Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Figli adottivi di madri distratte

L'ultimo (e primo) lavoro di Elisabetta Caravati
Giacomo Alessandroni13 aprile 2011

Figli adottivi di madri distratte

L'autrice cammina per tre anni da est ad ovest dentro e fuori i confini di questa giovane Italia e scopre che ci sono ancora cicatrici ben visibili e ferite aperte. Le due guerre mondiali hanno lasciato segni indelebili nei luoghi e nei cuori delle persone che lungo i confini vivono. Il tempo ha lenito solo in parte il dolore procurato dalle guerre prima e dai trattati di pace dopo. Le guerre hanno diviso fratelli da fratelli. I trattati di pace hanno tracciato linee senza tener conto della quotidianità spicciola con la quale gli abitanti dei confini ogni giorno devono fare i conti.

Un uomo d'affari croato di lingua italiana, una ragazza italiana di lingua tedesca e il figlio di un pastore brigasco vorrebbero riuscire a dare un senso al loro sentirsi, in luoghi e tempi diversi, figli adottivi di madri distratte, per questo provano a ripercorrere a ritroso le storie delle loro rispettive famiglie.

La nonna dell'uomo d'affari croato di lingua italiana, senza mai muoversi da casa, ha cambiato quattro nazionalità, infatti, è nata austriaca, si è sposata italiana, ha avuto tre figli italiani e una figlia jugoslava, poi è morta croata. La nonna della ragazza italiana di lingua tedesca si è vista derubare di tutto. L'Italia le ha portato via la nazionalità, la lingua, la cultura e l'intero suo mondo. Il suo paese, infatti, è stato distrutto e sommerso per far posto ad un lago artificiale capace di produrre energia elettrica. La nonna del figlio del pastore brigasco è cresciuta in bilico fra Italia e Francia, confusa fra il credere, obbedire e combattere del padre e gli ideali di libertà, uguaglianza e fratellanza del nonno materno; poi ha assistito inerme allo smembramento della sua terra.

L'uomo d'affari istriano, la ragazza sudtirolese e il figlio del pastore brigasco vorrebbero riuscire a rielaborare il disagio vissuto dalle loro nonne e quell'angosciante sensazione di essersi sentite straniere a casa propria, indesiderate a casa propria. Tutti e tre faranno sforzi sovrumani per riuscirci, ma non sarà facile per nessuno dei tre!

L'uomo istriano vorrebbe ricordare, capire e raccontare, ma non riesce a districare l'ingarbugliata matassa della paura. La ragazza sudtirolese vorrebbe vincere il terrore dell'acqua e narrare, in italiano, le angosce della nonna, ma non sarà facile esternare eventi e sentimenti in una lingua a lei estranea. Il figlio del pastore brigasco vorrebbe trovare le radici di suo padre, trova invece i brandelli di un paese smembrato; e allora, aiutato dalla sua compagna, fugge via, smette di cercare risposte e va incontro al futuro.

Note: Per l'acquisto online con lo sconto del 25%

Articoli correlati

  • Atlante dell’uranio
    Cultura
    Testo di riferimento sul nucleare civile e militare nel mondo

    Atlante dell’uranio

    L’Atlante dell’uranio è per tutti noi, amici della nonviolenza, della pace come lotta alle disuguaglianze sociali e del disarmo un testo di riferimento attuale, valido per comprendere che il nucleare non è assolutamente uno sbiadito ricordo del passato, ma una minaccia sempre attuale e molto dannosa
    30 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Memoria e futuro
    Cultura
    In tutte le librerie dal 6 maggio 2021

    Memoria e futuro

    Il libro Memoria e futuro di Alfonso Navarra, Luigi Mosca, Laura Tussi, Fabrizio Cracolici è frutto di un impegno collettivo portato avanti dai Disarmisti Esigenti con i contributi di Vittorio Agnoletto, Moni Ovadia, Alex Zanotelli e molti altri
    25 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Renoir: un viaggio intorno all’amore
    Cultura
    Recensione al libro Renoir

    Renoir: un viaggio intorno all’amore

    Il nuovo avvincente libro di Massimo Laganà, narra accattivanti racconti di donne e uomini che emozionano, perché in essi trapelano le nevrosi del quotidiano. Nei vari racconti pone in risalto l'amore e la passione facendo emergere la condizione umana in tutte le sue sfaccettature psicologiche.
    31 marzo 2021 - Laura Tussi
  • La violenza non è il mio destino
    Cultura
    La prima legge innovativa sulla violenza sessuale è la numero 66 del febbraio 1996

    La violenza non è il mio destino

    La storia di vita di Tiziana Di Ruscio, vittima di violenza, sopravvissuta al femminicidio, narrata in questo libro di drammatica verità, rasenta però l’incredibile e l'indicibile.
    Libro in tutte le librerie dal 4 Marzo 2021
    20 febbraio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)