Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Roba dell'Altro mondo a Bombay, World Social Forum

    CON IL LANCIO DEL MARCHIO "FTO" NASCE IL NETWORK MONDIALE DELLE
    ORGANIZZAZIONI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE
    16 gennaio 2004
    Fonte: roba.coop

    Sostenere economie alternative, dare voce alle comunità di produttori ed
    artigiani, contribuire assieme a IFAT (la federazione di oltre 250 realtà
    Fair Trade in tutto il mondo) alla costruzione di un network mondiale tra
    le organizzazioni eque e solidali. Questi sono gli obiettivi per cui ROBA
    dell'Altro Mondo (http://roba.coop), cooperativa d'importazione del
    Commercio Equo italiano attiva nella Rete Lilliput, ha deciso di
    partecipare al IV World Social Forum di Mumbai. Oltre alla semplice
    denuncia, aldilà delle dichiarazioni di principio, il Commercio Equo
    permette di compiere un ulteriore salto in avanti: dimostrare che
    un'economia alternativa è possibile oltre che auspicabile.

    In quasi 50 anni di attività il commercio Equo e Solidale è diventato un
    movimento globale: diversi milioni di produttori ed artigiani, strutturati
    in oltre 3000 organizzazioni di base e di coordinamento in più di 50 Paesi
    del mondo sono il primo anello di una catena del valore etico che porta
    prodotti e progetti nelle migliaia di Botteghe del Mondo nel Nord (solo in
    Europa sono 3000, 400 in Italia).
    Prodotti e progetti, quelli legati alla Rete di Roba e rappresentati a
    Mumbai, che parlano della dignità che sta dietro alla tintura dei tessuti
    annodati (tie-dye) delle donne nepalesi di Manushi, organizzate in
    cooperativa, o all'impegno di Silence, in India, laboratorio di artisti
    sordomuti per la creazione di candele profumate, oppure al sostegno che
    Corr the Jute Works dà a 4000 artigiani della Juta in Bangladesh, creatori
    delle borse "not for sale", o al lento rifiorire del villaggio di
    Thanapara, al confine tra India e Bangladesh, che con l'impegno dell'ong
    svedese Swallows (rondini) è rinato dagli eccidi della guerra
    d'indipendenza del 1971 ed oggi si autogestisce mentre i laboratori sono
    coordinati da una donna.
    Una rete di esperienze che si annoderà formalmente con il lancio in prima
    mondiale del Marchio delle Organizzazioni del Commercio Equo (FTO Mark) il
    19 di gennaio. Un marchio di riconoscimento globale rilasciato da IFAT, la
    federazione internazionale del fair trade, che certificherà quelle realtà
    che, nel Sud come nel Nord del mondo, garantiscono
    · giustizia negli scambi commerciali
    · pagamento di un prezzo equo ai produttori
    · protezione di diritti del lavoro e dei bambini
    · sostegno alle comunità marginalizzate
    · promozione di un sistema di maggiore eguaglianza ed emancipazione
    · rispetto per l'ambiente.
    Un impegno fatto di informazione, di sensibilizzazione, di promozione di
    economie alternative, che attraversa i seminari ed i workshop che IFAT
    (International Federation of Alternative Trade), Fair Trade Forum e le
    realtà eque e solidali di tutto il mondo hanno organizzato per Mumbai.
    La delegazione di ROBA in partenza per Mumbai è formata da
    Alberto Zoratti - albe@roba.coop -
    Deborah Lucchetti - deborah@roba.coop
    Monica Di Sisto - comunicazione@roba.coop - moni.disisto@iol.it
    In appoggio dall'Italia
    Enrico Testino - enricotestino@libero.it

    Note:

    Per info scrivere a: info@roba.coop

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)