Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Honduras: “Questo premio è un riconoscimento alla memoria, e la memoria riguarda tutti”, Bertha Oliva

    Solidarietà di fronte ai costanti attacchi contro i difensori dei diritti umani
    1 febbraio 2014 - Giorgio Trucchi

    Bertha Oliva (Foto G. Trucchi | Rel-UITA)

    Lo scorso dicembre, a Porto Alegre in Brasile, nell'ambito della trentesima edizione del Premio Diritti Umani al Giornalismo, Bertha Oliva, coordinatrice del Comitato dei familiari detenuti e scomparsi in Honduras, Cofadeh, è stata premiata per la sua lunga lotta per la promozione e la difesa dei diritti umani. La Rel ha realizzato un'intervista per analizzare con lei la situazione in Honduras.

    - Lo scorso 27 gennaio, Juan Orlando Hernández si è insediato come presidente dell'Honduras. Come si presenta la situazione dei diritti umani nei prossimi anni?

    - Con l'insediamento di Juan Orlando, in Honduras si è consolidata una dittatura mascherata da democrazia. Nelle elezioni abbiamo visto come il popolo è stato manipolato ed ingannato e come il Tribunale Supremo Elettorale ha imposto il governo o regime attuale. Questo non aiuta per niente la democrazia, né i processi di trasparenza di cui ha bisogno l'Honduras.

    Chi si è insediato alla presidenza questo 27 gennaio controlla tutte le istituzioni dello Stato, e il suo partito si è assunto il compito di approvare una serie di leggi che attentano contro i diritti umani, la Costituzione e i trattati internazionali sottoscritti dall'Honduras.

    Per questo, tutte le persone che si oppongono a questo governo e che difendono l'idea che si deve restituire al Paese quella democrazia formale che è stata abbattuta dal colpo di Stato del 2009, si trovano in una situazione di vulnerabilità assoluta.

    Personalmente, sono fermamente decisa a continuare nell'attività che il Cofadeh svolge da più di 30 anni, specializzandoci sempre di più e consolidando la nostra capacità di investigazione, documentazione e denuncia delle violazioni dei diritti umani.

    Solo così potremo evitare che il Paese affondi sempre più in un'involuzione accelerata delle istituzioni e della democrazia.

    - Quali sono i prossimi passi del Cofadeh?

    - Non sarà facile, però le sfide nei momenti difficili sono state sempre la nostra priorità. Quello che ci interessa in questo momento è essere puntuali e precisi nelle denunce, in modo che nessuno possa cercare di politicizzare o squalificare il nostro lavoro di difensori dei diritti umani.

    - Nel mese di dicembre, a Porto Alegre, diverse organizzazioni, inclusa la Rel-UITA, ti hanno assegnato un importante riconoscimento per il tuo impegno nella promozione della difesa della vita. Come hai vissuto questa notizia?

    - Devo confessare che all'inizio pensavo si trattasse di uno scherzo, perché eravamo vicini al “Día de los Inocentes” (28 dicembre). Quando ho visto il tuo articolo e le foto mi sono resa conto che era vero, e devo ammettere che è stato molto emozionante. E' stato molto gratificante.

    I riconoscimenti che si ricevono per il lavoro svolto ti fanno sentire bene. Vedere Gerardo (Iglesias, segretario regionale della UITA) ritirare il riconoscimento a mio nome mi ha dato emozioni forti e mi ha fatto sentire felice. Mi sarebbe piaciuto essere li per dire “Grazie!” Sono gesti che non si dimenticano.

    - Questi riconoscimenti aiutano, in qualche modo, a ridurre la pressione e le minacce contro la tua persona e contro il Cofadeh?

    - Sono atti che contengono due cose implicite. La prima è l'appoggio diretto alla persona, all'organizzazione e alla causa che si sta difendendo.

    La seconda è che manda un messaggio chiaro agli oppressori, a quelli che non rispettano i diritti umani, che promuovono politiche statali che aumentano la ferocia contro i difensori dei diritti umani.

    Sono atti di protezione e di solidarietà nei nostri confronti, perché c'è coscienza dei rischi che corriamo a fare questo lavoro. Tutto questo ci spinge a impegnarci ancora di più con la causa della difesa della vita. Inoltre è un riconoscimento alla memoria, e la memoria riguarda tutti, quelli che non ci sono più e quelli che ancora sono qui. Ed ha un effetto moltiplicatore, ti fa sentire bene, è bello e ti da energia.

    Fonte original: Rel-UITA

    Note:

    Traduzione: Sergio Orazi - AIN

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy