Diritto in rete

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Per la tutela del Non Profit sulla Rete

Articolo, ospitato da SottoVoce, relativo alla campagna PeaceLink di Dicembre 1998 sulla tutela della visibilità in rete delle associazioni non-profit.
1 dicembre 1998 - Vittorio Moccia

Per la tutela del Non Profit sulla Rete
fatti e misfatti della gestione del Top level Domain .it
di Vittorio Moccia (c) All Right Reserved

Ed un giorno la Registration Authority si svegliò e decise sull'Internet italiana; decise che tutti avrebbero dovuto pagare per le sue fatiche; si accorse che Internet stava diventatando terra di conquista del mondo commerciale e decise ancora, scegliendo di assecondare esclusivamente questa tendenza...

Ma cominciamo dall'inizio.
A partire dal gennaio 1998, l'ente di registrazione dei domini internet italiani, la Registration Authority Italiana (la RA), ha reso obbligatorio il pagamento di una quota annuale per la registrazione e la conservazione di un domino della gerarchia .it

I domini italiani .it, lo precisiamo, possono essere registrati solo da aziende, attività commerciali, enti o associazioni.
Il dominio è uno strumento che consente di migliorare in maniera drastica la proria presenza e visibilità su Internet. Grazie ad un dominio, ad esempio, l'ipotetica associazione denominata assoc può registrare il dominio assoc.it e presentarsi sul web con l'indirizzo http://www.assoc.it, semplice ed immediato. Stessi vantaggi si ottengono per le caselle di posta elettronica (ad es. il presidente dell'assoc potrebbe usufruire della casella presidente@assoc.it).

La Registration Authority italiana ha la responsabilità della gestione del Top level domain .it (il cosiddetto TLD .it) e dell'assegnazione dei nomi a dominio italiani (i domini .it). Le norme, secondo le quali la Registration Authority Italiana opera, sono definite dalla Naming Authority Italiana (NA), un gruppo di coordinamento “formato da esperti del settore accademico e commerciale” (denominato ITA-PE), costituito nel 1994 come gruppo di lavoro UNINFO per l'applicazione delle norme ISO 6523.
I criteri in base ai quali siano stati selezionati questi "esperti" si perde nel tempo: non è viceversa ignoto il fatto che gli esperti del gruppo originario siano presenti in maniera più o meno diretta in tutti gli organismi decisionali relativi al Top level domain .it (Coordinamento della Naming Authority, Comitato dei Contributori della Registration Autority, Gruppo del Memorandum of Understanding).

Le attività della Registration Authority vengono svolte dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (il CNR) tramite un gruppo di tecnici del Reparto Applicazioni Telematiche dell'Istituto IAT. In sostanza l'RA viene ad essere una emanazione del CNR, ovvero una emanazione di un ente a finanziamento pubblico.

Il costo dei domini, imposto dall'RA, ha lo scopo di coprire le spese dei suoi macchinari e del personale impegnato presso l'ente di Registrazione.
La registrazione ed il pagamento di tali domini avviene generalmente rivolgendosi a particolari Internet Service Provider (ISP), i cosiddetti Maintainer (gli MNT), i quali devono aver stipulato a loro volta con l'RA un contratto annuale per poter eseguire attività di registrazone.

Cosa sono esattamente i Maintainer?
I Maintainer furono istituiti anni or sono dall'RA con lo scopo di definire un gruppo di Internet Service Provider tecnicamente esperti, che costituissero una interfaccia semplificativa tra l'ente di registrazione RA e gli utenti finali, al fine di snellire le procedure stesse di registrazione.
Purtroppo questa interfaccia, che nelle intenzioni iniziali era esclusivamente di tipo tecnico, ha assunto un ruolo determinante ed incontrollabile nella definizione dei prezzi all'utenza finale dei domini.

Il meccanismo di registrazione di un dominio segue infatti questi passi: il registrante (il cliente finale che desidera registrare un dominio) paga al Maintainer a cui si rivolge, una cifra, spesso superiore al costo "vivo" del dominio (a volte anche superiore al milione); il Maintainer, da parte sua e secondo contratto, paga all'RA il costo netto del dominio (50.000+IVA a dominio per il contratto annuale del 1998, probabilmente 30.000+IVA dal 1999 in poi).

