Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Il 4 Novembre di Giancarla Codrignani

Laura Tussi6 novembre 2013

Il 4 Novembre di Giancarla Codrignani

Il 4 Novembre di Giancarla Codrignani

 

di Giancarla Codrignani

 

Ieri era il 4 dedicato alle "Forze Armate". Un sindaco con la bandiera della pace e la maglietta ha fatto scalpore perché i carabinieri non hanno gradito. A me viene un po' da ridere: in anni lontani - non c'era ancora stato il "sessantotto" - alcuni studenti bolognesi si incontravano nella chiesa valdese metodista (a quell'epoca i cappellani militari avevano portato in tribunale don Milani e p.Balducci sostenitori dell'obiezione di coscienza al servizio militare allora obbligatorio) per ragionare di nonviolenza e, appunto, di quell'obiezione che interpellava la coscienza nei confronti di un principio costituzionale (e non di una sempre riformabile legge). Questi ragazzi (uno di loro oggi è magistrato) decisero di uscire e rivolgersi all'opinione pubblica proprio il 4 novembre, il giorno dell' "inutile strage" (26 milioni di vittime, metà civili), inutile perché i vantaggi acquisiti si potevano ottenere al tavolo negoziale preliminare, che comunque portò alla "vittoria" dell'Italia. Il volantino - non pregevolissimo nello stile pensava la prof. cofirmataria - diceva che la guerra non era una bella trovata e che non si capiva perché solennizzare una guerra. In piazza Maggiore i futuri obiettori furono fermati e denunciati per vilipendio: un pretore intelligente - Mario Antonacci, da poco scomparso - informò questura e cittadini con una "declaratoria immediata" che il volantino diceva solo cose che stavano in tutti i libri di scuola. Forse è stata il mio primo intervento davvero "politico"; comunque, in sostanza, sono rimasta lì. E mi viene da ridere ancora vedendo il carabiniere che si allontana, offeso per un sindaco ingenuo come tutti quelli che dicono che il re è nudo.

Invece fa piangere il narcisismo dell'attuale ministro della difesa Mario Mauro che si esibisce pieno di orgoglio muscolare nella propaganda dell'investimento (perdente) italiano per una dotazione militare che altri paesi ritengono inutile. La foto pubblicitaria dice, testuale: "To love peace, you must arm peace. F35 does that". L'inglese elementare dice che "per amare la pace la si deve armare, cosa che fanno appunto gli F35". Intanto istalliamo a NIscemi la base di rilevamento satellitare che controllerà tutte le operazioni internazionali da parte della difesa Usa.

Forse le commemorazioni del 4 novembre1918 (che aveva giurato "mai più") sono un po'superate, Bisognerebbe rammentarlo anche al presidente della Repubblica: le forze armate hanno la sola funzione prevista dall'articolo undici, su cui deve vigilare il Parlamento.

5 NOVEMBRE 2013

 

 

 

 

 

Articoli correlati

  • La fine di tutte le guerre, crederci è il primo passo per realizzare il sogno
    Pace
    Si faccia finalmente spazio all'impegno sociale nonviolento e non armato

    La fine di tutte le guerre, crederci è il primo passo per realizzare il sogno

    Ogni 4 novembre nel celebrare le Forze Armate e i caduti della Prima Guerra Mondiale poniamo l'accento sul lutto che ogni conflitto armato comporta. Dobbiamo in tutti i modi rafforzare la cultura non armata, i tempi sono maturi, ad esempio con la Campagna “Un’altra difesa è possibile”.
    6 ottobre 2020 - Maria Pastore
  • Quel giorno che esposi la bandiera della pace durante la parata militare
    Laboratorio di scrittura
    Il ricordo di una giornata particolare

    Quel giorno che esposi la bandiera della pace durante la parata militare

    Stava per cominciare la celebrazione del 4 novembre e avevo portato con me l'avvocato. Si avvicinò la DIGOS. Sotto il braccio avevo la bandiera arcobaleno. Mi chiesero: "Nonviolenza?"
    4 novembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • 4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Pace

    4 novembre 2019: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di decine e decine di milioni di euro al giorno e che i fondi pubblici siano invece utilizzati in difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani e del mondo vivente.
    26 ottobre 2019 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • 4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Editoriale

    4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una politica di disarmo, poiche' le armi sempre e solo uccidono gli esseri umani.
    Per questo sosteniamo la richiesta che l'Italia sottoscriva e ratifichi il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017.
    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che secondo autorevoli stime gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di settanta milioni di euro al giorno.
    29 ottobre 2018 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)