Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Appello dell'osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite

"Venga applicata la risoluzione ONU su donne, pace e sicurezza"

Le donne sono spesso le prime vittime di violenze, di cui raramente sono causa e autrici e sopportano il maggior peso dei conflitti, come gli sfollamenti e la privazione di beni e servizi essenziali, che si ripercuotono sulla loro salute e sul benessere delle persone di cui si prendono cura.
5 novembre 2019
Redazione PeaceLink

Donne e guerra

Ancora troppo spesso vittime nei conflitti armati, dimenticate nei processi di pace e sicurezza. Ciò che serve per valorizzare il ruolo delle donne nel mondo è andare oltre gli impegni verbali. Così l’arcivescovo Bernardito Auza, osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite, intervenuto ieri al Consiglio di sicurezza dell’Onu, nel dibattito aperto in vista del ventesimo anniversario, che cadrà il prossimo anno, della storica Risoluzione 1325 su donne, pace e sicurezza, approvata all’unanimità il 31 ottobre 2000.   

Per saperne di più clicca qui

Note: La risoluzione 1325 fu adottata il 31 ottobre 2000, dopo anni d’appelli e di sforzi congiunti, lanciati specialmente da parte della società civile e delle organizzazioni femministe, contro il trattamento inumano delle donne, la negazione dei loro diritti umani e la loro esclusione dai processi decisionali, nei paesi colpiti da conflitti armati.

Articoli correlati

  • Il Paese delle donne: rivista
    Sociale
    Una realtà viva e dinamica di impegno sociale e civile

    Il Paese delle donne: rivista

    Il Paese delle donne contiene e continua esperienze che vanno scoperte e poste in risalto come l’attivismo sui grandi temi della memoria, dalla legalità ai percorsi esistenziali e resistenziali, dalla pace ai diritti umani, da quando si sono emancipate a partire dagli anni caldi della contestazione.
    27 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Pace, Donne, Disarmo
    Pace
    Il motore della finanza globale risiede nell’export di armi

    Pace, Donne, Disarmo

    Nella giornata internazionale delle donne per il disarmo, ricordiamo l’impegno di molteplici attiviste sui grandi temi del disarmo nucleare, dalla marcia mondiale della pace e della nonviolenza al Petrov Day
    25 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Agenda Onu 2030: pensare la pace
    Pace
    La terrestrità unisce donne e uomini e ogni essere vivente in spazi e tempi di fraternità e sororità

    Agenda Onu 2030: pensare la pace

    In questi giorni, è stato l’anniversario della morte del colonnello sovietico Petrov che è riuscito a salvare l’umanità dalla terza guerra mondiale e nucleare, il giorno 26 settembre del 1983, in piena guerra fredda
    24 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Giornata Internazionale delle donne per il Disarmo
    Pace
    Ricorre il 24 maggio la Giornata internazionale delle donne per il disarmo

    Giornata Internazionale delle donne per il Disarmo

    Solo la lotta del movimento di liberazione delle donne (alla cui scuola ed alla cui sequela tutti gli esseri umani possono e debbono porsi) libera l'umanita' dalla violenza
    23 maggio 2020 - Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)