Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

    E l'Italia compra aerei supercostosi, ma inutili

    Via libera nella legge di Stabilità all'acquisto dei controversi F-35: gran parte degli alleati li ha messi in discussione
    Giampaolo Cadalanu

    Attacchi in profondità: Il caccia F-35 è nato per lanciare attacchi su lunghe distanze. Inutile in teatri come l'Afghanistan. Le caratteristiche anti-radar sono costose ma non servono a nulla dove il nemico è la guerriglia

    C'è una grande prova di fedeltà atlantica nel Documento di stabilità (l'ex legge finanziaria) appena approvato dalla Camera. È la previsione, passata senza difficoltà, della spesa per i controversi cacciabombardieri F-35 JSF, un jet progettato per la Guerra fredda ma considerato poco adatto per le esigenze italiane. Per lo sviluppo di questo aereo, nel bilancio della Difesa figurano per l' anno venturo 471,8 milioni di euro: sono spese di investimento, e coprono solo una parte del costo complessivo.

    Per ora il contratto con la produttrice Lockheed-Martin non è stato firmato, ma il progetto va avanti nonostante i dubbi degli esperti. All'inizio, l' F-35 doveva costare attorno ai 60 milioni, poi la cifra è lievitata fino a raddoppiare. Il costo "a regime", dicono i tecnici, sarà attorno ai duecento milioni di euro per esemplare. L'aumento dei costi ha spaventato tutte le nazioni che avevano deciso di dotarsi dell' F35: nella Nato gli alleati più esitanti (Olanda, Norvegia, Germania) hanno fermato il programma per ridiscuterlo, i più decisi hanno comunque falcidiato le previsioni di spesa (la Gran Bretagna ne doveva comprare circa 130, oggi ne vuole 20).

    I dubbi sono sbarcati persino al Congresso Usa, che sta valutando l'annullamento della versione "B", a decollo corto e atterraggio verticale, che interessava la Marina italiana ma è in forte ritardo di realizzazione. L' F-35 B doveva sostituire l'Harrier sui ponti della Garibaldi e della Cavour: per le portaerei americane, più grandi, è prevista un' altra versione.

    L' Italia aveva progettato l'acquisto di 131 caccia, divisi fra la versione da portaerei e quella "normale", in dotazione all' aeronautica. Gli addetti ai lavori danno per scontato che in tempi di crisi e di tagli, con finanziamenti che non coprono l' addestramento dei soldati, il piano verrà ridimensionato. Tanto più che all'Italia va una quota minima di produzione, parte dell'ala affidata ad Alenia aeronautica.

    Restano dubbi sulla necessità del jet per il nostro Paese. Una macchina invisibile ai radar, capace di colpire in profondità, supertecnologica e costosissima, non sembra l'ideale per affrontare una guerriglia come quella afgana che usa mezzi medievali. A meno di motivazioni inconfessabili: l'ipotesi che le bombe nucleari Usa, ritirate dalla Germania, siano schierate solo sul territorio degli alleati "meno riottosi", Italia e Turchia. Gli accordi Nato prevedono che eventuali raid con l' arma atomica siano gestiti dalla nazione ospitante, per cui l'Italia dovrebbe dotarsi a peso d' oro degli F-35 per essere pronta a scatenare, dal proprio territorio, la guerra da fine del mondo. Ipotesi spaventosa, lontana, ma comunque concretamente costosissima.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)