Campania, Puglia e Piemonte unite nel polo dell’aerospazio

18 luglio 2008
Matteo Della Torre (Casa per la nonviolenza, associazione di ispirazione gandhiana)

Riportiamo questa notizia pubblicata da "Il Mattino".

Joint Strike Fighters

Al salone dell'Aerospazio in corso a Farnborough, nei pressi di Londra, è stata annunciata l’intesa tra le Regioni Puglia, Campania e Piemonte per la costituzione di un polo aerospaziale italiano. Sempre ieri il ministro della Difesa Ignazio La Russa, accompagnato dall'assessore regionale alle Attività produttive Andrea Cozzolino, ha visitato lo stand della Campania all’International Air Show. La Regione è presente al salone con un proprio stand di 120 metri quadrati, dove sono ospitate 22 imprese (di cui due consorzi) selezionate attraverso un bando. Del resto la Campania, per dimensione e tecnologia offerta, è uno dei principali poli dell'aerospazio presenti in Italia. In regione operano oltre 100 aziende per un totale di 10 mila addetti e un fatturato di 1,3 miliardi di euro, pari al 25 per cento di quello nazionale.

Da Farnborough arrivano peraltro segnali di fiducia tra Boeing e Alenia Aeronautica, il pilastro di Finmeccanica per il mercato degli aerei. Un passaggio chiave è la trattativa per collaborare nell'assemblaggio negli Stati Uniti dell'aereo militare da trasporto C-27J. Alle voci su possibili difficoltà il gruppo italiano ha risposto mostrando forte fiducia sul futuro del progetto che è legato a un maxiordine della Difesa americana. «Tutte le opzioni sono aperte», ha indicato a Farnoborough l'ad di Alenia Aeronautica Giovanni Bertolone: «Una delle possibilità è una joint venture con Boeing. Dobbiamo decidere a breve. C'è un interesse a concludere». Si attende una nuova proposta di Boeing, ma se non si dovesse raggiungere una intesa ci sono «altre possibilità facendo leva sull'ottima collaborazione con L3», la società prime contractor per la maxicommessa dell'esercito Usa per i C-27J. E non spaventa l'ipotesi ultima di decidere di andare avanti da soli.

Una soluzione è attesa entro due settimane, con «il 70%» di possibilità di chiudere con Boeing, ha indicato il capo di Alenia Nord America, Giuseppe Giordo. Il progetto riguarda i primi 78 aerei C-27J destinati all'Esercito e all'Air Force statunitense. Vale 2 miliardi di dollari. I primi aerei vengono prodotti e assemblati in Italia. Il confronto per una collaborazione industriale con Boeing riguarda la linea di assemblaggio negli Stati Uniti da realizzare entro il 2009 per iniziare le consegne dal 2010. Sempre La Russa si è detto favorevole alla firma del memorandum d'intesa con gli Stati Uniti per il proseguimento del programma multinazionale per il nuovo caccia da supporto tattico Jsf, Joint Strike Fighters. Un programma, al quale partecipa Alenia Aeronautica. Il governo americano aveva concesso una proroga, al 30 giugno, per l'adesione del governo italiano alla seconda fase di sviluppo e test del programma, che prevede anche l'acquisto di due prototipi.

Articoli correlati

  • Il mondo del Terzo Millennio
    Pace
    Un’altra educazione per un altro modello di sviluppo

    Il mondo del Terzo Millennio

    Un nuovo modello di sviluppo che a partire dall'educazione alla pace, da fattori locali, nazionali, internazionali, planetari, abbia come punto di riferimento le persone, gli ideali, i bisogni, i loro sogni, le speranze, i loro diritti
    19 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Nonviolenza: la forza della verità
    Pace
    I capisaldi della nonviolenza: un ricordo per Nanni Salio 

    Nonviolenza: la forza della verità

    Dal principio del dire la verità ai potenti alla legge dell’amore 
    16 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio
    Palestina
    Intervista a Egidia Beretta madre di Vittorio Arrigoni - Vik Utopia

    Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio

    “Questo figlio perduto, ma vivo come forse non lo è stato mai, che, come il seme che nella terra marcisce e muore, darà frutti rigogliosi"
    10 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi
    Editoriale
    La nostra è una sfida coraggiosa al realismo passivo, privo di orizzonti

    Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi

    L’impegno per giustizia e pace è fatto di amore per la vita, ed è fiducia nella possibilità dell’umanità di essere il meglio di sé, di essere capace di fraternità, di condivisione, di giustizia. Il lavoro per la pace è fede nella possibilità di una umanità giusta.
    4 ottobre 2020 - Enrico Peyretti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)