Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • Tutto bene per Leonardo-Finmeccanica?

    Tutto bene per Leonardo-Finmeccanica?

    Allora si pensi al sistema produttivo Italia non come risorsa da sfruttare per aumentare i profitti dei propri azionisti, ma per esercitare un ruolo pubblico di supporto all'ammodernamento, avanzamento tecnologico e culturale di tutto il sistema Italia
    18 maggio 2017 - Rossana De Simone
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio

Come e dove va la ricerca e sviluppo in Italia?

8 novembre 2010 - Rossana De Simone

Il Ministro Tremonti per la ricerca ha dichiarato in un intervista su IL SOLE 24 ORE del 4.8.2010:

“Sulla spesa pubblica c’è una sola voce su cui si deve davvero fare uno sforzo in più, ed è la voce ricerca. E su questa che stiamo lavorando”.
A distanza di un mese (intervista a La Repubblica del 4 settembre 2010), alla domanda dell’intervistatore: “Come può crescere un Paese che non finanzia la ricerca? Perché continuate a non fare nulla in questo campo? Il Mo Tremonti ha risposto:“In questo si deve fare oggettivamente molto di più. Sappiamo bene che servono soldi. Pensi comunque che inventariando i fondi per il Sud sono venuti fuori circa 5 miliardi destinati alla ricerca, ma non utilizzati. L’istruzione tecnica è la grande assente nel nostro sistema educativo, che si è troppo allontanato dal mondo produttivo.”

Ma di quale ricerca e sviluppo si sta parlando? Guardiamo cosa accade nelle scuole, università, centri di ricerche e industria.
Entriamo nel merito dell'intervento dello Stato.

Con i oltre 15 miliardi di euro complessivi del progetto per il JSF si potrebbe: Costruire 3.000 asili nido
Costo 1 miliardo di € con beneficiari 90.000 bambini da 0 a 3 anni e 50.000 famiglie Posti di lavoro creati: 20.000
Mettere in sicurezza 1.000 scuole. Costo 3 miliardi di € con beneficiari 380.000 studenti. Posti di lavoro creati: 15.000
Installare 10 milioni di pannelli solari. Costo 8,5 miliardi di € con beneficiarie 300.000 famiglie. Posti di lavoro creati: 80.000
Dare indennità di disoccupazione di 700 € per 6 mesi ai precari con reddito inferiore ai 20.000 €. Costo 2,5 miliardi di € con beneficiarie 800.000 persone oppure (al posto di quest’ultima)
Ristrutturare il centro storico dell’Aquila, 5.000 case inagibili, l’ospedale e la casa dello studente. Costo 2,5 miliardi di € con beneficiarie 30.000 persone Posti di lavoro creati: 2.000
Con i 100 milioni di euro di un singolo cacciabombardiere JSF si potrebbe: Acquistare 20 treni per pendolari. Costo 100 milioni di € con beneficiarie 20.000 studenti. Posti di lavoro creati: 1.500
Acquistare 5 Canadair per servizio antincendio. Costo 100 milioni di € con beneficiaria un’area di 200.000 abitanti
(scheda allegata alla campagna contro l'F-35)

Quali industrie vengono favorite dallo Stato? Quale ricerca viene finanziata nelle università e quali scuole superiori vengono privilegiate?

Gelmini: Rettori manager nelle università del futuro
I rettori delle università italiane diventeranno dei manager chiamati a rispondere a criteri di produttività ed efficienza. Lo annuncia Mariastella Gelmini, ministro dell’Istruzione, a Capri parlando al convegno dei Giovani Imprenditori. “Nel mio disegno di legge che riforma ricerca e università – osserva – gli atenei diventano elementi centrali di un sistema che prevede il raccordo diretto tra centri di studio ed imprese”.
Per i distretti tecnologici sono pronti 900 milioni che saranno assegnati alle imprese con l'apertura di un bando. Il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, utilizza la vetrina del convegno di Capri per annunciare di "aver firmato proprio oggi un bando che sostiene lo sviluppo dei distretti tecnologici".
http://www.denaro.it/speciale-confindustria-capri_2010.aspx

Cresce chi innova!
http://www.confindustriaixi.it/it/VII_giornata_ricerca.html#

Sintesi: andamento della ricerca e sviluppo in Italia e nei principali Paesi
http://progetti.airi.it/statistiche-ricerca-sviluppo/

Outsourcing della Ricerca Industriale. PROBLEMATICHE E POTENZIALITA’ DELLA RICERCA AFFIDATA A TERZI
(IN ITALIA, ALL’ESTERO, IMPORTATA)
http://progetti.airi.it/outsourcing/AIRI-OutsourcingReS-Monti-Rapporto.pdf
http://progetti.airi.it/outsourcing/AIRI-OutsourcingRes-Altobello-Airi.pdf

Istat - Rilevazione su "Ricerca e Sviluppo" in Italia
L'ISTAT ha pubblicato le rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo in Italia, riferite alle imprese, alle istituzioni pubbliche e alle istituzioni private non profit.
Nel 2007 la spesa per R&S intra-muros sostenuta da imprese, istituzioni pubbliche, istituzioni non profit e università ammonta complessivamente
a 18.231 milioni di euro. Le imprese (che realizzano il 51,9 per cento della spesa totale), con una crescita del 15,2 per cento rispetto al 2006, sono al primo posto per spesa complessiva in attività di R&S; un aumento si registra comunque anche per le università (+7,8 per cento) e, in misura minore, per le istituzioni private non profit (+1,1 per cento). Si riduce, al contrario, la spesa per R&S delle istituzioni pubbliche (-8,7 per cento).
http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20091221_00/testointegrale20091221.pdf

Gazzetta Ufficiale N. 251 del 26 Ottobre 2010. MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. DECRETO 14 settembre 2010 , n. 173
Regolamento concernente la disciplina degli interventi relativi ai progetti di ricerca e sviluppo, in applicazione della legge 24 dicembre 1985, n. 808. (10G0194)

Il possesso del requisito di cui al comma 1 sussiste per le imprese che, nei tre esercizi precedenti la domanda di ammissione agli interventi, abbiano conseguito un fatturato medio determinato per oltre il 50% ? ovvero il 25% per le PMI ? da attivita' di costruzione, trasformazione e manutenzione di aeromobili, motori, sistemi ed equipaggiamenti aerospaziali, meccanici ed elettronici e parti degli stessi
http://gazzette.comune.jesi.an.it/2010/251/1.htm

Gli interventi di cui al presente regolamento, integrando in via sussidiaria l'investimento delle imprese che operano in Italia con attivita' principale nel settore aerospaziale, sono finalizzati a consentire la tempestiva realizzazione - anche nell'ambito di programmi internazionali, o europei - di progetti di ricerca e sviluppo funzionali alla sicurezza nazionale in aree nelle quali l'industria italiana appare in grado di esprimere effettive eccellenze.
http://gazzette.comune.jesi.an.it/2010/251/2.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)