20 Giugno 2009: Giornata Mondiale del Rifugiato

Iniziativa: Distribuzione dei Permessi di Soggiorno in nome di Dio

4 giugno 2009
Missionari Comboniani di Castelvolturno

Barcone di immigrati

Giugno 2003: Incatenamento alla Questura e Prefettura di Caserta ; Luglio-Agosto 2003: Prima distribuzione dei Permessi di Soggiorno in nome di Dio in molte città d'Italia.

Ora, a distanza di 6 anni, la situazione sull'immigrazione è notevolmente peggiorata. L'avvento al governo di partiti e forze “eversive”, come la Lega, ha creato un clima razzista e xenofobo. Ha fatto dell'immigrazione il cavallo di battaglia per ottenere voti e così poter arrivare a Roma. Inoltre ha creato in alcune parti dell'Italia un cieco settarismo che ha coinvolto anche il mondo cattolico che, nella presunta difesa del territorio, dell'identità e del passato, rinuncia a quei valori che sono propri della fede cristiana legati alla condivisione, alla giustizia, alla sussidiarietà, per chiudersi così in un egoismo di gruppo e di territorio.

Questo tipo di chiusura ci fa tornare ai vecchi tempi, quando l'altro, il pericoloso, era il meridionale. Questi sono meccanismi profondamente radicati dentro di noi. Fanno parte della nostra natura e dell'ambiente in cui siamo cresciuti. E' brutto e pericoloso fare leva sul peggio che c'è dentro di noi, farlo uscire in superficie e farlo diventare pensiero che abbraccia la maggior parte della gente e addirittura le istituzioni cattoliche.
 
In questi anni la realtà dell'Immigrazione nel nostro paese è peggiorata, il cammino difficile verso “l'integrazione” diventa sempre più un sogno.
L'immigrazione per noi è invece la possibilità di un futuro reale. Nella misura in cui riusciremo a dialogare e a confrontarci, con questa realtà, ci arricchiremo, non solo da un punto di vista economico - per le capacità lavorative degli immigrati - ma soprattutto ci arricchiremo culturalmente - per la ricchezza dei valori religiosi e sociali presentati dalle altre religioni e culture - diventando così non solo una sfida, ma una ricchezza.
 
Un mondo sta crollando e ci trova impreparati e chiusi a nuove possibilità. Cambierà il nostro mondo religioso, che dovrà confrontarsi con gli altri rinnovando e irrobustendo così la nostra fede. E' un nuovo modo di vivere la cittadinanza che dobbiamo abbracciare.
Dobbiamo imparare a vivere in pace sapendo che il destino degli immigrati è anche il nostro. Oggi li rifiutiamo e li respingiamo nella nostra terra, dimenticando che noi siamo presenti nella loro terra molto spesso come coloro che sfruttano le loro ricchezze economiche, derubandoli, e corrompendo governi per impossessarsi di materie prime. Quindi, non si stratta solamente di un problema di carità o di bontà, ma di giustizia e condivisione.
 
Per questi motivi e per questi valori ancora una volta proponiamo la distribuzione dei Permessi di Soggiorno in nome di Dio per tutte le città d'Italia. Fino ad oggi, sono già molto numerose le città che hanno aderito concretamente e non solo virtualmente all'iniziativa.
Continuiamo con entusiasmo a lavorare affinché il 20 Giugno 2009 non solo la giornata per …, ma un rinnovato impegno a favore degli immigrati.

Alcune indicazioni sulle modalità di attuazione dell'iniziativa:
 
-       Molte sono state le adesioni sia virtuali che reali. Preghiamo di confermare la vostra adesione per poter completare la lista delle adesioni. Per chi non l'avesse ancora ricevuto richiedere il fac-simile del Permesso di Soggiorno in nome di Dio da distribuire (invio via email).
-       In alcune città ci sono varie associazioni che si impegneranno per questa attività. Noi le invitiamo a lavorare insieme, sebbene crediamo che deve anche esistere la massima libertà nel poter organizzare i vari eventi (banchetti, marce, incontri...)  nella stessa città promossi e gestiti dalle varie organizzazioni.
-       Ogni associazione deve sentire di gestire e esprimersi come meglio può per poter raggiungere e coinvolgere un maggior numero di persone.
-       Vi invitiamo a consultare il nostro sito per aggiornamenti www.neroebianco.org
-       Siamo a vostra disposizione per qualsiasi informazione e suggerimenti perché questo evento si costruisce con la collaborazione di tutti voi.
 
Missionari Comboniani di Castelvolturno

Articoli correlati

  • Il ferroviere di San Siro. Giuseppe Pinelli e la ripresa dell'Unione Sindacale Italiana a Milano
    Pace
    Recensione su Rivista Anarchica - A n. 432 Marzo 2019

    Il ferroviere di San Siro. Giuseppe Pinelli e la ripresa dell'Unione Sindacale Italiana a Milano

    Libro di Franco Schirone. Coedizione Associazione Culturale "Pietro Gori" - Milano e Unione Sindacale Italiana -USI-CIT. Recensione di Fabrizio Cracolici
    26 febbraio 2019 - Laura Tussi
  • Business e diritti umani: 6 seminari per il terzo settore
    Ecologia
    Continua la collaboraborazione di Peacelink con Mani tese

    Business e diritti umani: 6 seminari per il terzo settore

    Mani Tese, Oxfam Italia, Fondazione Finanza Etica, Action Aid Italia, Human Rights International Corner e WWF Italia propongono un ciclo di 6 seminari di “knowledge & capacity building” per associazioni e ONG
    24 febbraio 2019
  • Donne e uomini per la pace
    Storia della Pace
    Archivio biografico

    Donne e uomini per la pace

    A questa pagina web è allegato un file con alcune schede biografiche contenenti consigli per la lettura e indicazioni di approfondimento
    14 agosto 2004 - Associazione PeaceLink
  • Tzvetan Todorov
    Storia della Pace
    Credeva un ideale umanistico di razionalita', moderazione e tolleranza

    Tzvetan Todorov

    Ricordato a Viterbo nel secondo anniversario della scomparsa. E' stato un grande studioso, autore di opere fondamentali in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani. Scrisse: “È civilizzato, sempre e ovunque, chi sa riconoscere pienamente l’umanità degli altri.”
    7 febbraio 2019 - Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.17 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)