Diritti Animali

La Giustizia da oggi ha un numero:848588544

Istituito dalla Lav per favorire l'applicazione della nuova legge contro il
maltrattamento degli animali.
3 novembre 2004

sito della Lav Da oggi la giustizia per gli animali ha un numero: 848.588.544 (al solo costo di una telefonata urbana da tutto il territorio nazionale), istituito dalla LAV per far conoscere ai cittadini la nuova legge n.189/04 "Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali,
nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini competizioni non autorizzate", e favorirne l'applicazione.

Al numero 848.588.544 i cittadini possono segnalare:
- maltrattamenti o abusi nei confronti degli animali;
- trasmettere atti di denuncia, per una possibile difesa degli interessi lesi e la costituzione di parte civile della LAV;
- richiedere informazioni dettagliate sulle novità introdotte dalla legge
189/04;
- sostenere la campagna della LAV per l'applicazione della nuova legge 189/04
con una donazione deducibile o tramite l'iscrizione alla LAV.
La legge 189/04, in vigore dal 1° agosto, ha riformato positivamente il nostro Codice penale relativamente ai seguenti reati, prevedendo ammende fino a 160 mila euro e la reclusione fino a tre anni:

- maltrattamento e doping;
- abbandono di animali;
- utilizzo di animali in spettacoli o manifestazioni con "sevizie o strazio";
- uccisone di animali "per crudeltà o senza necessità";
- combattimenti fra animali e competizioni non autorizzate;
- allevamento, addestramento, fornitura di animali per combattimenti;
- effettuazione di scommesse, anche se non presente ai combattimenti o
competizioni;
- produzione, commercializzazione, importazione di pelli di cani o gatti;
- sperimentazione senza anestesia se non autorizzata;

Secondo stime della LAV, nel 2003 i maltrattamenti hanno riguardato nel 61% dei casi i cani, dei quali circa il 9% sono deceduti. Si calcola che,
complessivamente, il totale dei decessi abbia riguardato più del 16% degli animali maltrattati. Su un campione di 90 denunce per maltrattamento di animali sono state appena 9 le condanne: una tendenza che la LAV vuole invertire facendo emergere i reati attraverso lo strumento della querela (o denuncia) e favorendo l'applicazione della nuova e più severa disciplina che finalmente non considera più gli animali una cosa senza valore, tanto da prevedere il carcere per chi li maltratta."Con la legge 189/04 i reati contro gli animali sono finalmente considerati un delitto superando così la semplice contravvenzione prevista dal vecchio articolo 727 del Codice penale, non è permessa l'estinzione del reato, i termini di prescrizione del reato aumentano da tre ad oltre cinque anni concedendo alla giustizia un maggior lasso di tempo per fare il suo corso - dichiara Ciro Troiano, responsabile nazionale LAV SOS maltrattamenti - Chiediamo ai cittadini di denunciare i maltrattamenti agli animali e di rivolgersi al nostro numero 848.588.544 per segnalarci tali reati, alle forze di polizia e alla magistratura di intervenire ed accertare le responsabilità, al Governo di emanare al più presto i previsti decreti per determinare le modalità di coordinamento tra le forze di polizia nazionali e locali, per riconoscere le associazioni come la LAV che potranno custodire gli animali salvati per sequestro o confisca, con la possibilità di poter contribuire come parte lesa".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)