Fiera del Baratto a Bari

Tu dai una cosa a me e io do una cosa a te. Ogni ultima domenica del mese Fiera del baratto a Bari.
2 ottobre 2008
Antonella Fanizzi
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Fiera del Baratto

Non è la fiera dell’usato. I clienti del mercatino del baratto devono rispettare una regola: la reciprocità. Ognuno mette a disposizione dell’altro un oggetto del quale intende disfarsi. Lo scambio è alla pari e consiste in un semplice passaggio di proprietà. Senza per questo servirsi del denaro, del bancomat o della carta di credito.

L’idea è rivoluzionaria, seppur antichissima: nella società del consumismo sfrenato, della corsa al superfluo che ha come inevitabile conseguenza l’accumulo dei rifiuti - i beni materiali appena acquistati hanno una breve durata e finiscono inevitabilmente negli inceneritori - un gruppo di persone riunite nel Comitato consumo critico propone un’alternativa all’usa-e-getta.

L’iniziativa, sperimentata con successo lo scorso anno, viene allestita dalle 10 alle 13 nell’atrio della Chiesa Russa ogni ultima domenica del mese.

Ogni cittadino ha la possibilità di sistemare il proprio banchetto: c’è quello dei libri, a cura degli studenti del liceo scientifico Fermi, quello dei giocattoli portati dai bambini, delle borse e della bigiotteria donate dalle ragazze, quello dei telefonini e degli accessori multimediali. E c’è una giovane donna con il suo baratta-pensieri: un cappello contiene una serie di bigliettini con stimoli alla riflessione. Chi prende il bigliettino viene invitato a scrivere una frase su un quaderno.

«Nel mercatino - racconta Ilaria D’Aprile, una delle promotrici - c’è spazio anche per l’immateriale. Vogliamo educare sia i giovani che gli adulti ad un uso consapevole che spinga tutti a guardare a scelte diverse, responsabili e di lungo periodo, di cura e rispetto per l’ambiente. Troppi oggetti vengono stipati nei ripostigli in attesa di essere gettati nei cassonetti. Siamo schiavi dello spreco, che fa male al portafogli e alla salute: tutto ciò che non serve finisce negli inceneritori che liberano sostanze inquinanti». Il mercatino invece riserva continue sorprese. La bicicletta non più alla moda non è per forza un ferro vecchio: a qualcuno potrebbe tornare utile per gli spostamenti in città.

Una seconda vita per gli oggetti, dunque. E un’occasione di incontro per le persone abituate a comprare piuttosto che a conoscersi. «Il mercatino - spiega Clelia Iacobbe, docente di italiano e latino al Fermi - è inoltre un luogo di creatività. Gli studenti del liceo animeranno la mattinata con brevi concerti».

La novità di questa seconda edizione sono i laboratori: il pubblico avrà la possibilità di imparare a produrre il compost, un fertilizzante, dagli scarti alimentari; fare il pane con lievito madre; ritinteggiare gli indumenti sciupati con colori naturali. In cantiere ci sono il cineforum, i corsi di ballo recuperati dalla tradizione popolare, la costruzione fai-da-te di impianti solari e fotovoltaici.

Curiosità e approfondimenti sul sito www.agorambiente.it

Articoli correlati

  • Il mondo del Terzo Millennio
    Pace
    Un’altra educazione per un altro modello di sviluppo

    Il mondo del Terzo Millennio

    Un nuovo modello di sviluppo che a partire dall'educazione alla pace, da fattori locali, nazionali, internazionali, planetari, abbia come punto di riferimento le persone, gli ideali, i bisogni, i loro sogni, le speranze, i loro diritti
    19 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Nonviolenza: la forza della verità
    Pace
    I capisaldi della nonviolenza: un ricordo per Nanni Salio 

    Nonviolenza: la forza della verità

    Dal principio del dire la verità ai potenti alla legge dell’amore 
    16 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio
    Palestina
    Intervista a Egidia Beretta madre di Vittorio Arrigoni - Vik Utopia

    Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio

    “Questo figlio perduto, ma vivo come forse non lo è stato mai, che, come il seme che nella terra marcisce e muore, darà frutti rigogliosi"
    10 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi
    Editoriale
    La nostra è una sfida coraggiosa al realismo passivo, privo di orizzonti

    Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi

    L’impegno per giustizia e pace è fatto di amore per la vita, ed è fiducia nella possibilità dell’umanità di essere il meglio di sé, di essere capace di fraternità, di condivisione, di giustizia. Il lavoro per la pace è fede nella possibilità di una umanità giusta.
    4 ottobre 2020 - Enrico Peyretti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)