Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

"Bora" di Anna Maria Mori e Nelida Milani - Frassinelli -

Due donne raccontano la loro Istria.
Due donne nate a Pula, quando Pula era Pola e l'Istria era Italia.
Due bambine a quei tempi; e dunque altri, e non loro, hanno scelto per loro se partire o rimanere.
Due bambine: una partita, l'altra rimasta.
29 maggio 2007

Due bambine innamorate delle loro nonne e dei loro luoghi.
Due bambine alle quali la guerra ha tolto la capacita' di guardare avanti.
Due donne che per anni hanno avuto paura a guardarsi indietro, quasi avessero preso alla lettera la leggenda di Orfeo che proprio per aver guardato indietro fu punito dagli dei con la perdita della riconquistata Euridice.

Un giorno, poi, insieme, Anna Maria e Nelida, proveranno a ripercorrere le loro vite, dolorose e ingiuste, uguali e diverse.
Una di qua e l'altra di la', proveranno a sovrapporre le loro vite e si accorgeranno, con dolore, che combaciano perfettamente; soprattutto nel dolore!
Due vite parallele e parallelamente sradicate: una dalla propria casa dalla propria terra e dalla propria gente; l'altra dalla propria lingua, dalle proprie abitudini e dalla propria gente che partiva...

Anna Maria, per anni, ha rinnegato il suo essere istriana, forse anche perche' non e' mai riuscita a sentirsi un "noi" con gli altri trecentocinquantamila esuli istriani.
Anna Maria ha faticato molto per ritrovare se stessa e per far pace con quella bambina che appare in una vecchia foto e che ride fra il cielo e il prato. In quella vecchia foto, con una grafia femminile alta grande e piena di punte e di coraggio, con la penna stilografica, e' stato scritto: giugno 1937, ma nessun luogo e' stato indicato. Il luogo e' dato per ovvio perche' a quei tempi si pensava probabilmente che, salvo avvenimenti straordinari, il luogo del nascere sarebbe stato anche quello del vivere, quello del "sempre", senza considerare che gli eventi straordinari, altro non sono che l'ordinario quotidiano.
Poi, pero', ce l'ha fatta, Anna Maria. Ha fatto pace con la bambina che e' stata; ha ritrovato se stessa e la sua Pola, grazie anche a Nelida...

Secondo me per Nelida e' stato forse un po' meno atroce. Lei e' rimasta; tutto e' cambiato per lei, e' vero, ma e' riuscita se non altro a farsene una ragione.
E' riuscita a capire che la colpa di cio' che e' accaduto dopo e' stata di un "prima" ben preciso. Non ha mai capito pero' perche' e' toccato a loro pagare le colpe dei fascisti italiani! Cosi' come non ha mai capito perche' gli altri italiani se ne sono andati.
Se fossero rimasti in Istria, le loro case, le loro stalle, la loro campagna, i loro appartamenti non sarebbero stati occupati - pensa ancor oggi Nelida - e tutti i "liberatori", come gia' era successo parecchie altre volte in quella terra di confine, uno dopo l'altro, se ne sarebbero andati e loro avrebbero commentato nel loro dialetto veneziano contagiato dallo slavo: "Ecco se ne sono andati anche costoro!".
Invece ad andarsene furono gli italiani...

Anna Maria ancora oggi ha difficolta' a rispondere alla banale domanda: "Nata a?"
Qualcuno non ricorda nemmeno che Pola era Italia, ma, nell'istante in cui Anna Maria lo specifica, ecco che lei improvvisamente, dopo essere stata per un breve istante ex-jugoslava, diventa "profuga" e profuga rimane!

Nelida, invece, poi, (com'era giusto che fosse) si e' innamorata di un croato e la vita per lei, e per tutti coloro che sono rimasti, ha trovato un modo per riequilibrarsi da sola...

Elisabetta Caravati
http://db.peacelink.org/tools/author.php?l=Elisabetta

Articoli correlati

  • In fuga da Tito
    Pace
    20 febbraio 2013. All'ISIS "Leonardo da Vinci" di Firenze in un incontro con esuli istriani, giuliani, dalmati.

    In fuga da Tito

    A ridosso del "Giorno del Ricordo", racconti e testimonianze anche crude e vissute in prima persona. Spicchi di storia italiana attraverso la sofferenza di chi è scampato, in quegli anni bui del dopoguerra, alle persecuzioni nazionaliste e alle foibe.
    22 febbraio 2013 - Roberto Del Bianco
  • Pace
    "Giorno del Ricordo" 2010. Un passo indietro nella storia.

    Ritornando dai confini orientali

    "Istria Quarnero Dalmazia" e "Nemico del popolo". Due proposte al mondo della scuola. E un percorso didattico su vicende del nostro dopoguerra che non possiamo dimenticare.
    14 febbraio 2010 - Roberto Del Bianco
  • "La memoria degli italiani di Buie d'Istria" di Giacomo Paiano *
    Cultura

    "La memoria degli italiani di Buie d'Istria" di Giacomo Paiano *

    Storie e trasformazioni di una comunita' contadina tra il 1922 e il 1954 nelle testimonianze dei "rimasti". Ma perche' per gli istriani e' cosi' difficile riordinare i ricordi e raccontare?
    22 settembre 2008 - Elisabetta Caravati
  • Cultura

    Fulvio Tomizza: i suoi libri, la sua Istria...

    C'e' stata gente che, ad un certo punto della propria vita, ha caricato quanto piu' poteva su un carro tirato dai manzi o su una corriera ed e' partita; lasciando per sempre la terra dei padri. Fra loro un ragazzo che, prendendo appunti sul taccuino indelebile del cuore, avrebbe scritto di loro per sempre!
    20 febbraio 2005 - Elisabetta Caravati
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)