Europa

Vicina a 100.000 firme la petizione contro lo scudo stellare

La petizione lanciata in Cechia dal vasto movimento coordinato da Jan Tamas
22 maggio 2008
Fonte: Europe for Peace http://www.europeforpeace.eu - 22 maggio 2008

Sta per raggiungere le centomila firme la petizione europea contro lo scudo stellare.
E' possibile firmare online su:

http://www.nonviolenza.net/

Lìobiettivo è di arrivare a 500.000 prima della firma da parte della Cechia del permesso di istallazione della base radar USA.

Il governo degli Stati Uniti vuole installare una base radar in Repubblica Ceca, come parte del sistema di difesa antimissile detto ³Scudo spaziale².
Lo scudo spaziale è un¹arma di offesa e uno strumento per il dominio globale attraverso la militarizzazione e il controllo dello spazio. L¹installazione della base radar in Repubblica Ceca è solo il primo passo e ha già causato un aumento delle tensioni internazionali e la ripresa della corsa agli armamenti, ricreando un'atmosfera da guerra fredda.

Come sostiene Noam Chomsky, "l¹installazione da parte degli Stati Uniti di un sistema di difesa missilistica in Europa orientale è praticamente una dichiarazione di guerra, uno strumento per il dominio globale".
In un momento di crisi economica mondiale, dove persino il costo degli alimenti cresce a dismisura e si privatizzano sia l'istruzione che la sanità, è una follia spendere miliardi per la guerra e la produzione di nuove armi!
Anche il governo italiano ha recentemente ratificato accordi militari in tal senso con gli Stati Uniti senza neanche aver informato il Parlamento!

Da martedì 13 maggio diciotto città europee - Parigi, Madrid, Roma, Atene, Berlino, Bruxelles, Amsterdam, Copenhagen, Budapest, Zurigo, Tolosa, Malaga, Porto, Colonia, Milano, Formia, Trieste e Torino - si sono unite alla protesta portata avanti a Praga da Jan Tamas, leader del movimento ceco contro la costruzione di una base radar USA.

Prime adesioni alla campagna: Noam Chomsky, Mikhail Gorbachev, Gaston Corneo
Bascopé (Senatore boliviano); in Italia: Mondo senza guerre, Centro delle culture, La
Comunità per lo sviluppo umano, Partito Umanista, Unaltromondo onlus, Sviluppo Umano, Cammini aperti, Rete Lilliput (Vicenza), Sinistra Critica (Trieste), Rifondazione Comunista (Trieste), Tavola della Pace del Friuli Venezia Giulia, Rete artisti contro le guerre (Trieste), Arci (Trieste), Dennis Visioli (assessore alla pace della provincia di Trieste) Alfonso Navarra, Lega per il disarmo unilaterale, Mariella Cao, Comitato sardo
Gettiamo le Basi, Alessandro Rizzo, Berretti Bianchi, Basilio Rizzo, consigliere comunale Uniti con Dario Fo (Milano), Rete No War Roma e Lazio, Giulietto Chiesa, Comitato promotore Legge di iniziativa popolare sui trattati internazionali, le basi e le servitù militari, Rete semprecontrolaguerra, Disarmiamoli.

Note: http://nuke.disarmiamoli.org/LinkClick.aspx?fileticket=LFbPXExJ4dk%3D&tabid=
53&mid=476

http://archiviinternazscudostell.blogspot.com/

http://lists.peacelink.it/disarmo/2007/06/msg00008.html

Altre informazioni su:
http://milano.mondosenzaguerre.org/

Video:
http://www.youtube.com/watch?v=dln3HtG5o-8
http://www.quintessenzanet.org/noscudo/

Articoli correlati

  • "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"
    Economia
    Intervista a Jeffrey Sachs sulla guerra in Ucraina, la Nato, l'Europa, gli USA e la Cina

    "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"

    "Gli Stati Uniti hanno chiamato il primo ministro Meloni e hanno detto di uscire dalla Via della Seta. Pensate che abbia avuto da sola quell’idea? L'idea statunitense è che nessuno debba rivaleggiare con la potenza degli USA. Dovremmo invece puntare a costruire un mondo multipolare e cooperativo".
    6 febbraio 2024 - Jeffrey Sachs
  • Schede
    Il 26 maggio 2004 il New York Times riconobbe i propri errori pubblicando un articolo

    Le presunte armi di distruzione di massa di Saddam in Iraq

    Giornali come il New York Times, fino al 2003 ostili alla guerra, finirono per accettare come veritiere le affermazioni di Powell e per considerare ineluttabile l'intervento armato. A guerra terminata non fu trovata alcuna traccia di quelle fantomatiche armi.
    16 novembre 2023
  • L'Assemblea generale dell'ONU vota per la fine dell'embargo a Cuba
    Latina
    Una sola nazione si è astenuta: l'Ucraina

    L'Assemblea generale dell'ONU vota per la fine dell'embargo a Cuba

    Solo due nazioni hanno votato per mantenere l'embargo: Stati Uniti e Israele.
    L'embargo a Cuba è stato istituito dagli Stati Uniti nel 1960, in risposta alla rivoluzione cubana guidata da Fidel Castro. L'anno successivo la CIA organizzò anche un tentativo di invasione che però fallì.
    3 novembre 2023 - Redazione PeaceLink
  • "Decine di commando USA combattono in Israele"
    Palestina
    L'escalation preoccupa la comunità internazionale, si dimette dall'ONU Craig Mokhiber

    "Decine di commando USA combattono in Israele"

    Negli ultimi giorni gli Usa stanno partecipando sul campo alle operazioni di liberazione di 240 ostaggi catturati da Hamas e trattenuti a Gaza. Questa notizia segna un importante cambio nella posizione degli Stati Uniti, passando da spettatori e consulenti a partecipanti attivi nei combattimenti.
    2 novembre 2023 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)