Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Quando il livello sonoro televisivo lievita leggermente, ecco a voi...

Teledecibel

Casomai non ci entrasse in testa un concetto, la televisione ce lo urla! Ci considerano sordi o tonti? Misteri televisivi.
19 agosto 2006
Alessia Mendozzi

Avete mai notato quanto si urla in tv? E’ difficile trovare qualcuno che si regoli nella bolgia televisiva. Non si salvano neanche i programmi di cucina. Sembra che, se non ci si mette ad urlare, il telespettatore non capisca la ricetta. Un esempio? La prova del cuoco. La Clerici non c’è verso che usi toni più pacati. Lei deve urlare. Deve spaccarti i timpani. Quasi una missione la sua.

E che dire dei programmi in cui si chiede l’opinione del pubblico? Nel giro di un niente si rischia d’essere catapultati in un girone dantesco. Tizio sbraita contro Caio, a sua volta aggredito da Sempronio. Il resto del pubblico incita. A confronto, gli spettatori delle arene o i tifosi allo stadio sono persone silenziose.

Dai varietà, ai programmi di intrattenimento, passando per i programmi in cui c’è un dibattito politico, il filo conduttore è sempre lo stesso. Si urla, signori, si urla! Senza pietà. La fiera di chi urla di più. Dovrebbero mettere un nuovo premio televisivo. A chi urla di più. E’ una bella lotta. C’è l’imbarazzo della scelta. Autolesionista, intendiamoci.

Ma il top deve ancora arrivare. La pubblicità! Della serie, come passare dalla padella alla brace. Il livello del suono “stranamente” lievita. Ma non era vietato per legge? Non c’è speranza di rilassarsi un po’. Ma che male abbiamo fatto?

A riassumere tutta questa follia sonora ci è riuscita, anche se involontariamente, una pubblicità della 3 di qualche mese fa. C’erano Amendola e “Il baffone” che si domandavano a vicenda: “Perché urliiii?”. Me lo domando anch’io. Che bisogno c’è di strillare così tanto? Misteri televisivi...

Articoli correlati

  • Contro la televisione
    Storia della Pace
    L'omologazione degli italiani

    Contro la televisione

    Il fascismo, voglio ripeterlo, non è stato sostanzialmente in grado nemmeno di scalfire l’anima del popolo italiano: il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e di informazione (specie, appunto, la televisione), non solo l’ha scalfita, ma l’ha lacerata, violata, bruttata per sempre.
    Pierpaolo Pasolini
  • Non volevamo votare Beppe Grillo
    Sociale
    Volevamo parlare di democrazia, di rappresentatività e di partecipazione.

    Non volevamo votare Beppe Grillo

    Si è cercato solo di usare la spontaneità e l’immagine pulita di chi la politica la fa ogni giorno, senza scorte o auto blu, senza stipendi indecenti, ma dividendosi le spese per pagare il locale dove ci si incontra.
    30 dicembre 2012 - Ernesto Celestini
  • Internet VS Televisione
    Cultura
    Torna il Professor Dindiot

    Internet VS Televisione

    Quale dei due media può migliorare il nostro mondo?
    18 agosto 2008
  • Le rivoluzioni dell'homo videns
    MediaWatch

    Le rivoluzioni dell'homo videns

    Con l'avvento di tv e computer è finita la lunga epoca del "sapiens" che si formava soprattutto leggendo
    24 novembre 2006 - Umberto Galimberti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)