Alex Zanotelli

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Gallerie Fotografiche

Comunicato stampa

Dichiarazione dei PP Alex Zanotelli, Fabrizio Valletti, Domenico Pizzuti

11 novembre 2007 - Alex Zanotelli

La brutale aggressione compiuta ai danni di Giovanna Reggiani, massacrata di botte e gettata in un fosso, alla stazione ferroviaria di Tor di Quinto da parte di un giovane romeno, mentre   a sua volta una donna Rom parente dell’aggressore ne dava  l’allarme, va certo esecrata perché – secondo il richiamo rivolto a Caino per l’assassinio del fratello “Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!”– non si può tollerare  il massacro di qualsiasi  persona umana a prescindere dalla nazionalità. Il rigetto della violenza alle persone non ha certo un colore nazionale, come dimostrano efferati delitti compiuti anche nel nostro paese, e non si devono criminalizzare con indebite generalizzazioni tutti gli appartenenti a gruppi nazionali per le colpe di alcuni.   E quindi  procedere ad una caccia alle streghe con  facili espulsioni e  sgomberi indiscriminati di baraccopoli, - evocati da alcuni leaders politici - senza offrire alternative alloggiative  anche provvisorie, come più volte ha  richiesto  il Comitato civico pro Rom di Napoli.

La difesa della sicurezza dei cittadini con efficaci misure deterrenti di carattere universale, non deve soggiacere alla sottile ricerca di un “capro espiatorio”  - specialmente da parte dei media  che cavalcano sentimenti diffusi di paura ed ostilità -  individuato negli ultimi anni  nei romeni per episodi criminali compiuti da alcuni,  nel contesto di   flussi migratori incontrollati nel nostro paese dalla Romania nel corso di questi primi anni del ventunesimo secolo. Certo il fenomeno dei flussi migratori dalla Romania verso l’Italia va governato con opportuni accordi tra paesi anche per garantire condizioni di vivibilità   a questi stessi  immigrati alla ricerca di migliori condizioni di vita che nel loro paese di partenza. 

Insieme alla repressione dei reati vanno adottate più efficaci misure preventive, con la disponibilità di strutture di accoglienza, di opportunità abitative, lavorative, sanitarie, scolastiche, ecc., cioè con il riconoscimento dei diritti dei cittadini comunitari e dei corrispettivi doveri. In materia di alloggio  per le popolazioni Rom, il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa  ed il rappresentante  dell’ufficio ONU per la politica dell’alloggio recentemente hanno chiesto che i governi europei  <<facciano maggiori sforzi per  garantire il diritto dei Rom all’abitazione. Il diritto all’alloggio è fondamentale per godere poi di altri diritti. Per questo è urgente migliorare la legislazione, la politica e la pratica>>.

Dai nostri contatti con gli abitanti romeni di vari campi abusivi  o edifici fatiscenti, senza elementari servizi igienico-sanitari dove vivono ammassati famiglie con numerose donne e bambini, in Napoli e provincia possiamo testimoniare come le  precarie e pesanti condizioni alloggiative sono vissute come una triste necessità per la riproduzione della vita specialmente di donne e bambini per mancanza di risorse, iniziative personali ed opportunità concrete del contesto nazionale a differenza di quelle offerte da  altri paesi europei.

Queste condizioni  sono dei non-luoghi che gridano al cospetto di Dio, sono brutture che Napoli  città della bellezza non può tollerare voltando la faccia dall’altra parte, approntando indonee misure da parte dell’Amministrazione comunale, ma soprattutto  disposizioni di accoglienza amichevole e fattiva da parte delle popolazioni che le comunità cristiane sul territorio dovrebbero favorire concretamente.

Napoli, Festa di Ognissanti 2007.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)