Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Eluana Englaro, Piergiorgio Welby, le Sacre Scritture ed il Catechismo della Chiesa Cattolica

Un lettore ci invita a fare un po' di chiarezza riguardo alla posizione della Chiesa sul problema delicato e complesso dell'eutanasia
6 agosto 2008
Renato Pierri (Scrittore ed ex docente di religione)

Gentile direttore,
vorrei fare un po' di chiarezza riguardo alla posizione della Chiesa davanti a casi come quello di Piergiorgio Welby, di Eluana Englaro, e soprattutto sul problema delicato e complesso dell'eutanasia.

Intanto è importante informare non credenti e credenti, ecclesiastici compresi, che si ostinano a definire omicidio l'eutanasia, che la Chiesa stessa non considera l'uno e l'altra alla stessa stregua. Per rendersene conto basta confrontare due passi del Catechismo. Al n. 2268: "Il quinto comandamento proibisce come gravemente peccaminoso l'omicidio diretto e volontario. L'omicida e coloro che volontariamente cooperano all'uccisione commettono un peccato che grida vendetta al cielo". Riguardo, invece, all'eutanasia, al n. 2277: "Essa è moralmente inaccettabile". C'è una notevole differenza.

In genere la posizione della Chiesa su questi problemi si basa su un'errata interpretazione di alcuni passi delle Scritture. Molti ecclesiastici lo sanno, ma non possono parlare, giacché la Chiesa può riconoscere gli errori del passato, ma non quelli attuali. I passi in questione si trovano nell'Antico Testamento: "Sono io che do la morte e faccio vivere" (Dt 32,39); "Il Signore dà la morte e dà la vita, fa scendere agli inferi e ne fa risalire" (1Sm 2,6). La Chiesa si appella a versetti come questi per affermare: "La vita e la morte dell'uomo sono, dunque, nelle mani di Dio, in suo potere"; "Morire per il Signore significa vivere la propria morte come atto supremo di obbedienza al Padre, accettando di incontrarla nell'«ora» voluta e scelta da lui, che solo può dire quando il cammino terreno è compiuto (cf Evangelium vitae).

Ora, se c'è un Dio creatore ed una creazione, è ovvio che questa dipenda da Dio, ma non è altrettanto ovvio che sia Dio a "decidere" di dare la vita e la morte ad ogni individuo. Il concetto non solo non trova seria rispondenza nelle Scritture, ma è contraddetto dalla ragione e dalla nostra esperienza. Si pensi ad un concepimento a seguito di stupro, agli aborti spontanei, alle morti premature, accidentali, ecc. Non possiamo pensare che sia Dio a prendere simili "decisioni". Che idea dovremmo farci del Creatore?

Non possiamo basarci sul versetto della Bibbia che più ci fa comodo, per sostenere le nostre tesi. Altrimenti, per sostenere - ad esempio - che Dio è vendicativo e violento, potremmo ricorrere ai versetti che seguono immediatamente il verso citato del Deuteronomio: "Quando avrò affilato la mia spada folgorante, e la mia mano si accingerà al giudizio, farò vendetta dei miei avversari, ripagherò quelli che mi odiano. Inebrierò le mie frecce di sangue, la mia spada divorerà la carne: sangue degli uccisi e dei prigionieri, teste dei principi nemici". È lo stesso Dio che parla, e nello stesso contesto.

Le citazioni bibliche non devono contrastare né con la ragione né con lo spirito del Vangelo. La posizione della Chiesa sarà allora in sintonia col Vangelo? Neppure per sogno. Gesù ci dice: "Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi" (Gv 15, 12). Ora, per portare un esempio limite, non si vede come si realizzi questo amore nel caso di un neonato portatore di malattia gravissima ed incurabile, allungandogli di qualche giorno o di qualche settimana la vita.

Ma perché dobbiamo pensare che debba provvedere Dio a togliere dalla sofferenza un malato senza speranza, e non piuttosto che sia proprio Dio ad affidarne all'uomo la responsabilità?

Articoli correlati

  • La Chiesa di tutti
    Cultura
    Valerio Gigante, Luca Kocci

    La Chiesa di tutti

    L’altra Chiesa: esperienze ecclesiali di frontiera, gruppi di base, movimenti e comunità, preti e laici “non allineati”
    28 novembre 2013 - Giacomo Alessandroni
  • Taranto Sociale
    I limiti della politica e della chiesa quando affrontano temi come l'eutanasia

    Mina racconta Piergiorgio Welby, 20.12.12

    Prima di partire, piergiorgio, ascola il disco di bob dylan, tonight i'll be staying here with you
    20 dicembre 2012 - Luciano Manna
  • Mina racconta Piergiorgio Welby, 20.12.12
    Sociale
    I limiti della politica e della chiesa quando affrontano temi come l'eutanasia

    Mina racconta Piergiorgio Welby, 20.12.12

    Prima di partire, piergiorgio, ascola il disco di bob dylan, tonight i'll be staying here with you
    20 dicembre 2012 - Luciano Manna
  • Ilva, santi in paradiso
    Taranto Sociale
    Pecunia non olet, i soldi non hanno odore e soprattutto fanno comodo anche per organizzare processioni e sparare fuochi d'artificio

    Ilva, santi in paradiso

    A sciogliere ogni dubbio ci ha pensato l'Ilva: non più soldi ma soltanto preghiere
    14 settembre 2012 - Annalisa Latartara
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)