Alex Zanotelli

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Gallerie Fotografiche

Ed ora ammazzateci tutti

5 dicembre 2005 - Alex Zanotelli
Fonte: Pax Christi

La barbara uccisione dell'on. Francesco Fortugno, vicepresidente del
Consiglio regionale della Calabria ci ha riportati tutti a toccare con mano
lo strapotere della 'ndrangheta, oggi regina delle mafie. Ci rendiamo conto
che le mafie, dalla Sicilia alla Campania, sono ritornate a controllare il
territorio come e piu' di prima. E non e' semplicemente un fenomeno
meridionale ma e' ormai un cancro che rode l'intero tessuto nazionale. "Il
problema oggi" - ha detto il coraggioso vescovo mons. Bregantini ai funerali
di Fortugno - "non e' solo a Locri ma e' soprattutto a Roma. C'e' una
dimensione nazionale e non solo locale". E' quanto mi avevano ripetuto i
ragazzi tossicodipendenti del rione Sanita' di Napoli: "Alex, non usare piu'
la parola camorra, ma parla di 'o sistema'". La 'ndrangheta ha un fatturato
di 35 milioni di euro, superiore al Pil della California. E' sempre piu'
ricca e sempre piu' internazionale, spiazzando la stessa Cosa Nostra. "Si e'
rafforzata nel silenzio - ha scritto recentemente Attilio Bolzoni su "La
Repubblica" - nelle complicita' vicine e lontane, ha stretto patti con i
cartelli colombiani, si e' inserita nelle logge massoniche o nel sistema
economico come neanche i siciliani erano riusciti a fare". E' importante
oggi sottolineare questi intrecci tra cosche mafiose e logge massoniche.
Sembra ormai confermato che ogni cosca abbia il suo rappresentante nella
locale loggia massonica (trovo incredibile il totale silenzio stampa sulla
massoneria e sul ruolo che sta giocando).
Questa situazione preoccupa seriamente questa redazione di "Mosaico di pace"
perche' la nostra e' una rivista collocata a Sud e non puo' non essere
interpellata dal fenomeno mafioso. Come possiamo dirci una rivista sulla
pace se non ci impegniamo in prima fila ad analizzare e poi a sfidare queste
organizzazioni criminali responsabili di una violenza inaudita all'interno
delle nostre comunita'? E' questo l'insegnamento di Tonino Bello (che ha
voluto - e ha voluto al Sud - "Mosaico di pace") che tanto si e' impegnato
anche su questo fronte. In fedelta' al grande vescovo ("santo" lo ha
chiamato Bregantini) la nostra rivista desidera affrontare con piu' coraggio
questo "cancro". "La 'ndrangheta non e' un tumore da estirpare da un
organismo sano - afferma l'antropologo Lombardi Satriani -. E' cosi'
invischiata nel tessuto economico che non si puo' non entrare in contatto".
E' soprattutto nella cultura cosi' profondamente mafiosa. Una cultura
diffusa che sta diventando globalizzata. Le piccole cosche della 'ndrangheta
e di Cosa nostra sono legate a livello mondiale (e sono le piu' ricche del
pianeta) e controllano il cuore della finanza internazionale. Sono queste
famiglie, legate sia alle mafie sia alle logge massoniche sia ai servizi
segreti, che governano il mondo. E' questo intreccio incredibile fra realta'
mafiose locali e grandi famiglie che controllano la finanza che rende ancora
piu' difficile l'impegno contro le mafie locali. Davanti a tutto questo,
cosa possiamo fare noi?
Non lasciamo sola la Chiesa e la comunita' calabrese. Sarebbe bello leggere
un appello congiunto dell'episcopato calabrese. Una lettura condivisa della
realta' che possa incoraggiare le comunita' cristiane della regione. Perche'
non pensare un Concilio regionale delle Chiese del Sud per affrontare questa
drammatica realta'?
Sarebbe auspicabile che tutta la Chiesa italiana si prepari al convegno
nazionale del prossimo anno a Verona focalizzando l'attenzione su questo
problema chiave. Per realizzare tutto questo e' necessario che le realta'
ecclesiali di base facciano rete con tutte le altre realta'. Solo cosi'
possiamo affrontare le mafie: esse non possono ammazzare intere comunita'
ne' un popolo unito. Non ci servono croci, ci servono cittadini uniti che si
alzano in piedi.
Occorre un forte risveglio delle coscienze, non alimentando piu' l'iniquita'
del male, opponendoci alle richieste estorsive, denunciando l'usura. Occorre
uno sforzo comune da parte di tutti contro una diffusa cultura mafiosa che
e' humus per il dilagare della criminalita' organizzata. In un contesto
mafioso deve nascere uno stile di vita alternativo: "Piu' chiara sia la
nostra parola di preti, piu' vivo il Vangelo che annunciamo, piu' profetica
la nostra testimonianza cristiana, piu' consequenziale tutta la nostra vita"

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)