Diritti Animali

L'Associazione Vegetariana Italiana cerca volontari per una ricerca scientifica

L'Istituto Superiore di Sanità e il Dipartimento di Fisiopatologia Medica dell'Università "La Sapienza" di Roma, in collaborazione con l'Associazione Vegetariana Italiana sta avviando uno studio sugli effetti dei regimi dietetici vegetariani sul metabolismo e su alcune malattie degenerativa. Sono invitati a partecipare tutti i vegetariani e i vegani, che seguono il medesimo regime alimentare da almeno 3 anni.
9 marzo 2005
Riccardo Trespidi (Responsabile Comitato Medico Scientifico AVI)

Spesso si sente dire che i benefici della dieta vegetariana non hanno una valenza scientifica, anche se, in realtà, l'American Dietetic Association ha da tempo riconosciuto quella vegetariana come una dieta salutare e benefica.
Per questo motivo l'AVI ha aderito con piacere alla proposta del dottor Luigi Fontana, ricercatore presso il Reparto di Alimentazione, Nutrizione e Salute dell'Istituto Superiore di Sanità e presso il Centro di Nutrizione Umana, Dipartimento di Medicina Interna, Divisione di Geriatria e Scienze Nutrizionali della prestigiosa Washington University di St.Louis in USA, di avviare uno studio sugli effetti dei regimi dietetici vegetariani sul metabolismo e su alcune malattie degenerativa, al quale sono stato invitato a partecipare come ricercatore.
Il principale interesse scientifico del Dott. Fontana è il ruolo della nutrizione nel promuovere longevità. I suoi studi si focalizzano sul potenziale ruolo di un'alimentazione equilibrata e dell'esercizio fisico nel ritardare il processo d'invecchiamento. In particolare, sta studiando gli effetti cronici della restrizione calorica, delle diete vegane e dell'attività fisica aerobica sui fattori di rischio cardiovascolare, sull'assetto ormonale, sull'infiammazione, sul metabolismo glico-lipidico e osseo, e sulla qualità della vita.
Si tratta di un progetto ambizioso che obiettivamente e scientificamente mira a valutare la reale validità del nostro tipo di dieta. Scopo dello studio è anche quello di accertare l'eventuale presenza di errori nutrizionali a cui possono andare incontro alcuni vegetariani, non per screditare questo tipo di alimentazione, ma per consigliare e promuovere diete vegetariane realmente valide ed equilibrate dal punto di vista nutrizionale.
Lo scopo dello studio, quindi, è quello di stabilire quale sia la miglior formulazione della dieta vegetariana, mostrandone i benefici. Non vi sono inganni, nè altri scopi, altrimenti non avrei partecipato a questo interessante e valido progetto.
Detto questo, chiedo la vostra collaborazione affinchè diate la vostra disponibilità a sottoporvi ad esami clinici assolutamente non invasivi.
Vorrei anche estendere questo invito agli amici vegetariani delle altre associazioni animaliste (ci tengo a sottolineare che un risultato positivo di questo studio promuoverebbe di per sè la scelta vegetariana). Credo che questa sia l'occasione per unirci sotto lo stesso tetto superando incomprensioni, pregiudizi e rivalità.
Chiedo inoltre la massima collaborazione soprattutto dei vegetariani che vivono a Roma e nei comuni limitrofi.
Infatti lo studio verrà condotto proprio nella capitale presso l'Istituto Superiore di Sanità.
Per il momento chi è interessato a partecipare al progetto deve inviare la sua adesione al seguente indirizzo di posta elettronica: riccardo.trespidi@vegetariani.it
oppure telefonare alla sede A.V.I., numero 02 45471720.
In un secondo momento verrete contattati per concordare l'incontro presso l'I.S.S..
Confido in una "massiccia" adesione al progetto.

Note: Per partecipare alla ricerca mandare una mail a riccardo.trespidi@vegetariani.it oppure telefonare alla sede A.V.I., numero 02 45471720.

I dettagli del progetto sono pubblicati sul sito dell'Associazione Vegetariana Italiana, all'indirizzo http://www.vegetariani.it/vegetariani/articles/art_626.html

Articoli correlati

  • L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano
    Pace
    Nonostante i concreti rischi di una insurrezione o di una invasione militare...

    L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano

    Eppure sarebbe stato possibile votare una risoluzione che esiga il pieno rispetto della legalità, sia all'interno del paese, sia sul piano internazionale. Come ha già fatto il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, quando ha rifiutato di riconoscere l'usurpatore Guaidò (notizia taciuta dai mass media)
    14 febbraio 2019 - Patrick Boylan
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    Disarmo
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • L’abusivismo per il MUOS non sussiste
    Disarmo

    L’abusivismo per il MUOS non sussiste

    Il Tribunale di Caltagirone assolve 4 imputati nel processo per abusivismo del mega sistema satellitare statunitense. In piazza per protesta le Mamme No Muos. Mentre un nuovo processo è appena agli esordi
    6 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • F-35
    Disarmo
    La Relazione speciale della Corte dei Conti e la cupa posizione dei sindacati confederali

    F-35

    Verranno finanziati con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)