Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

Articoli correlati

  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
  • Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo
    In allegato la lettera

    Bioaccumulo anomalo in alcuni alimenti della Basilicata e criticità nel lago Pertusillo

    PeaceLink e Cova Contro mandano a Bruxelles i dati attualmente disponibili. Sono tratti da tre relazioni non ancora pubblicate, alle quali abbiamo però avuto accesso in modo ufficioso.
    10 maggio 2016 - Antonia Battaglia e Giorgio Santoriello
Approda in Italia l'ecologia della nutrizione scopriamo l'impatto sul pianeta delle nostre scelte alimentari

Ecologia della nutrizione

19 luglio 2005
Fonte: www.SaiCosaMangi.info
5.07.05

copertina Nell’ultimo decennio il dibattito sullo sviluppo sostenibile ha
contribuito a generare una maggiore consapevolezza sui problemi
ambientali che affliggono il nostro pianeta e sulla necessità di
intervenire per la sua salvaguardia.

Ma troppo spesso viene trascurato un fattore fondamentale: l'impatto
sull'ambiente delle nostre scelte alimentari. Di questo, ma non solo, si
occupa proprio l'"Ecologia della nutrizione" una scienza
inter-disciplinare relativamente recente - il termone "Nutrition
Ecology" è stato coniato nel 1986 da un gruppo di nutrizionisti
dell'Università di Giessen, in Germania.

Il volume "Ecologia della nutrizione: Valutazione dell’Impatto
Ambientale di diverse tipologie di alimentazione",
presentato in anteprima al VegFestival di Torino, il 17 giugno 2005, fa
approdare anche in Italia l'"Ecologia della nutrizione". Questa scienza
prende in esame tutte le componenti della catena alimentare e ne valuta
gli effetti secondo quattro punti di vista principali - la salute umana,
l'ambiente, la società e l'economia - allo scopo di valutare la
sostenibilità di uno stile alimentare.

Nel volume viene presentato uno studio - effettuato dal dott. Massimo
Tettamanti (chimico ambientale) e dalla dott.ssa Raffaella Ravasso
(biologa), con la collaborazione di esperti in varie discipline - che
analizza l’impatto ambientale dei consumi medi annuali di una singola
persona per diverse tipologie di alimentazione e per diversi metodi di
produzione alimentare, utilizzando la metodologia denominata Life Cycle
Assessment (LCA), che esamina tutto processo di produzione e consumo del
cibo, dalla coltivazione allo smaltimento dei rifiuti.

"Negli ultimi anni sono stati pubblicati alcuni interessanti articoli
sull'American Journal of Clinical Nutrition, dai quali risulta che le
diete a base vegetale sono ambientalmente migliori delle diete a base di
alimenti animali" afferma il dott. Tettamanti. "La diversità e la novità
dello studio che ho effettuato assieme ad altri collaboratori, sta
proprio nell'eseguire i calcoli su una dieta completa, cioè sulla
quantità complessiva di cibo che una persona consuma mediamente in un
anno, e non su singoli alimenti."

Le diete esaminate nello studio sono:
- alimentazione onnivora/vegetariana/vegan
I metodi di produzione:
- allevamento intensivo e agricoltura non biologica / allevamento e
agricoltura biologici

Le tre diete confrontate sono bilanciate (cioè rispettose della piramide
alimentare consigliata dagli esperti di nutrizione) ed equivalenti tra
loro come contenuto di energia, proteine, carboidrati, grassi. Come
termine di confronto è stata inoltre esaminata una dieta-tipo che
corrisponde alla normale e reale alimentazione media italiana (non
bilanciata e non rispettosa della piramide alimentare).

Aggiunge il dott. Tettamanti: "Obiettivo di questa valutazione non è
l'analisi delle situazioni estreme, ma l'individuazione dei cosiddetti
'punti critici' di impatto ambientale in modo da proporre il 'minimo'
delle modifiche alimentari per ottenere il 'massimo' del beneficio."

La pubblicazione riporta dati qualitativi e quantitativi, grafici e
commenti, e, grazie allo stile divulgativo, è una lettura adatta anche
ai non addetti ai lavori. Si può scaricare gratuitamente dal sito
www.SaiCosaMangi.info, oppure si può richiedere la versione su carta
scrivendo a info@saicosamangi.info (la versione cartacea viene inviata
gratuitamente su richiesta a scuole e biblioteche).

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)