Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Buone nuove dalla campagna Abiti puliti

    ACCORDO RAGGIUNTO IN BANGLADESH DOPO L'UCCISIONE DI UN LAVORATORE

    Lo scorso 3 novembre 2003 un operaio tessile è stato ucciso, 200 sono stati feriti e 20 sono stati arrestati nel corso degli scontri svoltisi tra gli operai e la polizia nel distretto industriale BSCIC di Fatulla, Naranyongang (vicino alla città di Dhaka) in Bangladesh. Il lavoratore ucciso si chiamava Kamal, aveva 25 anni e lavorava, secondo un articolo apparso su "New Nation", alla Pentex Garments Ltd.
    22 novembre 2003 - Ersilia Monti
    Fonte: Clean Clothes Campaign - 20 novembre 2003

    L'agitazione è nata dopo che gli operai di diversi stabilimenti avevano chiesto il pagamento dei salari arretrati e della gratifica festiva, che in Bangladesh deve obbligatoriamente venire pagata entro il 25 novembre, fine del mese di digiuno/ramadan. Negoziati tra i dirigenti e gli operai nella notte tra il 2 ed il 3 novembre non avevano portato ad alcun risultato e la situazione è degenerata rapidamente dopo l'arresto di un leader sindacale. La protesta, nel corso della quale alcuni stabilimenti tessili sono stati presi d'assalto, si è diffusa in tutta la zona che conta 400 impianti e 16000 lavoratori.

    A seguito degli scontri e degli arresti, la Clean Clothes Campaign aveva diffuso in data 8 novembre 2003 un appello nei confronti della BMKEA (Associazione degli Imprenditori della Maglieria del Bangladesh) in cui si chiedeva di ritirare le denunce sporte nei confronti dei lavoratori tessili arrestati, riconoscere le richieste iniziali dei lavoratori riguardo al loro legittimo pagamento, inclusa la gratifica festiva, assicurare urgentemente cure mediche adeguate e un risarcimento ai lavoratori feriti e alla famiglia del lavoratore ucciso, garantire luoghi di lavoro sicuri dove i diritti dei lavoratori vengano rispettati.

    In seguito all'appello, la BMKEA ha preso delle misure per venire incontro a queste richieste. Nello specifico si è impegnata a: ritirare le denunce sporte nei confronti dei lavoratori arrestati, che nel frattempo sono stati rilasciati; al pagamento di 100.000 tk alla famiglia di Kamal, il lavoratore assassinato negli scontri; ridurre l'orario lavorativo giornaliero a 8 ore, e pagare per ogni ora successiva il doppio del salario orario normale previsto; proseguire le pratiche per l'adempimento del pagamento della gratifica festiva (i lavoratori forniranno la lista degli stabilimenti in cui non viene pagato in modo che la BMKEA possa provvedere); e assicurare che i feriti ricevano adeguate cure mediche.

    La Clean Clothes Campaign ringrazia tutti coloro che hanno provveduto a contattare la BMKEA per esprimere la loro preoccupazione riguardo a questi problemi e provvederà ad aggiornare le notizie al riguardo fino al completamento dell'accordo.

    Note:

    (traduzione di Chiara Panzera)
    Per vedere i casi di cui ci siamo occupati nel 2003:
    www.lilliputmilano.org/lab/consumocritico.html al link Abiti Puliti
    Consultate anche il sito: www.cleanclothes.org

    Per essere esclusi dalla lista o ricevere informazioni sulla Clean Clothes
    Campaign, inviate un messaggio a : ersilia.monti@mclink.it

    Ersilia Monti (Coordinamento lombardo nord/sud del mondo - Rete di Lilliput
    Nodo di Milano) - P.le Governo Provvvisorio 6 - 20127 Milano - email: ersilia.monti@mclink.it
    -------------------

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)