I video per una città possibile

La corsa ai rifiuti zero di Capannori

Il comune di Capannori (Lu) con una raccolta differenziata "porta a porta" dell'80% è in cammino verso il conseguimento dell'ambizioso obiettivo di "Rifiuti Zero" entro il 2020.
21 dicembre 2008
Matteo Della Torre (Casa per la nonviolenza, associazione di ispirazione gandhiana.)

Da sito dei "comunivirtuosi" l'esempio di Capannori, un modello per la gestione intelligente dei problema rifiuti da imitare:

Rifiuti zero

A partire dal 1° dicembre la raccolta dei rifiuti “porta a porta” raggiungerà anche otto frazioni della zona nord est del territorio comunale. Si tratta della quarta estensione del servizio per il quale il Comune di Capannori ha raggiunto il primato in Toscana e un livello di eccellenza. A breve, poi, inizieranno le assemblee pubbliche per informare i cittadini sulle modalità della raccolta differenziata. I dettagli sono stati esposti venerdì scorso nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il vice sindaco, Luca Menesini, gli assessori all’ambiente, Alessio Ciacci e alle finanze, Lara Pizza e, per Ascit, Alessandro Bianchi.
Il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti, dunque, raggiungerà anche le frazioni di Camigliano, Gragnano, Lappato, San Colombano, San Martino in Colle, Segromigno in Piano, Segromigno in Monte e una parte di San Gennaro per un totale di10.320 abitanti, 3.970 famiglie e 550 utenze non domestiche. Salirà, così, a circa 36 mila il numero di cittadini che praticano il “porta a porta”, per una percentuale di circa l’80% della popolazione complessiva.
Questa estensione permetterà di consolidare il primato toscano di Capannori nella raccolta differenziata grazie a percentuali di differenziata superiori all’80% nelle frazioni raggiunte dal “porta a porta”, proseguendo verso l’obiettivo “Rifuti zero” entro il 2020. E’ grazie a questo tipo di gestione di rifiuti se nello scorso settembre, rispetto allo stesso mese del 2007, la percentuale di raccolta indifferenziata è calata di circa il 20%.

Oltre ai benefici ambientali ce ne sono anche alcuni di natura economica per i cittadini. Le famiglie interessate dal “porta a porta” possono usufruire di uno sconto del 20% sulla parte variabile della Tariffa di Igiene Ambientale, che si somma a un ulteriore 20% per quelle che praticano il compostaggio domestico.
“L’amministrazione comunale ha rispettato l’impegno che si era presa coi cittadini – ha dichiarato il vice sindaco, Luca Menesini -. Molte sono state le famiglie che, negli ultimi mesi, ci chiedevano di essere raggiunte da questo importante servizio per il quale Capannori è stato precursore in Toscana e che ci vede come modello in tutta Italia.

Il merito di questi eccellenti risultati va anche a tutta la cittadinanza, ad Ascit e a tutti i suoi lavoratori, soggetti senza i quali oggi il nome di Capannori non sarebbe così importante. L’estensione del porta a porta avrà anche dei benefici in termini occupazionali, visto che saranno assunti nuovi operatori”.
“Dal primo dicembre altri 10 mila cittadini potranno usufruire della raccolta domiciliare, raggiungendo, così, una quota di circa 36 mila abitanti complessivi – ha proseguito l’assessore all’ambiente, Alessio Ciacci -. Un servizio di altissima qualità grazie al quale stiamo ottenendo risultati eccezionali a beneficio dell’ambiente, della comunità e delle future generazioni. Per questo ringrazio la collaborazione e l’impegno da parte di tutta la cittadinanza e il lavoro straordinario di Ascit e di tutti i suoi operatori che si uniscono al nostro sforzo di comunicazione e di partecipazione in decine di assemblee”.
A partire dal 22 ottobre prenderanno il via le assemblee pubbliche sul “porta a porta” durante le quali, gli amministratori e i tecnici, oltre a rispondere alle domande dei cittadini raccoglieranno suggerimenti, proposte, idee e segnalazioni.

Tutte le informazioni sul progetto le trovi su: www.comune.capannori.lu.it

Note:

Il video sulla raccolta differenziata "porta a Porta" di Cappannori.

http://www.youtube.com/watch?v=oK_oTg3lTZE



Articoli correlati

  • Il mondo del Terzo Millennio
    Pace
    Un’altra educazione per un altro modello di sviluppo

    Il mondo del Terzo Millennio

    Un nuovo modello di sviluppo che a partire dall'educazione alla pace, da fattori locali, nazionali, internazionali, planetari, abbia come punto di riferimento le persone, gli ideali, i bisogni, i loro sogni, le speranze, i loro diritti
    19 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Nonviolenza: la forza della verità
    Pace
    I capisaldi della nonviolenza: un ricordo per Nanni Salio 

    Nonviolenza: la forza della verità

    Dal principio del dire la verità ai potenti alla legge dell’amore 
    16 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio
    Palestina
    Intervista a Egidia Beretta madre di Vittorio Arrigoni - Vik Utopia

    Egidia Beretta Arrigoni: in Viaggio con Vittorio

    “Questo figlio perduto, ma vivo come forse non lo è stato mai, che, come il seme che nella terra marcisce e muore, darà frutti rigogliosi"
    10 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi
    Editoriale
    La nostra è una sfida coraggiosa al realismo passivo, privo di orizzonti

    Le ragioni della nonviolenza nel mondo di oggi

    L’impegno per giustizia e pace è fatto di amore per la vita, ed è fiducia nella possibilità dell’umanità di essere il meglio di sé, di essere capace di fraternità, di condivisione, di giustizia. Il lavoro per la pace è fede nella possibilità di una umanità giusta.
    4 ottobre 2020 - Enrico Peyretti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)