Diritti Animali

La caccia, un simbolo di arroganza smisurata

25 marzo 2004
Dacia Maraini
Fonte: Corriere della Sera del 19 marzo 2004

Per fortuna la proposta di legge sulle nuove libertà di caccia non è
passata. Anche perché in palese contrasto con le indicazioni della Comunità
europea. Ma continua a girare per i corridoi della Camera cercando
proseliti. Libertà di caccia nei riguardi degli animali protetti, libertà di
caccia nei parchi, doppiette ai sedicenni. C1è da mettersi le mani nei
capelli. Anche perché, a sentire gli esperti, il bracconaggio è già
estesissimo e in crescita. Quindi questa nuova legge verrebbe semplicemente
a sancire un diritto che con tracotanza il cacciatore si è già attribuito da
solo, disprezzando la necessità di proteggere e regolare la vita e le
abitudini di tanti animali che i cacciatori riescono a vedere solo come
«prede». Più sono proibiti e più sembrano stimolare gli appetiti e le
astuzie clandestine di questi maniaci del fucile. Nel parco nazionale
dell1Abruzzo Lazio e Molise, tanto per fare un esempio, il veterinario ha
denunciato la crescita del bracconaggio a cui lui, più qualche guardia del
parco, non riescono a fare fronte. Il 45% dei cinghiali vengono fatti fuori
clandestinamente, proprio all1interno del parco. Decine di Cervi, di
camosci, di lupi, vengono uccisi a tradimento, proprio lì dove dovrebbero
essere difesi. Una orsa con due orsacchiotti sono stati impallinati e
lasciati marcire ai margini del parco nel settembre del 2003. Ci sono le
fotografie a testimoniarlo.
I cacciatori dicono che i cinghiali rovinano le colture. Ma non ci sono
colture sui monti del parco, salvo piccoli appezzamenti che non sarebbe
difficile difendere. D1altronde non è possibile pensare che la terra sia una
nostra proprietà così assoluta che nemmeno un verme ha più il diritto di
rigirarvisi dentro. Le talpe costruiscono cunicoli e rovesciano la terra?
Togliamoli di mezzo. Gli uccelli mangiano i frutti? Uccidiamoli tutti. I
lupi qualche volta, quando non hanno niente da mangiare e c1è molta neve in
giro, possono assalire una pecora e divorarsela? Abbattiamoli. Gli orsi
danneggiano le piante, sterminiamoli! Anche se è previsto che il parco
rimborsi le pecore assalite dagli animali selvatici. I pastori protestano
che questi rimborsi sono lenti ad arrivare. Questo è male. Cerchiamo di
snellire le pratiche. Ma certamente lo sterminio degli animali che in
qualche modo possono danneggiare le proprietà umane, non è sensato. Dimostra
che la nostra arroganza non ha limiti né pudore. Gli animali ci interessano
solo in quanto ci sono utili, non riconosciamo loro nemmeno il diritto di
godersi qualche giorno di pace, di pascolo, di amoreggiamento. Se non
servono per il cibo o per gli esperimenti medici, o per le pellicce,
eliminiamoli, che ci stanno a fare?
Sembra incredibile che nonostante la sempre più raffinata e articolata
conoscenza della vita delle bestie selvatiche, stiamo diventando sempre più
androcentrici e intolleranti. Mai come ora l1uomo pretende di dominare,
controllare, regolare ogni cosa che vive sul pianeta. Nell1attesa arrogante
di estendere al più presto questo dominio anche all1universo intero. Marte?
In poco tempo diventerà una colonia della Terra. La Luna? Peccato che non
sia dotata di acqua, altrimenti sarebbe già ricoperta dei nostri rifiuti. Le
specie non umane sono fatte schiave per servire l1uomo e i suoi capricci.
Chi non si sottomette a queste esigenze, via, soppresso! Ma è questo il
futuro che stiamo apparecchiando ai nostri discendenti? Un mondo fatto di
arroganza, di volontà di potenza, dove solo la legge del più forte domina e
gli altri possono subito levarsi di torno?

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)