Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

    Due nuove puntate dell'ebook "Progressisti in divisa"

    Come Internet ci intrappola

    Per venderci le loro guerre, i poteri forti hanno saputo mobilitare i siti "progressisti" ed infiltrare i forum pacifisti.
    15 settembre 2013 - Patrick Boylan

    Giulia Innocenzi, progressista e capo di Avaaz-Italia, mentre giustificava in tv il bombardamento NATO/italiano della Libia: "Ormai il pacifismo è di destra".

     
    Internet ci fa dialogare con la gente in tutto il mondo liberamente? E' un prezioso strumento di democrazia diretta, che ci consente di auto-organizzarci in movimenti d'opinione, al di fuori dei partiti? Così ci sembra. (E così è stato, effettivamente, alle origini.)

    Ma quell'1% della popolazione che detiene la metà di tutte le ricchezze (i “poteri forti”) non è rimasto con le mani in mano. Se possiede tutte quelle ricchezze a scapito di noi che le abbiamo prodotte nelle fabbriche, nei campi, negli uffici, è proprio perché ha saputo perfezionare tecniche in grado di condizionarci e di farci accettare, pur controvoglia, lo status quo. Figuriamoci, dunque, se quell'1% non ha saputo, attraverso i suoi esperti di comunicazione virtuale e di sociologia delle masse, elaborare metodi per volgere al proprio vantaggio gli strumenti informatici che, invece, avrebbero dovuto liberarci.

    Le puntate 5 e 6 dell'ebook Progressisti in divisa illustrano due delle tecniche messe in pratica dai poteri forti. La puntata 5 illustra come essi creino “siti trappola”, solo in apparenza progressisti e gestiti dagli utenti -- come il sito Avaaz.org, esaminato in dettaglio. La puntata 6 illustra, invece, come i poteri forti ricorrano ai "troll" (manipolatori delle conversazioni su Internet) per condizionare i nostri discorsi "liberi" nei forum e nei blog pacifisti, ma anche nei blog comuni: in pratica, la voce del padrone viene fatta passare per la vox populi.  

    Il caso di Avaaz è particolarmente interessante perché il sito riesce a raccogliere centinaia di migliaia di adesioni alle sue petizioni a favore di campagne apparentemente condivisibili da tutti (nel caso descritto nella puntata 5, si tratta di una campagna per salvare una foresta pluviale) ma in realtà finalizzate a sostenere la politica espansionistica statunitense e a screditare chiunque vi si opponga.

    Infatti i poteri forti sono riusciti a farci accettare, alla lunga, le loro guerre in Iraq, in Libia e in Afghanistan (ancora in corso, nell'indifferenza più totale), anche perché hanno saputo mobilitare i siti "progressisti" ed infiltrare i forum pacifisti, per confonderci le idee, facendoci considerare necessarie o umanitarie queste guerre e distraendoci con dibattiti su temi “più urgenti”. 

    Che cosa dobbiamo fare, allora? Dobbiamo evitare come la peste i siti come Avaaz e rinunciare a partecipare ai dibattiti nei forum? Per niente! E' estremamente formativo frequentare i siti apparentemente progressisti ed imparare a smascherare i condizionamenti occulti che vi vengono praticati. Così come è estremamente utile nella vita quotidiana saper individuare e fermare chi cerca di prevaricare gli altri all'interno di una discussione -- e i forum Internet ci offrono un ottimo allenamento. 

    Ma, sopratutto, non corriamo rischi
    se rimaniamo sufficientemente vigili per neutralizzare i tentativi di condizionamento dei poteri forti. Ne abbiamo avuto una prova in questi mesi.  Infatti, i poteri forti hanno fallito nel loro tentativo di farci accettare un intervento militare diretto in Siria anche perché, dopo l'incauto avallo dato alla disastrosa guerra in Libia, la gente è diventata più attenta. In molti blog in cui si parlava della Siria, i provocatori interventisti sono stati subito cacciati e Avaaz, sentendo che l'aria era cambiata, non ha nemmeno osato proporre l'intervento militare diretto che invece aveva proposto per la Libia. Ha dovuto proporre petizioni l'anno scorso e poi di recente molto più soft (anche se ingannevoli lo stesso: il lettore è invitato a scoprire per se stesso in che modo).

    Le puntate 5 e 6 di "Progressisti in divisa" vogliono, dunque, aiutare i lettori a saper riconoscere i "troll" provocatori e i siti ambigui e, in tal modo, a diventare utenti Internet sempre più consapevoli, indipendenti e... vigili.  