I Maintainer, per sottoscrivere ad inizio anno un contratto con l'RA, devono aver già registrato almeno 30 domini nel corso dell'anno precedente (una base garantita di lire 1.500.000+IVA); in caso contrario oltre a pagare in anticipo un lotto di 30 domini che "presumibilmente" registreranno nel corso dell'anno corrente,dovranno versare lire 1.500.000+IVA di "addestramento" ricevuto dall'RA come "nuovi Maintainer".
Ricordiamo che inizialmente l'RA avrebbe voluto fissare una barriera, per scremare i Maintainer esperti dai provider dilettanti, pari 60 domini con un costo di 70.000 + IVA a dominio. Questo, nei fatti, si sarebbe tradotto nel consegnare l'Internet italiana nelle mani dei grossi fornitori Internet nazionali, visto che in pochi avrebbero avuto la forza di reggere simili contratti, e sarebbero così stati calpestati i diritti dei piccoli e medi Provider.
Un mare inaudito di proteste nella mailing list dei Maintainer, era la fine del 1997, fece sì che questo tentativo venisse bloccato sul nascere. Per correre ai ripari e probabilmente evitare future "rivolte" la lista dei Maintainer venne in seguito trasformata in lista moderata (praticamente vi scrive dentro solo l'RA...).

Un qualunque utente finale (ente, associazione o azienda) potrebbe registrare direttamente il proprio dominio presso l'RA, senza passare per un Maintainer, ma sarebbe costretto, secondo i regolamenti attuali, a sborsare una cifra pari a lire 750.000 (settecentocinquantamila!!!) + IVA (600.000 + IVA a partire dal 1999), una cifra astronomica ed assolutamente ingiustificata, sulla quale ci chiediamo come mai il Garante per le Telecomunicazioni non sia ancora intervenuto.

Tutti i contratti, RA-MNT oppure RA-Utente Finale, decorrono sempre da Gennaio, a causa delle malcelate difficoltà contabili dell'RA (con la conseguenza che chi registra un dominio verso la fine di un anno è costretto a pagare due volte il dominio nel giro di pochi mesi).

Ma chi stabilisce il costo netto dei domini?
Allo stato attuale i costi ed i termini dei contratti annuali tra RA ed MNT sono stabiliti, in accordo con i bilanci e le esigenze di spesa dell'RA, dal Comitato dei Contributori, a cui possono partecipare tuttii Mantainer. Le riunioni del Comitato, paradosso di un ente cone l'RA che gestisce anche posta elettronica, non si svolgono per via telematica ma in riunioni dal vivo, a Pisa e Milano (con la conseguenza antidemocratica che la rappresentanza dei Maintainer è di neppure 1/8 del numero effettivo).

L'RA afferma, tramite suo rappresentante, di non essere responsabile del costo dei domini e dei ricarichi eccessivi eventualmente operati dai Maintainer; dimentica però di aver essa stessa introdotto una figura intermedia, tra cliente finale ed RA, il Maintainer, che introduce un arbitrio incontrollabile in termini di costo finale del dominio.
Una figura, quella del Maintainer, per certi versi anche soggetta a molti rischi, perchè ad inizio anno il Maintainer è costretto a pagare in anticipo e di tasca propria il rinnovo dei domini registrati l'anno precedente, anche per clienti che magari chiuderanno bottega o si riveleranno insolventi.

Ma chi ha delegato la Registration Authority alla gestione del TLD .it?
"Sino a poco tempo fa la RA ha agito in nome e per conto del GARR (Gruppo Armonizzazione Reti della Ricerca) in quanto l'utenza Internet italiana era quasi esclusivamente una utenza scientifica e di ricerca. Con la presenza su Internet di una utenza commerciale sempre maggiore, è stato deciso di configurare questo servizio in maniera autonoma, ed è in corso da parte del MURST (Ministero della Ricerca Scientifica e Tecnologica) il perfezionamento di questo ruolo affidato al CNR. Una decisione che va nella stessa direzione è stata adottata anche dal gruppo di lavoro ITA-PE, nell'attesa di una regolamentazione completa del settore da parte del Ministero delle Poste e Telecomunicazioni".
Già! Che l'attuale RA gestisca il top level domain .it è un dato di fatto "esistente e a conoscenza dell'UNINFO e della commissione TLC del Ministero Poste e Telecomunicazioni";quest'ultimo non ha però ancora espresso parere compiuto sull'attuale gestione, "ha" - probabilmente - "preso atto", non intervenendo dunque sui possibili errori dell'RA.

