Ecodidattica

OER (Open Educational Resources)

Risorse educative aperte

Promuovendo le OER l’Unesco vuole perseguire la finalità della condivisione della conoscenza consentendo un accesso universale all’istruzione di alta qualità.
Gabriele Bolamperti (Animatore digitale)

Risorse educative aperte

Le Risorse Educative Aperte (OER – Open Educational Resources) sono risorse didattiche di dominio pubblico o rilasciate sotto licenze che permettono il loro utilizzo gratuito o la libera manipolazione da parte di altri.

Il termine OER (Open Educational Resources) fu coniato nel 2002 dall’UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) per indicare quel materiale o risorsa educativa che viene offerta dal suo autore gratuitamente e in modo aperto a chiunque, accordando all’utente il diritto di riutilizzare, migliorare e distribuire le risorse stesse.


Pertanto, le OER presentano quattro caratteristiche fondamentali:
• Revise – possono essere adattate e migliorate dagli altri utilizzatori;
• Reuse – possono essere utilizzate nei diversi contesti;
• Remix – possono essere montate, smontate, composte e ricomposte;
• Redistribute: - possono essere redistribuite dagli utilizzatori con modifiche o senza.

Promuovendo le OER l’Unesco vuole perseguire le seguenti finalità:
• condividere la conoscenza (la conoscenza è un bene pubblico) – condividere i contenuti migliora la qualità dell’insegnamento e riduce i costi dell’educazione;
• accesso universale all’istruzione – un accesso universale all’istruzione di alta qualità è fondamentale per la costruzione della pace, dello sviluppo sociale ed economico sostenibile e il dialogo interculturale.

Note: Per un approfondimento
Open Educational Resources: strategie di ricerca e selezione https://iris.unica.it/retrieve/handle/11584/68554/167154/FORMARE_0114.pdf

Articoli correlati

  • La CIA ci spia (e non vuole più andare via)
    CyberCultura
    I servizi segreti americani possono ascoltare le persone tramite i microfoni delle smart TV

    La CIA ci spia (e non vuole più andare via)

    Joshua Adam Schulte è in carcere per aver passato a Wikileaks oltre 8 mila pagine di documenti top-secret che rivelano come la CIA possieda la capacità di violare la segretezza della corrispondenza non solo su WhatsApp e Telegram ma anche su Signal. Il caso Vault 7 è gravissimo.
    5 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Media e giornalismo: la sfida della trasformazione digitale
    PeaceLink
    Webinar di PeaceLink e del Centro Cooperazione Internazionale

    Media e giornalismo: la sfida della trasformazione digitale

    Webinar di lancio della pubblicazione "The impact of Digitalisation on Media and Journalism". L'incontro si è svolto il 16 giugno e si è rivolto in particolare a giornalisti, educatori, studenti e cittadini attivi
    23 giugno 2021 - Laura Tussi
  • La prospettiva di risorse educative su Internet aperte e gratuite per tutti
    Ecodidattica
    Dichiarazione di Città del Capo sulla Istruzione Aperta

    La prospettiva di risorse educative su Internet aperte e gratuite per tutti

    Incoraggiamo la tecnologia didattica aperta. Invitiamo insegnanti, autori, editori e istituzioni a rilasciare con licenza libera le loro risorse, in forme che ne facilitino l'uso, la modifica, la traduzione, il miglioramento e la condivisione da parte di chiunque
  • "I diritti umani fondamentali devono essere garantiti e applicabili online e offline"
    CyberCultura
    EU NGO Forum on Human Rights

    "I diritti umani fondamentali devono essere garantiti e applicabili online e offline"

    Si conclude oggi un evento organizzato dalla Commissione europea, dall’European Union External Action Service e dal Human Rights Democracy Network
    10 dicembre 2020 - Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)