    Puntata 5: gli inganni di Avaaz. Cliccare o digitare: http://bit.ly/pid-05
    Puntata 6: quanti troll! Cliccare o digitare: http://bit.ly/pid-06

    __________



    (L'ebook di Patrick Boylan, Progressisti in divisa: la Sinistra pacifista viene arruolata, appare a puntate sulla rivista online MegaChip; dopo l'ultima puntata verrà pubblicato per intero nella nascente collana ebook di MegaChip.)

     

    Per venderci le loro guerre, i poteri forti hanno saputo mobilitare i siti "progressisti" ed infiltrare i forum pacifisti.

     

     

    L'Internet ci fa dialogare con la gente in tutto il mondo liberamente? E' un prezioso strumento di democrazia diretta, che ci consente di auto-organizzarci in movimenti d'opinione, al di fuori dei partiti? Così ci sembra. (E così è stato, effettivamente, agli origini.)

     

    Ma i poteri forti -- quell'1% della popolazione che detiene la metà di tutte le ricchezze -- mica stanno con le mani in mano. Se possiedono tutte quelle ricchezze -- a scapito di noi altri che li abbiamo prodotti, nelle fabbriche, nei campi, negli uffici -- è proprio perché hanno perfezionato le tecniche per condizionarci e farci accettare, pur brontolando, lo status quo. Figuriamoci, dunque, se non hanno saputo -- attraverso i loro esperti di comunicazione virtuale e di sociologia delle masse -- elaborare metodi per usare, contro di noi, gli strumenti informatici che dovevano liberarci.

     

    Le puntate 5 e 6 dell'ebook "Progressisti in divisa" illustrano due delle tecniche messe in pratica dai poteri forti. La puntata 5 illustra come essi creano siti trappola, solo in apparenza progressisti, aperti a tutti, gestiti dagli utenti -- Avaaz.org è il caso esaminato in dettaglio. Invece la puntata 6 illustra come i poteri forti ricorrono ai "troll" (manipolatori delle conversazioni in Internet) per condizionare i nostri discorsi "liberi" nei forum e nei blog pacifisti (e non solo): in sostanza, la voce del padrone viene fatta passare per la vox populi.

     

    Il caso di Avaaz è particolarmente interessante perché il sito riesce a raccogliere centinaia di migliaia di adesioni alle sue petizioni a favore di campagne apparentemente condivisibili da tutti -- nel caso descritto nella puntata 5, si tratta di una campagna per salvare una foresta pluviale -- ma in realtà finalizzata a sostenere la politica espansionistica statunitense e a screditare chiunque vi si opponga.

     

    Infatti, hanno avuto successo le recenti campagne dei poteri forti per farci accettare alla lunga le loro guerre in Iraq, in Libia e in Afghanistan (ancora in corso, nell'indifferenza più totale), anche perché essi hanno saputo mobilitare i siti "progressisti" ed infiltrare i forum pacifisti, per confonderci le idee (facendoci accettare come necessarie o umanitarie queste guerre) e per distrarci con dibattiti su altri temi fatti passare come più urgenti.

     

    Che cosa dobbiamo fare, allora? Dobbiamo evitare come la peste i siti come Avaaz e rinunciare a partecipare ai dibattiti nei forum? Per niente! E' estremamente formativo frequentare i siti apparentemente progressisti ed imparare a smascherare i condizionamenti occulti che vengono praticati. Ed è estremamente utile nella vita quotidiana imparare a mettere al proprio posto chi cerca di prevaricare una discussione.

     

    Le puntate 5 e 6 di "Progressisti in divisa" vogliono, dunque, aiutare i lettori a saper riconoscere i "troll" provocatori e i siti ambigui e, in tal modo, a diventare utenti dell'Internet ancora più consapevoli e ancora più indipendenti.

     

    Puntata 5: gli inganni di Avaaz. Cliccare o digitare: http://bit.ly/pid-05

    Puntata 6: quanti troll! Cliccare o digitare: http://bit.ly/pid-06

     

    Note:

    Le puntate finora uscite di "Progressisti in divisa: la Sinistra pacifista viene arruolata":

    Presentazione dell'ebook, di Laura Tussi: http://www.peacelink.it/pace/a/38748.html
    puntata 1 - http://bit.ly/pid-01 -- "Ricordare il 19 marzo 2011... per non riviverlo"
    puntata 2 - http://bit.ly/pid-02 -- "Le ong, belle infedeli – almeno spesso"
    puntata 3 - http://bit.ly/pid-03 -- "Come sono stati arruolati RaiNews24 e Tavola della Pace"
    puntata 4 - http://bit.ly/pid-04 -- "Paolo Dall'Oglio e Giulio Marcon: la meglio gioventù"
    puntata 5 - http://bit.ly/pid-05 -- "Gli inganni di Avaaz"
    puntata 6 - http://bit.ly/pid-06 -- "Come Internet ci intrappola -- quanti troll!"

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)