Pat Swinfen vive col marito in una bella casa nel Kent. Da qui mette in comunicazione malati e dottori.

La vecchietta che cura il mondo con le e-mail

La ricetta è semplice: computer, macchine fotografiche digitali e tanta buona volontà. La coppia riceve richieste di aiuto dai Paesi poveri e le inoltra a un pool di medici.

10 luglio 2008
Enrico Franceschini

Pat Swinfen - foto

Un medico a Bagdad non sa come curare una forma particolarmente rara di cancro che ha colpito una sua paziente. Un infermiere in Nepal è in difficoltà a fornire i primi soccorsi a un uomo che ha avuto un attacco cardiaco. Un'ostetrica in Bangladesh vuole aiutare a concepire una coppia che teme di non essere fertile. Per risolvere il problema, fanno tutti la stessa cosa: inviano una email a una casa del Kent, nella verde campagna inglese, dove un'anziana aristocratica sulla settantina trascorre le sue giornate davanti al computer, pronta a entrare in azione.

Lady Swinfen, assistita dal Lord suo marito, è in contatto con una rete di 382 esperti in ogni campo della medicina, tra cui alcuni dei migliori specialisti che si possono trovare in Gran Bretagna, negli Stati Uniti, in Australia, Canada e Nuova Zelanda. Ogni richiesta di aiuto, solitamente corredata di un allegato che contiene fotografie del paziente, raggi x o altri dati significativi per valutare la sua malattia, viene rapidamente inoltrata a un medico competente; il quale, a stretto giro di posta (elettronica), risponde e qualche volta se il caso è particolarmente urgente telefona al suo collega nei guai dall'altra parte del mondo. In questo modo, in dieci anni, più di quattrocento persone che rischiavano la vita sono state salvate, curate e ristabilite.

La "Florence Nightingale dell'Internet": così la chiama il quotidiano londinese Independent, che ieri ha raccontato la sua storia. Come la celebre "signora con la lampada", la crocerossina britannica che curava i feriti nella Guerra di Crimea di metà Ottocento e che diventò il simbolo e la fondatrice della moderna assistenza infermieristica, anche lady Swinfen assiste i malati: solo che il suo ospedale è il pianeta terra, i suoi pazienti sono le vittime di guerre e tragedie naturali in regioni dove scarseggiano le risorse per curarli, e i suoi soccorsi viaggiano sul web.

"Telemedicina" è il termine da lei usato per spiegare di cosa si tratta: un modo di far viaggiare le immagini digitali dei malati e le diagnosi dei più illustri sanitari da un capo all'altro del globo nello spazio di pochi minuti, qualche ora o poco più. Un'autoambulanza del Pronto Soccorso che corre su un'autostrada on line.

Tutto cominciò quando Lord Swinfen, un ex-ufficiale dell'esercito britannico, stava lavorando in Bangladesh a un centro per la riabilitazione dei paraplegici. Lì fece la conoscenza con un chirurgo militare inglese che gli raccontò una sua precedente esperienza: durante il conflitto in Bosnia, aveva avuto l'idea di trasmettere immagini dei casi più gravi direttamente al Royal Military Hospital di Portsmouth, in Inghilterra, per avere un parere da colleghi più esperti.

Tornato a casa, il Lord ne parlò con la moglie, che da giovane era stata infermiera nella Royal Army Nursing Corps della regina Alessandra, e con i loro quattro figli. Ciascuno donò 20 sterline, con quei soldi crearono una fondazione, la Swinfen Charitable Trust, e si misero all'opera. All'inizio offrivano contatti con specialisti britannici soltanto a due ospedali del Nepal e uno delle isole Solomon, ma ben presto il giro dei loro pazienti si allargò a dismisura: oggi copre oltre cento paesi, dal Laos alla Lituania, dall'Africa all'America Latina.

Tutti gli specialisti a cui lady Swinfen chiede di entrare a far parte dell'organizzazione offrono i loro pareri completamente gratis, e si impegnano a farlo in qualunque momento della giornata, anche di notte, la domenica, in vacanza. La fondazione Swinfen ha quindi acquistato centinaia di piccole, economiche macchine fotografiche digitali, e le ha inviate a tutti gli ospedali di zone degradate che ne erano sprovvisti. Ha insegnato, via email, a medici e infermieri come utilizzarle per scattare immagini dei malati e per scaricarle sul computer. E a quel punto la "telemedicina" è stata pronta a partire.

"Era un'idea così semplice che non ci aveva pensato nessuno", dice Lady Swinfen. Un'idea che ha cambiato la vita sua e del marito. L'ultimo party che hanno dato nella loro residenza del Kent è di sette anni fa: nel mezzo della festa arrivarono mezza dozzina di email con richieste di aiuto, e gli invitati non videro più i padroni di casa. Hanno fatto una settimana di vacanza in un decennio. La "Florence Nightingale di Internet" non ha più tempo di curare le rose del suo giardino, che cresce disordinato ed incolto. Ma in compenso ha la parete dello studio piena delle cartoline che le scrivono medici e pazienti per ringraziarla di quello che fa. Il paragone con la crocerossima di Crimea non le dispiace: "Anch'io mi sento un'infermiera", dice, "la sola differenza è che nella mia corsia nessun malato rimane senza un letto".

Articoli correlati

  • Il mondo del Terzo Millennio
    Pace
    Un’altra educazione per un altro modello di sviluppo

    Il mondo del Terzo Millennio

    Un nuovo modello di sviluppo che a partire dall'educazione alla pace, da fattori locali, nazionali, internazionali, planetari, abbia come punto di riferimento le persone, gli ideali, i bisogni, i loro sogni, le speranze, i loro diritti
    19 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Nonviolenza: la forza della verità
    Pace
    I capisaldi della nonviolenza: un ricordo per Nanni Salio 

    Nonviolenza: la forza della verità

    Dal principio del dire la verità ai potenti alla legge dell’amore 
    16 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio
    Palestina
    Intervista a Egidia Beretta madre di Vittorio Arrigoni - Vik Utopia

    Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio

    “Questo figlio perduto, ma vivo come forse non lo è stato mai, che, come il seme che nella terra marcisce e muore, darà frutti rigogliosi"
    10 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi
    Editoriale
    La nostra è una sfida coraggiosa al realismo passivo, privo di orizzonti

    Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi

    L’impegno per giustizia e pace è fatto di amore per la vita, ed è fiducia nella possibilità dell’umanità di essere il meglio di sé, di essere capace di fraternità, di condivisione, di giustizia. Il lavoro per la pace è fede nella possibilità di una umanità giusta.
    4 ottobre 2020 - Enrico Peyretti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)