Quali errori?

Riteniamo che un ente pubblico, al di là della necessità di copertura dei costi del servizio offerto, abbia il dovere di tutelare la crescita in rete di inizative culturali ed in particolare l'associazionismo NON-PROFIT con finalità di volontariato e/o umanitarie. Riteniamo abbia inoltre il dovere di attuare modalità di registrazione domini semplici e trasparenti, attualmente impedite da contorte ed inusuali complicazioni contrattuali (il meccansmo di registrazione italiano probabilmente non trova alcuna similitudine in nessun altro ente di registrazione al mondo).

Sulla base di queste considerazioni abbiamo chiesto fin dallo scorso anno che l'RA applicasse SCONTI sul costo dei domini, fornendo, se possibile, il dominio GRATUITAMENTE a tutti i gruppi NON-PROFIT che perseguano finalità culturali e/o umanitarie. i quali necessitino di entrare in rete con un proprio identificativo, al fine di migliorare la propria visibilità in rete.

I segnali di questi ultimi mesi indicano una preoccupante tendenza alla commercializzazione della risorsa Internet, sfruttata quasi esclusivamente come vetrina pubblicitaria o per attività di compravendita elettronica.
Una tendenza nella quale i più deboli sembano soccombere inesorabilmnete sotto la voce grossa di chi ha più soldi (si guardi il caso metro.it nel quale l'associazione Metro si vedrà costretta a cedere il dominio ad una catena commerciale di vendita di Personal Computer).

Mentre dunque l'AIIP, la più importante Associazione italiana di Internet Service Provider, che raccoglie sotto lo stesso cappello i grossi forntori nazionali di Internet antagonisti di Telecom Italia, si preoccupa del commercio elettronico, noi preferiamo sottolineare le emergenze di una telematica culturale, pacifista e di volontariato che potrebbe svanire di fronte alla commercializzazione brutale della Rete.

Ecco allora in sintesi quanto da noi richiesto a fine 1997 al rappresentante della Registration Authority:

 VM> Se vogliamo che internet non resti un'accozzaglia di aziende e 
 VM> che conservi anche la sua dimensione culturale e di strumento di
 VM> utilita' sociale, e' importante che si tenga conto anche di 
 VM> questo settore, che la bozza ha totalmente trascurato, anche 
 VM> con uno spirito che sembra andare in contrasto con recenti 
 VM> e/o presumibili interventi legislativi in materia di tld 
 VM> (l'idea del nonprofit-mnt misembra tutto sommato ragionevole).
Riporto la risposta ufficiale ricevuta allora dal responsabile dell'RA, Ing Trumpy:
 ST> Allora, le rendo noto che il CNUCE aveva proposto che all'interno 
 ST> del contratto fosse introdotta una clausola relativa ad un Comitato 
 ST> di indirizzo (cosi' lo avevamo chiamato) che aveva esattamente 
 ST> lo scopo che lei suggerisce sopra e che  non ci si e' trovati
 ST> d'accordo su come definirlo e come definire la rappresentanza 
 ST> dei provider/maintainer.
 ST> Abbiamo optato allora per il Memorandum of Understanding
 ST> extracontratto che io non mi stanchero' di promuovere poiche' 
 ST> ritengo che il CNR possa e debba svolgere anche questo 
 ST> ruolo culturale.

Un anno dopo...
Dopo un anno, il nuovo contratto in via di approvazione, contariamente agli impegni enunciati dal responsabile RA, continuerà ad ignorare totalmente il mondo associazionistico e culturale presente sulla rete.

La Registration Authority stipulerà un nuovo contratto con i Maintainer, questa volta biennale (con decorrenza Gennaio 1999), nella cui stesura attuale manca ancora una volta qualsiasi riferimento al NON-PROFIT

Il Memorandum of Understanding (MoU) che si sarebbe dovuto attivare per affrontare anche i problemi del NON PROFIT, si è limitato ad un gruppo chiuso di circa 15 eletti (indovinate quali?) che non ha praticamente prodotto assolutamente nulla durante l'arco del 1998, per ammissione stessa dell’RA.

