Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

Articoli correlati

La cattiveria che calpesta tutti i diritti

“Egregio Signor Presidente mi rivolgo a Lei come Presidente della Repubblica Italiana e come capo supremo delle Forze Armate. Lo scorso 09 Agosto...
3 settembre 2005 - Oscar Grazioli
Fonte: www.amvi.it
tratto da:www.libero.it
29.08.05

Questa volta la storia ce la racconta il collega giornalista Carlo Barsotti cui lascio volentieri lo spazio. “Egregio Signor Presidente mi rivolgo a Lei come Presidente della Repubblica Italiana e come capo supremo delle Forze Armate. Lo scorso 09 Agosto mi stavo recondo al pronto soccorso veterinario “Mevania”, a Bevagna (PG), dove San Francesco faceva la predica agli uccelli e oggi il sindaco dello Sdi ha autorizzato la caccia alla colomba, simbolo dello Spirito Santo. Avevo a bordo della mia auto una gattina, ferita gravemente e incinta, investita da un’auto.

Giunto in prossimità delle clinica, venivo fermato da una pattuglia della Polizia Statale di Foligno appostata con un telelaser. Facevo gli 87 e sono stato multato e penalizzato di due proprio nel piazzale del pronto soccorso veterinario. Gli agenti, nonostante vedessero che stavo scaricando dall’auto un animaletto in condizioni pietose, hanno avuto il coraggio e la freddezza di chiedermi subito i documenti, senza aver il buon senso civico e morale di dirmi “porti subito la gattina nel pronto soccorso, e poi ci dia i documenti”. Quello che mi ha colpito non è stato lo zelo (ardente sollecitudine nell’adempimento scrupolo del proprio dovere) con la quale gli agenti hanno scritto il verbale, ma la loro totale indifferenza nei confronti di una creatura di Dio. I due tutori dell’ordine non hanno degnato di uno sguardo l’animaletto., non mi hanno chiesto, né prima né dopo, come stava e dove l’avevo trovata. Insomma una freddezza totale che mi ha fatto vergognare di essere italiano. Nella nostra strana Italia sono tutti pacifisti e non violenti. Ad ogni starnuto si invoca la solidarietà e si sventola la bandiera arcobaleno della pace, ma nella vita quotidiana la violenza, l’arroganza, l’immortalità, e le cattiverie dilagano ovunque. Ecco allora che l’indifferenza verso un essere vivente gravemente ferito, anche se una insignificante gattina, mi indigna, mi fa arrabbiare e mi fa orrore. Ora la gattina sta un po’ meglio anche se non si può muovere per fare i suoi bisogni. Tutelerò i miei diritti affinché certe cattiverie non accadano più. Spero che anche qualcun altro faccia lo stesso e mi accompagni in questa battaglia contro l’immortalità. Questa è la storia di un cittadino che paga le tasse e adesso anche le multe. Carlo Barsotti, Nocera Umbra, Tel. 347/2427121”. Carlo Barsotti, non ha la bandiera arcobaleno. Considerami solidale e incazzato come te. o.grazioli@fastwebnet.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy