciso all’ultima conferenza di pianificazione APS di Garmisch (Germania), il prossimo anno verranno coinvolte le marine da guerra di Australia, Belgio, Benin, Camerun, Canada, Finlandia, Francia, Gabon, Gambia, Ghana, Gibuti, Kenya, Mauritania, Mauritius, Marocco, Mozambico, Nigeria, Repubblica del Congo, Sao Tomé e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Spagna, Tanzania, Togo, Tunisia, Uganda e dell’immancabile Italia.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)