Ecco la deludente motivazione addotta dall'Ing Trumpy ad un anno dalla nostra precedente richiesta:

 ST> La RA ininfluisce minimamente sul costo che sostiene l'utente finale;
 ST> infatti questi, in capo ad un anno, devono sostenere i costi per 
 ST> il computer opportunamente attrezzato, l'abbonamento ad 
 ST> Internet attraverso i provider, le spese telefoniche e magari 
 ST> neppure vedono il costo diretto per la registrazione del nome; 
 ST> per questi motivi il problema non e' stato sollevato ne'
 ST>da noi ne' dai maintainer presenti.
[...]
 ST> la lista MoU e' stata concepita come chiusa con l'intenzione di 
 ST> aprirla successivamente; il traffico su questa lista e' 
 ST> risultato praticamente nullo e ertanto essa e' rimasta 
 ST> chiusa e sostanzialmente non utilizzata;
Quanto in realtà l'RA influisca pesantemente sui costi è facilmente desumibile dalla situazione sopra descritta.
Trumpy inoltre dimentica che molte associazioni ricevono spazio web gratuito dalle reti civiche e perfino dai provider commerciali (evidentemente più sensibili dell'RA su certe questioni): dunque l'unico costo "internet" resta quello del dominio.
Trumpy infine dimentica che il dominio gratuito impedirebbe a Maintainer scaltri di speculare economicamente e senza controllo sulla registrazione di domini per il mondo NON-PROFIT.

Ancora Trumpy:

  ST> che ci dimentichiamo della nostra natura pubblica lo dice lei gratuitamente

Non comprendiamo come l'RA, oltre a non aver tenuto fede agli impegni presi, decida di ignorare totalmente i doveri culturali e morali che le spetterebbero come emanazione di un ente a finanziamento pubblico.

Le ultime nostre richieste in materia vanno nella direzione di interruzione del "doppio passaggio"; si chiede che l'utente saldi direttamente con l’RA le 30.000+iva (non dunque 600.000 +iva) e poi ciascun Maintainer decida di applicare le sue tariffe come intermediario per le fasi tecnico- burocratiche di registrazione del dominio.

Abbiamo in sintesi proposto due possibili soluzioni:

  • Introdurre il billing contact, come fanno tutti gli enti di registrazione al mondo: chi vuole pagare direttamente l'RA puo' farlo, poi l'MNT si limitera` a farsi pagare il suo costo di gestione e configurazione dal cliente.

  • oppure

  • far pagare i domini direttamente ai clienti non 600.000+IVA, ma 30.000+IVA, nel caso in vi siano Maintainer che facciano da garanti per l'interfaccia tecnica con l'RA.

Siamo ovviamente ancora in attesa di una risposta...

Nel frattempo abbiamo invitato tutti i rappresentanti di associazioni ed enti e tutti i liberi cittadini che concordino con quanto sopra esposto ad inviare una e-mail all'RA presso i seguenti indirizzi e-mail:

ed in copia a: contenente il seguente testo o un testo simile:
Citta' e data

Spettabile Registration Authority

Il sottoscritto .............. (citare se rappresentante
o sostenitore di associazione/gruppo/ente etc)
chiede che l'ente di registrazione dei domini italiani,
essendo emanazione di un ente a finanziamento pubblico,
prenda in SERIA considerazione, nel prossimo contratto
biennale da stipulare con i maintainer, il mondo NON-PROFIT
culturale ed associazionistico con finalità sociali ed
umanitarie.

Il sottoscritto chiede in sostanza che l'RA applichi
un forte sconto o se possibile la forma gratuita per
la registrazione di domini richiesti da gruppi culturali
e associazioni NON-PROFIT; chiede che garantisca loro la
stessa presenza in rete e la stessa visibilità di
organizzazioni puramente commerciali, per le quali ultime
il costo del dominio rappresenta un peso economico
ininfluente, e che si eviti, infine, la potenziale speculazione
economica dei Maintainer nei confronti del mondo NON PROFIT.

Cordiali Saluti
nome, cognome ed e-mail

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy